music-1521122.jpeg

ATTENZIONE

Questo sito fa uso esclusivamente di cookie tecnici, ma alcune applicazioni possono prevedere cookie di terze parti.

Proseguendo nella navigazioni acconsenti all'utilizzo di cookie. I dati forniti in questo form saranno tenuti segreti dal titolare del sito e non inviati per nessun motivo a terze parti, anche agli stessi componenti della redazione, senza il consenso dell'interessato. I dati raccolti grazie a questo form non saranno ceduti a terzi nè verranno utilizzati per scopi diversi da quello esclusivo dichiarato dal sito. La redazione si riserva di non rispondere a messaggi di carattere commerciale o che non sono attinenti alla natura del sito. Cliccando sul pulsante "Invia" si autorizza automaticamente il sito musicainopera.com a trattare i dati personali come descritto in questo avviso. Questo secondo la norme vigenti in tema della tutela dei dati personali e della privacy. Per maggiori informazioni: Informativa sulla privacy e informativa cookie

Musica e Parole

 Parte centrale del nostro sito dove vengono pubblicati gli articoli e le interviste agli artisti, che vengono poi condivise sulla pagine del nostro gruppo Facebook, in modo da essere sempre disponibili per i nostri membri, sostenitori e appassionati del mondo della Lirica.

Antiche contaminazioni musicali tra Europa, America e Africa

2021-02-17 01:57

Admin

Musicologia generale, Curiosità, musica, musicologia, storia, Curiosità,

Antiche contaminazioni musicali tra Europa, America e Africa

Proseguiamo il nostro viaggio nel tempo alla scoperta del rapporto delle civiltà antiche con la Musica analizzando il legame tra Europa, Africa e America

 

 

 

 

Proseguiamo il nostro viaggio nel tempo alla scoperta del rapporto delle civiltà antiche con la Musica e il Canto.

Le osmosi tra culture diverse si sono sempre verificate nella storia, e questo vale anche per quanto concerne la musica, ovviamente. Così nel mondo più antico troviamo tracce mesopotamiche nella musica egizia, fusioni tra questa e quella successiva dei greci, per non parlare della civiltà romana, che verso quella greca ha un grosso debito (vedi il mio articolo sulla musica dell'antica Grecia e nell'antica Roma sul nostro sito).

Nelle antiche città sumeriche sacerdoti, astrologi, liturgisti, matematici e musici operavano insieme riuniti in una sola corporazione e stretta doveva essere la parentela tra suono e divinità. La stessa cosa accadeva in Egitto dove la musica era
addirittura chiamata hy, ovvero "gioia". Anche per gli egizi il suono era in relazione con la religione e la cosmologia: conoscevano la scala cromatica e fondevano in un unico disegno divino le sette note, i sette giorni e i sette pianeti noti.
Compresi tra due colossi culturali, Egizi e Greci, gli Ebrei svilupparono una musica corale di vaste proporzioni soprattutto attorno al 1000 avanti Cristo, con Davide e Salomone, della quale abbiamo notizie attraverso la Bibbia.
Questo per dire del fitto intreccio di interessi che si muovevano dal Medio Oriente verso il bacino del Mediterraneo. In quanto agli arabi, la storia della loro musica comincia fin dai tempi della cosiddetta "ignoranza", ovvero i tempi della Giahiliyya, che vanno fino a quel 622 dopo Cristo, anno dell'Egira, in cui inizia l'epoca musulmana. Il Corano non prende una posizione decisa nei confronti dell'arte dei suoni, anche se lascia intendere che, nel complesso potrebbe essere considerata come non positiva. Così la musica si sviluppa, o si reprime, secondo le diverse interpretazioni delle parole del Profeta. Certo è che sotto le dinastie degli Omayyadi e degli Abbasidi, in anni compresi tra la fine del 600 e la metà del 1200, la musica si sviluppa rigogliosa.  Le qainat, ragazze dedicate al piacere, ma anche con una seria preparazione al canto e agli strumenti dell'epoca, tornano di moda, ed è allora che le corti di Bagdad e di Damasco si popolano di musicisti, e con la conquista dei paesi dell'Africa del Nord e poi della Spagna, la musica araba dilaga in mezzo mondo, trascinando con sé idiomi e introducendo strumenti che appartenevano anche alla società persiana.
E'nota la storia di Zyriab, musicista scacciato per invidia dal suo maestro Mawsili, rifugiatosi a Cordoba dove potè lavorare e diffondere il suo credo artistico, penetrato in profondità nella cultura spagnola al punto da essere ancora oggi un momento di riferimento: il canto jondo, il flamenco, il canto andaluso, che poi hanno coinvolto tutta l'area marocchina, pensate provengono da lui e quindi sono figli diretti della musica araba.

 

E'un periodo di straordinario interesse nella storia delle contaminazioni delle musiche "altre", ovvero dei paesi extraeuropei con quelli del Mediterraneo che troveranno, a partire dal 1492, altri punti di aggregazione.
Quando Cristoforo Colombo sbarcò nelle Antille, in Europa le famiglie nobili di Lisbona già avevano al loro servizio degli schiavi neri, per lo più provenienti dal Senegal e dalla regione della Costa d'Oro, oggi Ghana, ma è con la conquista delle Americhe che le culture indigene si arrendono a quelle dei conquistatori, un trauma anche per la musica perchè per quegli abitanti sembravano ormai usanze stabilizzate nel tempo. Società amerinde si fondono da prima con quelle spagnole, portoghesi, inglesi e francesi e poi con quelle africane, per via della tratta degli schiavi che prende piede velocemente e diffonde gli uomini in catene in ogni parte del mondo con le navi. A bordo dei vascelli nascono dei canti di ribellione sopita, gli schiavi possiedono solo le loro culture e quindi portano la loro musica nel cuore sulle onde. Nel 1516 il navigatore spagnolo Juan Diaz de Solis attraccava nell'estuario del Rio de la
Plata, iniziando la conquista di quegli immensi territori che Caboto aveva definito "terra dell'argento", da qui il nome che assumerà l'immenso stato dell'Argentina.
Argento in verità ne fu trovato assai poco: la regione era abitata da almeno 300.000 persone che li vivevono per lo più di caccia e di raccolta di materie prime, perché non avevano raggiunto il grado di civiltà dei vicini Incas. Ma gli spagnoli conquistatori, accolti come delle divinità, erano in pratica soltanto di genere maschile, che così in breve tempo si è formato un tessuto sociale meticcio, organizzata in gran parte dai Gesuiti, giunti a seguito degli europei. E furono loro, costruendo chiese e portando alla religione gli indios, a introdurre anche la musica, che in breve tempo prese caratteri ambigui: si sommarono melodie modali del Medioevo europeo, nostalgie andaluse, riconoscibili dai tempi ternari e nelle continue alternanza di tre quarti e di sei ottavi, e melodie basate su scale di cinque o addirittura di tre note, provenienti dalle musiche locali. A questi due generi si era poi aggiunto quello africano,
e non importa che gli schiavi in Argentina fossero numericamente molto limitati: il malambo, che viene indicato come un genere tipicamente argentino, deriva dall'Africa; la sua origine non è legata al suo nome così fortemente evocativo, cosa che vale pure per la zampa, da non confondersi con il samba che è esclusivo del Brasile, anche se l'etimologia è la stessa e deriva da Simba che in Bantù significa "danza". 

Anche a Cuba si erano formate le stesse osmosi artistiche e così la controdanza è alla radice della danza messicana, della habanera che si è estesa poi anche alla Spagna e perfino alla Francia fino ad arrivare in tempi più recenti allo stesso tango, che, frutto di molti innesti, si è installato fino dal 1800 a Buenos Aires, diventando famoso in tutto il mondo, dapprima con la produzione popolare di Carlos Cardel, poi con quella più intellettuale di Astor Piazzolla. Fra questi due nomi vanno ricordati anche quelli di Alberto Ginastera, Julasi Aguirre, Carlos Gustavino, ed Eduardo Hubert, pianista e compositore, oltre che ricercatore appassionato delle musiche tradizionali del suo popolo. Lo stesso tipo di fusioni avveniva, negli stessi secoli, in Brasile, divenuto terra portoghese. Per quanto poco si sappia delle origini e delle prime connessioni tra indios, bianchi e neri, è certo che in Brasile esisteva da sempre la pratica del choro, nome dato a piccoli gruppi di musicisti-cantanti che si esibivano un po' ovunque, al punto che oggi il nome "choro" ha preso il significato di un genere musicale che si esprime con un tempo binario molto veloce. In questo mondo, ovviamente in anni assai più recenti, è nato il musicista più rappresentativo del Brasile ovvero Heitor Villa-Lobos (1887-1959).


Torniamo ora al nostro percorso di ricerca delle origini della musica e andiamo alla scoperta di materiale prezioso magari ignorato fino ai giorni nostri. Con i coloni e con i conquistadores, spagnoli e portoghesi venivano inviati a seguito anche dei sacerdoti perché iniziassero subito l'opera di conversione dei nativi. Quei sacerdoti erano uomini davvero tuttofare, in grado di affrontare ogni ostacolo, quindi anche di insegnare la musica a chi non conosceva nemmeno una lingua europea e ancora di più non sapeva nemmeno leggere. Furono loro i primi a scrivere musiche capaci di farsi familiari per essere intese anche dagli amerindi e poi dei popoli dell'Africa nera, e per farlo dovettero, in qualche modo, usare delle strutture, formule, schemi musicali in uso fra quelle genti, in modo da invogliarli a frequentare la chiesa, producendo delle musiche orecchiabili e quindi mentalmente compiacenti. Nascono così le prime contaminazioni musicali. Gaspar Fernandes è uno dei primi sacerdoti compositori di cui si hanno notizie e con lui poi Juan Guitierrez de Padila (ASCOLTI disponibili in fondo all'articolo, certo uno dei compositori più fecondi e felici del periodo di cui parliamo. Maestro di cappella a Cadice fu poi inviato a Puebla per assistere Gaspar Fernandes, e prese il suo posto. Fra le molte pagine scritte secondo la tradizione europea, ne ha prodotte altre nelle quali utilizza i "villancicos", ovvero canti contadini locali, e per i testi usava un linguaggio misto che comprendeva parole amerinde e africane, in una sorta di scioglilingua. Ne è uno splendido esempio un tema intitolato "A siolo Flasiquiyo", un canto negrillo a 2 e a 6 voci (il cui titolo significa "Al signor Francisquillo") che usa un testo nel quale si parla di Tomè (isola al largo della costa occidentale dell'Africa) e che lega fra loro parole davvero incomprensibili, certo non appartenenti al lessico di un sacerdote dell'epoca.

E' stato Francisco Curt Lange, tedesco trasferitosi in Uruguay nel 1930, a dare il via alle ricerche scoprendo così uno straordinario mondo creativo rimasto fino ad oggi sconosciuto. 
Dunque dall'Africa partono per il mondo i filoni etnico musicali che portano ovunque influenze positive, sia pure mischiandosi con altri linguaggi, fino ad arrivare alla nascita del jazz. Anche se è da osservare che oggi il continente nero pare riscoprire le sue origini scegliendo molto la rivisitazione dei motivi tribali, mischiando al rap (e al trap negli USA) velocità antiche, giaculatorie laiche, armonizzate dagli artisti che derivano dalle contaminazioni
europee.
Il jazz d'avanguardia è svolto da molti musicisti di estrazione europea o anche americana, che attingono dall'Africa per dare colore a certe loro pagine, così come prendono in prestito motivi dal patrimonio indiano e orientale. Certo è che queste contaminazioni continueranno nel tempo e chissà a quale e a quante alchimie nuove assisteremo.

La musica è viva ed è in movimento (nonostante la pandemia!).

 

Alessandro Ceccarini, Adm

 

 

 

(da progetto ETA)

egizi-1613522726.jpg

Una libera ricostruzione di un momento musicale ai tempi degli antichi egizi


unanticaarpaafricana-1613522784.jpg

Una antica arpa africana


ASCOLTI - MUSICA DI JUAN GUTIÉRREZ DE PADILLA

Lo stupendo brano "Deus in Adjutorium"


"Las Estrellas se rien"


Missa "Ego fos campi" a 8 voci

blogmusica-e-parole

Première dell'opera Justice di Hèctor Para al Grand Théâtre di Ginevra - Recensione di Antonio Indaco
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Première dell'opera Justice di Hèctor Para al Grand Théâtre di Ginevra - Recensione di Antonio Indaco

Antonio Indaco

2024-02-10 00:02

La recensione del nostro corrispondente Antonio Indaco della prima rappresentazione assoluta dell'opera Justice di Para a Ginevra

Anna Bolena a Trieste: un incontro di grandi voci - Recensione di Gianluca Macovez
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Anna Bolena a Trieste: un incontro di grandi voci - Recensione di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2024-02-02 03:46

La recensione di Gianluca Macovez dell'Anna Bolena al Verdi di Trieste

Il Barbiere di Siviglia a Tempio Pausania - Recensione di Loredana Atzei
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Il Barbiere di Siviglia a Tempio Pausania - Recensione di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2023-12-28 13:50

La nostra corrispondente Loredana Atzei ci parla del successo ottenuto dalla ripresa di Barbiere di Siviglia andata in scena al Teatro di Tempio Pausania

Tantissimi auguri di buone feste... in Musica (anno 2023)
News, Musicologia generale, Curiosità, musica, news,

Tantissimi auguri di buone feste... in Musica (anno 2023)

Admin

2023-12-23 14:04

I tradizionali auguri in musica del gruppo L'Opera Lirica dal Loggione & Musica in Opera. Buone feste a tutti!!!!

Concerto di San Silvestro al Giovanni da Udine con la Strauss Festival Orchester Wien
News, Musicologia generale, Curiosità, news, concerto,

Concerto di San Silvestro al Giovanni da Udine con la Strauss Festival Orchester Wien

Admin

2023-12-22 20:43

Concerto di San Silvestro al Teatro di Udine. Solista il soprano Yutong Shen.

Dodici anni dopo di Menicagli, il sequel di Cavalleria Rusticana diventa un film - di Fulvio Venturi
News, Musicologia generale, Teatro, Recensioni, opera, news, film,

Dodici anni dopo di Menicagli, il sequel di Cavalleria Rusticana diventa un film - di Fulvio Venturi

Fulvio Venturi

2023-12-22 20:25

Il sequel di Cavalleria Rusticana diventa un film, che è stato proiettato con successo in anteprima a Livorno. Ce ne parla Fulvio Venturi

‘Parole di Donne’ a Londra con Natalie Dessay - Recensione di Kevin De Sabbata
Musicologia generale, Storia della Lirica, Recensioni, opera, concerto,

‘Parole di Donne’ a Londra con Natalie Dessay - Recensione di Kevin De Sabbata

Kevin De Sabbata

2023-12-10 17:26

Bellissimo intimo concerto del grande soprano Natalie Dessay a Londra. Ce ne parla il nostro inviato Kevin De Sabbata

Al baritono Alessandro Luongo il Premio Speciale 2023 al 67° Premio Letterario Pisa. Un riconoscimento anche alla Fondazione Cerratelli
News, Curiosità, opera, news,

Al baritono Alessandro Luongo il Premio Speciale 2023 al 67° Premio Letterario Pisa. Un riconoscimento anche

Admin

2023-11-17 21:55

Premio Speciale al baritono Alessandro Luongo, riconoscimenti importanti anche per la Fondazione Cerratelli e allo storico Fulvio Venturi al 67° Premio Pisa

I cent'anni di Victoria de los Angeles - di Gianluca Macovez
Musicologia generale, Storia della Lirica, Recensioni, opera, recensione,

I cent'anni di Victoria de los Angeles - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2023-11-04 02:55

I cento anni della nascita del grande soprano Victoria de los angeles celebrati al Teatro di Udine. Resoconto di Gianluca Macovez

Iolanthe di Arthur Sullivan alla English National Opera - Recensione di Kevin De Sabbata
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Iolanthe di Arthur Sullivan alla English National Opera - Recensione di Kevin De Sabbata

Admin

2023-10-21 02:52

Successo per il collaudato spettacolo che è stato riproposto alla ENO con alcuni particolari che rimandano all'attualità. Il nostro inviato Kevin De Sabbata

Infinito Specchio Strada spettacolo teatrale-musicale alla ricerca dell'IO interiore
Musicologia generale, Curiosità, Teatro, Recensioni, teatro, Curiosità,

Infinito Specchio Strada spettacolo teatrale-musicale alla ricerca dell'IO interiore

Admin

2023-10-17 00:33

Un bellissimo spettacolo teatrale-musicale è andato in scena all'Hospitale con grande successo di critica e di pubblico. Tra i protagonisti Gianluca Macovez

A Bolzano torna in scena lo spettacolo teatrale “Stai zitta!“
News, Curiosità, Teatro, news, teatro,

A Bolzano torna in scena lo spettacolo teatrale “Stai zitta!“

Elena Torre

2023-10-17 00:15

Stai zitta! spettacolo tratto da un libro di Michela Murgia torna in scena a Bolzano. Protagonista l'attrice toscana Teresa Cinque

Il Recital di Roberto Alagna a Saint Sulpice - Recensione di Loredana Atzei
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Il Recital di Roberto Alagna a Saint Sulpice - Recensione di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2023-10-12 01:31

La nostra inviata Loredana Atzei ci racconta in questo articolo del bellissimo recital del tenore Roberto Alagna nella suggestiva chiesa di Saint Sulpice

A Radicondoli due giornate in ricordo del musicista Ernesto Becucci - di Loredana Atzei
News, Curiosità, Recensioni, news, recensione,

A Radicondoli due giornate in ricordo del musicista Ernesto Becucci - di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2023-10-07 03:50

Loredana Atzei ci parla delle due giornate di settembre dedicate al musicista Ernesto Becucci svoltesi a Radicondoli. Buona lettura

Due giorni con VerdiBorghi: il concerto Songs and Dances nei teatri di Fauglia e Chianni
News, Curiosità, news, concerto,

Due giorni con VerdiBorghi: il concerto Songs and Dances nei teatri di Fauglia e Chianni

Admin

2023-09-15 00:41

Il Teatro di Pisa porta il concerto Songs and Dances nei due caratteristici borghi toscani della provincia di Pisa. Una collaborazione molto interessante

Due masterclass internazionali per il M° Massimo Iannone vocal coach
News, Curiosità, opera, news, comunicato stampa,

Due masterclass internazionali per il M° Massimo Iannone vocal coach

Admin

2023-09-02 14:20

Due importanti appuntamenti per uno dei più affermati e apprezzati vocal coach dell'ambiente lirico

Successo per Madama Butterfly all'Arena di Verona - Recensione di Loredana Atzei
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Successo per Madama Butterfly all'Arena di Verona - Recensione di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2023-08-22 00:28

La recensione della nostra inviata Loredana Atzei di Madama Butterfly all'Arena di Verona. Buona lettura

Le Interviste del Loggione - Intervista al baritono Roberto Frontali
News, Storia della Lirica, Interviste, Interviste artisti, Curiosità, opera, intervista,

Le Interviste del Loggione - Intervista al baritono Roberto Frontali

Admin

2023-08-21 23:57

Disponibile qui sul nostro sito la diretta streaming con il grande baritono Frontali. Buona visione

Sinfonia di
News, Curiosità, comunicato stampa, concerto,

Sinfonia di "Speranza e resilienza" al 3° memorial Michele Amoroso: un atto di solidarietà per l'oncologia p

Admin

2023-08-08 02:44

Importante evento in favore di una importante causa benefica che vedrà l'esecuzione di pietre miliari della musica romantica

Grande entusiasmo per la prima di Tosca all'Arena di Verona - Recensione di Loredana Atzei
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Grande entusiasmo per la prima di Tosca all'Arena di Verona - Recensione di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2023-08-03 03:38

Una prima di grande successo all'Arena di Verona che ha visto come interpreti principali Aleksandra Kurzak, Roberto Alagna e Luca Salsi. Recensione di L. Atzei

Ecco di seguito gli articoli pubblicati nel nostro blog Musica e Parole. Spuntando i vari anni e mesi potrete aprire il menù da cui poter accedere a tutte le risorse disponibili nella sezione. Sulla pagina Archivio storico inoltre troverete questa sezione più alcune altre risorse e link ai contenuti del sito

I 10 articoli più letti

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder