music-1521122.jpeg

ATTENZIONE

Questo sito fa uso esclusivamente di cookie tecnici, ma alcune applicazioni possono prevedere cookie di terze parti.

Proseguendo nella navigazioni acconsenti all'utilizzo di cookie. I dati forniti in questo form saranno tenuti segreti dal titolare del sito e non inviati per nessun motivo a terze parti, anche agli stessi componenti della redazione, senza il consenso dell'interessato. I dati raccolti grazie a questo form non saranno ceduti a terzi nè verranno utilizzati per scopi diversi da quello esclusivo dichiarato dal sito. La redazione si riserva di non rispondere a messaggi di carattere commerciale o che non sono attinenti alla natura del sito. Cliccando sul pulsante "Invia" si autorizza automaticamente il sito musicainopera.com a trattare i dati personali come descritto in questo avviso. Questo secondo la norme vigenti in tema della tutela dei dati personali e della privacy. Per maggiori informazioni: Informativa sulla privacy e informativa cookie

Musica e Parole

 Parte centrale del nostro sito dove vengono pubblicati gli articoli e le interviste agli artisti, che vengono poi condivise sulla pagine del nostro gruppo Facebook, in modo da essere sempre disponibili per i nostri membri, sostenitori e appassionati del mondo della Lirica.

"Un Requiem lontano da Napoli" - di Carmine Monaco d'Ambrosìa - Studi e approfondimenti

2021-06-01 04:00

Admin

Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, musica, musicologia, opera,

"Un Requiem lontano da Napoli" - di Carmine Monaco d'Ambrosìa - Studi e approfondimenti

Un articolo dedicato all'approfondimento del Requiem di Jommelli a cura del baritono Carmine Monaco, direttore artistico del Festival Jommelli Cimarosa

 

 

 

 

 

 

 

Con piacere ospito sul nostro sito un bellissimo approfondimento a cura del collega e direttore artistico del "Festival Jommelli-Cimarosa" di Aversa il baritono Carmine Monaco d'Ambrosia.

Il suo articolo è praticamente uno studio sul Requiem di Jommelli. Si è speso veramente con dovizia di particolari e riferimenti storici, spero che i lettori vorranno approfondire con esso l'ascolto di questo bel capolavoro sacro barocco.

Il Requiem sarà eseguito il prossimo 14 giugno alle ore 20 presso la Cattedrale di Aversa durante il Festival, sarà sicuramente una occasione importante per godere dal vivo di questa ispirata e ricercata composizione.

Buona lettura a voi,

Alessandro Ceccarini, adm

 

 

Un Requiem lontano da Napoli - di Carmine Monaco d'Ambrosìa

 

Galeotte furono le due opere di Jommelli, L’Ezio ed il Didone, che furono rappresentate a Stoccarda nel 1751, e che fecero in modo che l’allora Duca di Würtemberg, Carlo Eugenio II, che aveva dotato la città di un modernissimo teatro e di una compagine orchestrale di altissimo livello, apprezzasse il compositore fino ad affidargli il ruolo di Maestro di Cappella. E Jommelli seguì la volontà del Duca, amante dell'opera italiana, trasferendosi nella città tedesca nel 1754. Ad esso furono affidate tutte le attività musicali di Corte.

Dalla composizione di opere buffe e serie, pasticci seri e comici, intermezzi buffi, alla composizione di musica sacra per le diverse occasioni. In verità, questa ultima attività fu ridimensionata dal fatto che, nel ducato di Carlo Eugenio II, la religione cattolica, alla quale aveva aderito l’intera famiglia regnante, non era la religione di stato, essendo all'epoca il protestantesimo quella più frequentata. Di fatto Jommelli preferì affidare la composizione di liturgie a compositori minori che frequentavano, a diverso titolo, la corte. Il Requiem, quindi, è una di quelle rare situazioni nelle quali il Jommelli sacro si potè esprimere in terra tedesca.

L'occasione sorse per la dipartita della madre del Duca Carlo Eugenio, avvenuta il 1 febbraio del 1756, e costrinse Jommelli ad un tour de force che garantisse per la celebrazione liturgica prevista per il 9 febbraio a Hofkirche l'esecuzione di una messa da morto di grande valore musicale ed emotivo. La leggenda dice che il Requiem fu composto in soli tre giorni, così pare sia scritto su una copia del Requiem presente nella collezione che Giuseppe Sigismondo, dilettante ed amico di Jommelli, ha reso possibile arrivasse fino a noi. Non si sa se la cosa risponde a verità. Probabilmente si trattò di una settimana, ora più ora meno. Ma non volendo sottilizzare, ed ironizzare, bisogna dare atto che Jommelli dovette fare di necessità virtù. E per questo ricorse alla parodia di altre parti di opere sacre già scritte in Italia, e non conosciute in Germania, alla tecnica del “da capo”, che esso stesso negli anni a venire cercherà di limitare, ed a citazioni di altre sue opere teatrali. Un modo come un altro per fare presto, ma che ebbe il merito di fare in modo che avvenisse una cernita, da parte dell'autore, di quelle pagine e di quegli accenni melodici che maggiormente gli erano rimasti a cuore durante gli anni precedenti. Il Requiem, sotto questo aspetto, costituisce una vera e propria antologia della ispirazione di Jommelli fino a quel periodo.

In realtà l'esecuzione che oggi si può fare di questa pregiatissima opera può solo avvicinarsi a quella che vide la luce la sera del 9 febbraio del 1756, mancando totalmente qualsiasi riferimento alle parti che Jommelli lasciò “senza musica”, come il “Te decet Hymnus”, il Graduale ed il Tractus, affidati, secondo una tradizione in voga nelle celebrazioni liturgiche di Stoccarda e di Dresda, proveniente da quella propria delle celebrazioni rinascimentali, all'esecuzione di Gregoriani cantati dai fedeli. Per quanto attiene l’organico cui normalmente si affida il Requiem, ci sono diversi punti di vista. In una lettera che il Duca Carlo Eugenio II scrive ad un suo amico è riportata la nota spese dell'esecuzione del Requiem. In essa si parla di un organico ristrettissimo limitato a 4 violini, una viola, un violoncello, 3 contrabbassi ed un organo, che in quella occasione fu suonato dallo stesso Jommelli (Pagato 70 Gulden, meno della Marianne Pirker, soprano a fine carriera ma dai passati prestigiosi, che ne percepiva 120). Obiettivamente una compagine del genere ci pare alquanto sbilanciata, laddove viola e violoncello verrebbero fagocitati, a livello di resa sonora, dai tre contrabbassi e dall’organo.

Ci piace pensare che tale nota si riferisse a “musicisti aggiunti” ad una compagine preesistente, che poi era quella della quale Jommelli faceva stabilmente uso nelle sue rappresentazioni. Inoltre la tonalità portante, quel mib maggiore che contraddistingue l'intera composizione, potrebbe far pensare anche all’apporto di trombe che maggiormente avrebbero aggiunto solennità e forza alla rappresentazione. Ma siamo nel campo delle ipotesi. La cosa certa è che il Requiem di Jommelli, che per 20 anni rimase ineseguito e che rivide vita solo il 27 giugno del 1774 a Strasburgo dove il compositore Franz Xaver Richter lo fece eseguire, con una sua orchestrazione, in occasione della morte di Luigi XV, divenne pian piano uno dei brani sacri maggiormente di prestigio, principalmente nell’area germanica. Tanto da essere eseguito anche per la morte di Massimiliano III di Baviera nel 1778 e per le celebrazioni del 1788 a Vienna dedicate al grande compositore Gluck, sentore di quanto il nostro Jommelli fosse tenuto in grande considerazione anche dagli “addetti ai lavori”.

In Italia il Requiem ebbe diffusione grazie all'opera di Nicola Sala che nel 1781 integrò la scrittura di Jommelli con alcune sue creazioni ed ad una partitura, revisionata da Gherardo Gherardi, che ebbe maggiormente diffusione nel nord. Una curiosità: Il 31 gennaio del 1823, presso la Basilica dei XII Apostoli in Roma, venne allestita una celebrazione di commemorazione della figura del grande scultore Antonio Canova. La chiesa fu decorata con un imponente scenografia da Giuseppe Valadier che volle riproporre le opere più famose del grande scultore morto a Venezia l'anno precedente.

Ebbene in quella occasione venne eseguito il Requiem di Jommelli con l’uso, addirittura, di una doppia orchestra.

carmine1-1622512507.jpg

Il baritono Carmine Monaco d'Ambrosia

blogmusica-e-parole

Note Domenicali n° 7 (02/10) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, note domenicali,

Note Domenicali n° 7 (02/10) - "A Cristina Deutekom, a. C.D. e p. C.D." di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-10-02 23:39

L'appuntamento di Note Domenicali di Gianluca Macovez di questa settimana è dedicato alla figura del soprano Cristina Deutekom

La rara Messa di Pacini in memoria di Vincenzo Bellini a Catania il 1 ottobre 2022
News, Musicologia generale, Curiosità, opera, news,

La rara Messa di Pacini in memoria di Vincenzo Bellini a Catania il 1 ottobre 2022

Admin

2022-10-01 03:23

Domani sabato 1 ottobre a Catania verrà eseguita la rara Messa da Requiem che Giovanni Pacini scrisse per la traslazione della salma di Bellini

Anteprima del nuovo disco di arie d'opera del tenore Amadi Lagha
News, Musicologia generale, Interviste, Curiosità, opera,

Anteprima del nuovo disco di arie d'opera del tenore Amadi Lagha

Admin

2022-09-28 20:42

Dal 3 ottobre disponibile sul web l'aria "Nessun dorma" come anteprima del nuovo disco del tenore Amadi Lagha

Intervista al soprano Francesca Pedaci - di Loredana Atzei
News, Musicologia generale, Storia della Lirica, Interviste, Interviste artisti, Curiosità, opera, lirica, intervista,

Intervista al soprano Francesca Pedaci - di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2022-09-27 02:56

Una bella intervista di Loredana Atzei in cui il soprano e insegnante di successo Francesca Pedaci si racconta ai lettori di Musicainiopera

Note Domenicali n° 6 (25/09) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, lirica,

Note Domenicali n° 6 (25/09) - "Un soffio è la mia voce... anche meno" di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-09-25 23:30

Gianluca Macovez in questa puntata di Note Domenicali ci parla di aspetti legati alle carriere di alcuni grandi cantanti

Presentazione della Stagione di Lirica e Balletto 22-23 della Fondazione Teatro Verdi di Trieste
News, Storia della Lirica, Curiosità, opera, lirica,

Presentazione della Stagione di Lirica e Balletto 22-23 della Fondazione Teatro Verdi di Trieste

Gianluca Macovez

2022-09-22 00:11

La presentazione della Stagione di Lirica e Balletto 2022 2023 della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste

Note Domenicali n°5 (18/09) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, Teatro, opera, lirica, teatro,

Note Domenicali n°5 (18/09) - "Animali del palcoscenico, ossia i campioni di personalità" di Gianluca Macove

Gianluca Macovez

2022-09-18 02:31

In Note Domenicali questa settimana Gianluca Macovez si occupa di figure emblematiche del Teatro e della Lirica, parlando del loro innato straordinario carisma

Prorogate fino al 25 settembre le iscrizioni al 10° Premio Internazionale di canto lirico Fausto Ricci di Viterbo
News, Curiosità, opera, concorso,

Prorogate fino al 25 settembre le iscrizioni al 10° Premio Internazionale di canto lirico Fausto Ricci di Vit

Admin

2022-09-17 03:18

Raina Kabaivanska annunciata Presidente di Giuria alla 10ª Edizione del Concorso lirico Fausto Ricci di Viterbo (Teatro dell'Unione dal 10 al 16 ottobre 2022)

L'attore Federico Barsanti ospite questa sera al Festival “A veglia” di Manciano (Gr)
News, Curiosità, Teatro, teatro, comunicato stampa,

L'attore Federico Barsanti ospite questa sera al Festival “A veglia” di Manciano (Gr)

Admin

2022-09-17 03:09

L’attore versiliese Federico Barsanti sarà ospite stasera alle ore 21,30 con lo spettacolo Signora Porzia della XVI edizione del Festival "A Veglia" di Manciano

Note Domenicali n°4 (11/09) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, ricordi,

Note Domenicali n°4 (11/09) - "L'Urlo edificatore, una bella Gioconda areniana" - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-09-11 03:33

L'appuntamento domenicale con le memorie di Gianluca Macovez ci porta alla scoperta di Hana Janku e Cornell Mac Neil, ricordando una bella Gioconda areniana

Note Domenicali n°3 (04/09) - Alziamo le mani, il mio incontro con Del Monaco - di Gianluca Macovez
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità,

Note Domenicali n°3 (04/09) - Alziamo le mani, il mio incontro con Del Monaco - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-09-04 14:08

Il terzo appuntamento con Note Domenicali, la rubrica di successo di Gianluca Macovez dedicata ai suoi ricordi teatrali

Musicologia generale, Storia della Lirica, Interviste artisti, Curiosità, opera, intervista,

"Le interviste del Loggione" - Intervista al soprano Carmen Lavani - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-08-31 18:01

La bellissima intervista di Gianluca Macovez al soprano Carmen Lavani per "Le Interviste del Loggione". Buona lettura

Recensione su La Creazione di Haydn ad Amsterdam - di Kevin De Sabbata
News, Musicologia generale, Recensioni,

Recensione su La Creazione di Haydn ad Amsterdam - di Kevin De Sabbata

Kevin De Sabbata

2022-08-30 19:52

La recensione del nostro collaboratore Kevin De Sabbata da Amsterdam . Buona lettura

Note domenicali n° 2 (28-08)
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, verdi,

Note domenicali n° 2 (28-08) "Nabucco all'Arena, un esordio da coprotagonista" - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-08-28 00:01

Il racconto curioso e divertente di una serata all'Arena dalla penna di Gianluca Macovez per il secondo appuntamento con la rubrica Note Domenicali

Debutta al 36° Todi Festival lo spettacolo
News, Curiosità, Teatro, teatro,

Debutta al 36° Todi Festival lo spettacolo "Il corpo della donna come campo di battaglia" - di Elena Torre

Elena Torre

2022-08-25 13:35

Debutta al Festival di Todi lo spettacolo "Il corpo della donna come campo di battaglia" con Maria Bargilli e Annalisa Canfora, regia di Alessio Pizzech

Note Domenicali n°1 (21-08) - La Carmen all'Arena nel 1970 e un ricordo di Franco Corelli - di G. Macovez
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, musicologia, opera,

Note Domenicali n°1 (21-08) - La Carmen all'Arena nel 1970 e un ricordo di Franco Corelli - di G. Macovez

Gianluca Macovez

2022-08-21 03:12

La prima puntata della nuova rubrica di Gianluca Macovez è dedicata al ricordo di una straordinaria Carmen del 1970 all'Arena e al grande tenore Franco Corelli

Intervista al regista Salvo Piro e al direttore artistico del Luglio Musicale Trapanese Walter Roccaro - di Loredana Atzei
News, Interviste, Interviste artisti, Curiosità, opera, intervista,

Intervista al regista Salvo Piro e al direttore artistico del Luglio Musicale Trapanese Walter Roccaro - di Lo

Loredana Atzei

2022-08-19 20:02

Una doppia intervista che la nostra inviata a Trapani Loredana Atzei ha potuto effettuare in occasione della Traviata andata in scena pochi giorni fa

Tosca, una preziosa analisi di Guido Paduano (ritrovata in archivio)
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, musicologia, opera, puccini,

Tosca, una preziosa analisi di Guido Paduano (ritrovata in archivio)

Admin

2022-08-13 02:11

Delle riflessioni su Tosca di Guido Paduano raccolte in un articolo non più disponibile su internet ma che ho recuperato fortunosamente nel mio archivio

Carmen all'Arena di Verona (recita del 31/07/22) - di Loredana Atzei
News, Musicologia generale, Curiosità, opera, recensione,

Carmen all'Arena di Verona (recita del 31/07/22) - di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2022-08-03 00:23

La nostra inviata Loredana Atzei è tornata a vedere all'Arena la Carmen il 31 luglio scorso. Questa la sua recensione

Pagine mascagnane - invito all'ascolto
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, lirica,

Pagine mascagnane - invito all'ascolto

Admin

2022-08-02 20:24

Un omaggio a Pietro Mascagni nella ricorrenza della sua morte

Ecco di seguito gli articoli pubblicati nel nostro blog Musica e Parole. Spuntando i vari anni e mesi potrete aprire il menù da cui poter accedere a tutte le risorse disponibili nella sezione. Sulla pagina Archivio storico inoltre troverete questa sezione più alcune altre risorse e link ai contenuti del sito

I 10 articoli più letti

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder