music-1521122.jpeg

ATTENZIONE

Questo sito fa uso esclusivamente di cookie tecnici, ma alcune applicazioni possono prevedere cookie di terze parti.

Proseguendo nella navigazioni acconsenti all'utilizzo di cookie. I dati forniti in questo form saranno tenuti segreti dal titolare del sito e non inviati per nessun motivo a terze parti, anche agli stessi componenti della redazione, senza il consenso dell'interessato. I dati raccolti grazie a questo form non saranno ceduti a terzi nè verranno utilizzati per scopi diversi da quello esclusivo dichiarato dal sito. La redazione si riserva di non rispondere a messaggi di carattere commerciale o che non sono attinenti alla natura del sito. Cliccando sul pulsante "Invia" si autorizza automaticamente il sito musicainopera.com a trattare i dati personali come descritto in questo avviso. Questo secondo la norme vigenti in tema della tutela dei dati personali e della privacy. Per maggiori informazioni: Informativa sulla privacy e informativa cookie

Musica e Parole

 Parte centrale del nostro sito dove vengono pubblicati gli articoli e le interviste agli artisti, che vengono poi condivise sulla pagine del nostro gruppo Facebook, in modo da essere sempre disponibili per i nostri membri, sostenitori e appassionati del mondo della Lirica.

Note di memoria: ricordo del tenore Nicola Stame - di Loredana Atzei

2022-01-17 23:21

Loredana Atzei

Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità,

Note di memoria: ricordo del tenore Nicola Stame - di Loredana Atzei

Un bellissimo omaggio alla figura del tenore Nicola Stame, ucciso dai nazisti alle Fosse Ardeatine, a cura di Loredana Atzei

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nicola Stame, detto Ugo, nasce l’8 Gennaio del 1908 a Foggia, una terra povera, in un periodo storico critico che culminò pochi anni dopo con la prima guerra mondiale.

In questi anni, esattamente nel 1915, venne costruita la scuola di volo con ben due piste.

Nicola inizialmente studia all’istituto industriale e nel 1927 si arruola come motorista.

Non ci è dato sapere se già cantava, ma anche se avesse saputo di avere doti musicali non avrebbe comunque potuto coltivarle.

Studiare musica era roba per ricchi non per chi viveva in condizioni precarie e non possedeva nemmeno l’acqua corrente in casa.

E poi aveva la madre e la sorella di cui occuparsi. La strada era obbligata. Non c’era spazio per i sogni.

Diventa aviere e, nel 1932, viene trasferito all’aeroporto di Ciampino Nord.

A Roma finalmente incontra le due grandi passioni della sua vita.

Lucia, la donna che diventerà sua moglie, e la lirica.

Prende lezioni da uno dei Maestri dell’Accademia di Santa Cecilia e dal soprano Anna Gramegna che venne scelta direttamente da Puccini per interpretare Zita (Gianni Schicchi) e Frugola (Tabarro) nella prima del Trittico.

Nel 1933 sveste la divisa da aviere e va in scena con “L’amico Fritz”, commedia lirica in tre atti di Mascagni, due mesi dopo sarà la volta del “Nabucco” di Verdi. Le critiche lo esortano a continuare. Cito testualmente: “Nel suo futuro c’è l’Opera lirica , lo studio del belcanto. Ha tecnica, respirazione, dizione, agilità, potenza e morbidezza. Il timbro è una dote naturale che non gli manca.”

Nel 1938 vengono emanate le leggi razziali che escludono gli ebrei dalla vita sociale ed economica del Paese. Nicola non riesce a far finta di niente di fronte ai soprusi. Glielo impedisce la sua etica e il suo senso di giustizia.

Frequenta antifascisti ebrei e partigiani attirandosi l’attenzione dell’OVRA: la polizia segreta del fascismo che si avvale di una fitta rete di collaborazionisti e delatori.

E sarà l’OVRA a irrompere in Teatro mentre Stame nel ruolo di Calaf sta intonando: “Non c’è asilo per noi, padre, nel mondo…”

Le note si interrompono di botto e il funzionario chiede la tessera del Partito Fascista. Lui rifiuta di esibirla.

La sua fedeltà ai valori nei quali crede gli costa due mesi di carcere.

Dopo lo aspetta la Tosca nella quale si esibisce riscuotendo critiche lusinghiere e concedendo un bis, richiesto a gran voce, del “Lucevan le stelle...”

Ma ormai è un vigilato speciale e dopo l’arresto gli sono interdetti i Teatri Regi.

Tuttavia l’amore per il canto è più forte di tutto. Avrebbe rinunciato ai grandi teatri ma non all’Opera. I fascisti non gli avrebbero impedito di cantare, nonostante il clima di guerra e nonostante i continui controlli.

Va in scena con il Rigoletto, ancora Tosca e poi un recital con una buona interpretazione de “Il lamento di Federico” che suscita grandi consensi nel pubblico.

Nel 1941 Nicola Stame alterna la vita militare, a quella di cantante lirico ed è marito e padre di tre figlie.

A quel tempo un impresario nota il suo talento e lo invita a imbarcarsi per il Sudamerica dove la popolazione italiana è numerosa e dove avrebbe potuto esibirsi liberamente.

E’ l’occasione per ricominciare. Per avviare una nuova vita, senza controlli, senza restrizioni e con la realizzazione della sua arte.

Ma lui rifiuta.

Alla richiesta di spiegazioni da parte della moglie egli risponde lapidario:

“Non è questione di politica. In questo momento il fatto è di essere uomini o non essere uomini.”

Il suo rigore morale lo porterà a incontrare personaggi invisi al regime fino a quando, nel 1944, la soffiata di un informatore italiano lo consegna ai fascisti e viene rinchiuso a Regina Coeli.

L’Avvocato dopo la sentenza si compiace del buon esito: Nicola Stame dovrà scontare 5 anni di reclusione.

E Nicola è lì dietro le sbarre a far coraggio ai suoi compagni con il suo canto.

Ogni sera intona le arie più belle della lirica come se fosse nel più importante dei Teatri circondato da velluti, da scenografie opulente, costumi pregiati e dal calore del pubblico, invece che da solo in una grigia cella, con abiti poveri e laceri in un luogo di lacrime. Come Manrico nell’ultimo atto. Come Cavaradossi.

Ad un suo compagno di lotta confida:

“Quando sentirai la mia voce cantare sarà il segnale del nostro saluto e del pensiero che tutti noi ti siamo vicini. Quella voce è la nostra anima, la nostra vita in lotta.”

 

La vita di Nicola Stame si conclude alle Fosse Ardeatine insieme a quei prigionieri prelevati e uccisi per rappresaglia in seguito all’attacco vibrato dalla Resistenza italiana in via Rasella dove restarono uccisi 30 soldati Tedeschi.

 

Non ho reperito nastri con la sua voce ma le critiche del tempo la descrivono come duttile, squillante, potente, capace di eseguire in tono la celebre cabaletta del Trovatore, “Di quella pira…” spingendosi all’acuto senza problemi, con un’espressività da cantante attore.

Quella voce possiamo solo immaginarla.

Chissà dove sarebbe potuto arrivare Nicola Stame se non fosse vissuto in tempi bui, e se in quei tempi bui non avesse deciso di essere un uomo vero.

Un uomo come Manrico che con impeto spronava i suoi soldati alla battaglia al grido di “Madre infelice corro a salvarti…” o come Mario Cavaradossi che nasconde l’Ancelotti declamando “La vita mi costasse vi salverò…”.

Personaggi romantici, coraggiosi, sprezzanti del pericolo che lui portava in scena con una vera passione, riscontrabile nella voce e nell’interpretazione, e che il pubblico ricompensava con grandi applausi.

Ma ad essere uomini in tempi cupi non ci si guadagna ammirazione e nessuno lo applaudì quando uscì di scena.

Un colpo alla nuca pose fine alla sua vita e al suo canto palpitante di emozioni.

Nessun applauso dunque ma il rispetto dei compagni e la fedeltà ai suoi valori e il ricordo colmo di gratitudine di chi lo ha conosciuto e ha tratto forza dal suo canto:

“La voce vibrò melodiosa. Man mano aumentava di volume, di tonalità, le note si alzavano riempiendo l’aria di dolcezza, i nostri cuori di passione. Lo ascoltavamo rapiti in religioso silenzio. Anche il burbero teutonico ascoltava in raccoglimento. Ogni sera quel canto gonfiava i nostri cuori di tenerezza e beava le nostre anime di vagheggiato trionfo. Nemmeno le pene, nemmeno il martirio avevano potuto valere quel canto.”

di Loredana Atzei

 

Su Nicola Stame è stato scritto un libro:

“Il tenore partigiano – Nicola Stame: il canto, la resistenza, la morte alle fosse Ardeatine”

Di Lello Saracino

Edizioni Alegre

stame-2.jpeg
blogmusica-e-parole

Note Domenicali n° 7 (02/10) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, note domenicali,

Note Domenicali n° 7 (02/10) - "A Cristina Deutekom, a. C.D. e p. C.D." di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-10-02 23:39

L'appuntamento di Note Domenicali di Gianluca Macovez di questa settimana è dedicato alla figura del soprano Cristina Deutekom

La rara Messa di Pacini in memoria di Vincenzo Bellini a Catania il 1 ottobre 2022
News, Musicologia generale, Curiosità, opera, news,

La rara Messa di Pacini in memoria di Vincenzo Bellini a Catania il 1 ottobre 2022

Admin

2022-10-01 03:23

Domani sabato 1 ottobre a Catania verrà eseguita la rara Messa da Requiem che Giovanni Pacini scrisse per la traslazione della salma di Bellini

Anteprima del nuovo disco di arie d'opera del tenore Amadi Lagha
News, Musicologia generale, Interviste, Curiosità, opera,

Anteprima del nuovo disco di arie d'opera del tenore Amadi Lagha

Admin

2022-09-28 20:42

Dal 3 ottobre disponibile sul web l'aria "Nessun dorma" come anteprima del nuovo disco del tenore Amadi Lagha

Intervista al soprano Francesca Pedaci - di Loredana Atzei
News, Musicologia generale, Storia della Lirica, Interviste, Interviste artisti, Curiosità, opera, lirica, intervista,

Intervista al soprano Francesca Pedaci - di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2022-09-27 02:56

Una bella intervista di Loredana Atzei in cui il soprano e insegnante di successo Francesca Pedaci si racconta ai lettori di Musicainiopera

Note Domenicali n° 6 (25/09) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, lirica,

Note Domenicali n° 6 (25/09) - "Un soffio è la mia voce... anche meno" di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-09-25 23:30

Gianluca Macovez in questa puntata di Note Domenicali ci parla di aspetti legati alle carriere di alcuni grandi cantanti

Presentazione della Stagione di Lirica e Balletto 22-23 della Fondazione Teatro Verdi di Trieste
News, Storia della Lirica, Curiosità, opera, lirica,

Presentazione della Stagione di Lirica e Balletto 22-23 della Fondazione Teatro Verdi di Trieste

Gianluca Macovez

2022-09-22 00:11

La presentazione della Stagione di Lirica e Balletto 2022 2023 della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste

Note Domenicali n°5 (18/09) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, Teatro, opera, lirica, teatro,

Note Domenicali n°5 (18/09) - "Animali del palcoscenico, ossia i campioni di personalità" di Gianluca Macove

Gianluca Macovez

2022-09-18 02:31

In Note Domenicali questa settimana Gianluca Macovez si occupa di figure emblematiche del Teatro e della Lirica, parlando del loro innato straordinario carisma

Prorogate fino al 25 settembre le iscrizioni al 10° Premio Internazionale di canto lirico Fausto Ricci di Viterbo
News, Curiosità, opera, concorso,

Prorogate fino al 25 settembre le iscrizioni al 10° Premio Internazionale di canto lirico Fausto Ricci di Vit

Admin

2022-09-17 03:18

Raina Kabaivanska annunciata Presidente di Giuria alla 10ª Edizione del Concorso lirico Fausto Ricci di Viterbo (Teatro dell'Unione dal 10 al 16 ottobre 2022)

L'attore Federico Barsanti ospite questa sera al Festival “A veglia” di Manciano (Gr)
News, Curiosità, Teatro, teatro, comunicato stampa,

L'attore Federico Barsanti ospite questa sera al Festival “A veglia” di Manciano (Gr)

Admin

2022-09-17 03:09

L’attore versiliese Federico Barsanti sarà ospite stasera alle ore 21,30 con lo spettacolo Signora Porzia della XVI edizione del Festival "A Veglia" di Manciano

Note Domenicali n°4 (11/09) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, ricordi,

Note Domenicali n°4 (11/09) - "L'Urlo edificatore, una bella Gioconda areniana" - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-09-11 03:33

L'appuntamento domenicale con le memorie di Gianluca Macovez ci porta alla scoperta di Hana Janku e Cornell Mac Neil, ricordando una bella Gioconda areniana

Note Domenicali n°3 (04/09) - Alziamo le mani, il mio incontro con Del Monaco - di Gianluca Macovez
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità,

Note Domenicali n°3 (04/09) - Alziamo le mani, il mio incontro con Del Monaco - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-09-04 14:08

Il terzo appuntamento con Note Domenicali, la rubrica di successo di Gianluca Macovez dedicata ai suoi ricordi teatrali

Musicologia generale, Storia della Lirica, Interviste artisti, Curiosità, opera, intervista,

"Le interviste del Loggione" - Intervista al soprano Carmen Lavani - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-08-31 18:01

La bellissima intervista di Gianluca Macovez al soprano Carmen Lavani per "Le Interviste del Loggione". Buona lettura

Recensione su La Creazione di Haydn ad Amsterdam - di Kevin De Sabbata
News, Musicologia generale, Recensioni,

Recensione su La Creazione di Haydn ad Amsterdam - di Kevin De Sabbata

Kevin De Sabbata

2022-08-30 19:52

La recensione del nostro collaboratore Kevin De Sabbata da Amsterdam . Buona lettura

Note domenicali n° 2 (28-08)
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, verdi,

Note domenicali n° 2 (28-08) "Nabucco all'Arena, un esordio da coprotagonista" - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-08-28 00:01

Il racconto curioso e divertente di una serata all'Arena dalla penna di Gianluca Macovez per il secondo appuntamento con la rubrica Note Domenicali

Debutta al 36° Todi Festival lo spettacolo
News, Curiosità, Teatro, teatro,

Debutta al 36° Todi Festival lo spettacolo "Il corpo della donna come campo di battaglia" - di Elena Torre

Elena Torre

2022-08-25 13:35

Debutta al Festival di Todi lo spettacolo "Il corpo della donna come campo di battaglia" con Maria Bargilli e Annalisa Canfora, regia di Alessio Pizzech

Note Domenicali n°1 (21-08) - La Carmen all'Arena nel 1970 e un ricordo di Franco Corelli - di G. Macovez
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, musicologia, opera,

Note Domenicali n°1 (21-08) - La Carmen all'Arena nel 1970 e un ricordo di Franco Corelli - di G. Macovez

Gianluca Macovez

2022-08-21 03:12

La prima puntata della nuova rubrica di Gianluca Macovez è dedicata al ricordo di una straordinaria Carmen del 1970 all'Arena e al grande tenore Franco Corelli

Intervista al regista Salvo Piro e al direttore artistico del Luglio Musicale Trapanese Walter Roccaro - di Loredana Atzei
News, Interviste, Interviste artisti, Curiosità, opera, intervista,

Intervista al regista Salvo Piro e al direttore artistico del Luglio Musicale Trapanese Walter Roccaro - di Lo

Loredana Atzei

2022-08-19 20:02

Una doppia intervista che la nostra inviata a Trapani Loredana Atzei ha potuto effettuare in occasione della Traviata andata in scena pochi giorni fa

Tosca, una preziosa analisi di Guido Paduano (ritrovata in archivio)
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, musicologia, opera, puccini,

Tosca, una preziosa analisi di Guido Paduano (ritrovata in archivio)

Admin

2022-08-13 02:11

Delle riflessioni su Tosca di Guido Paduano raccolte in un articolo non più disponibile su internet ma che ho recuperato fortunosamente nel mio archivio

Carmen all'Arena di Verona (recita del 31/07/22) - di Loredana Atzei
News, Musicologia generale, Curiosità, opera, recensione,

Carmen all'Arena di Verona (recita del 31/07/22) - di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2022-08-03 00:23

La nostra inviata Loredana Atzei è tornata a vedere all'Arena la Carmen il 31 luglio scorso. Questa la sua recensione

Pagine mascagnane - invito all'ascolto
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, lirica,

Pagine mascagnane - invito all'ascolto

Admin

2022-08-02 20:24

Un omaggio a Pietro Mascagni nella ricorrenza della sua morte

Ecco di seguito gli articoli pubblicati nel nostro blog Musica e Parole. Spuntando i vari anni e mesi potrete aprire il menù da cui poter accedere a tutte le risorse disponibili nella sezione. Sulla pagina Archivio storico inoltre troverete questa sezione più alcune altre risorse e link ai contenuti del sito

I 10 articoli più letti

Come creare un sito web con Flazio