music-1521122.jpeg

ATTENZIONE

Questo sito fa uso esclusivamente di cookie tecnici, ma alcune applicazioni possono prevedere cookie di terze parti.

Proseguendo nella navigazioni acconsenti all'utilizzo di cookie. I dati forniti in questo form saranno tenuti segreti dal titolare del sito e non inviati per nessun motivo a terze parti, anche agli stessi componenti della redazione, senza il consenso dell'interessato. I dati raccolti grazie a questo form non saranno ceduti a terzi nè verranno utilizzati per scopi diversi da quello esclusivo dichiarato dal sito. La redazione si riserva di non rispondere a messaggi di carattere commerciale o che non sono attinenti alla natura del sito. Cliccando sul pulsante "Invia" si autorizza automaticamente il sito musicainopera.com a trattare i dati personali come descritto in questo avviso. Questo secondo la norme vigenti in tema della tutela dei dati personali e della privacy. Per maggiori informazioni: Informativa sulla privacy e informativa cookie

Musica e Parole

 Parte centrale del nostro sito dove vengono pubblicati gli articoli e le interviste agli artisti, che vengono poi condivise sulla pagine del nostro gruppo Facebook, in modo da essere sempre disponibili per i nostri membri, sostenitori e appassionati del mondo della Lirica.

Jonas Kaufmann, Diana Damrau e Helmut Deutsch trionfano al Barbican con Schumann e Brahms - di Kevin De Sabbat

2022-04-01 13:19

Kevin De Sabbata

News, Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, lirica, concerto, recensione,

Jonas Kaufmann, Diana Damrau e Helmut Deutsch trionfano al Barbican con Schumann e Brahms - di Kevin De Sabbata

La recensione del nostro inviato Kevin De Sabbata del Concerto di Jonas Kaufmann Diana Damrau al Barbican dello scorso 29 marzo. Buona lettura

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Londra, martedì 29 marzo 2022

Tenore Jonas Kaufmann
Soprano Diana Damrau
Pianoforte Helmut Deutsch

 

“Die Geisterinsel, die schöne, lag dämmrig im Mondenglantz; dort klangen liebe Töne” (“La bella casa stregata, giace vaga alla luce della luna; là risuonano dolci note”). Forse questi versi di Heinrich Heine, tratti da uno dei brani del concerto (Meerfahrt, dai Vier Lieder, Op. 86 di Brahms) sono quelli che meglio racchiudono l’atmosfera magica di una serata che non ha deluso le (alte) aspettative della vigilia. Un Liederabend caratterizzato appunto dall’incontro fra la luce e le tenebre di due vocalità opposte ma entrambe ammalianti; da un lato quella pura, eterea, chiara e fluida di Diana Damrau, dall’altra quella complessa, amletica, brunita e a tratti animalesca di Jonas Kaufmann. Le due voci esprimevano tutte sfaccettature dell’anima romantica racchiusa nei lieder di Schumann e Brahms in programma e, come Yin e Yang, si incontravano, si guardavano, si attraevano, vorticavano l’una attorno all’altra, si compenetravano e sembravano contaminarsi.


Il programma, diffuso nel mio post precedente, consisteva, invece che di un unico ciclo, di circa una quarantina di lieder staccati (alcuni per una ed altri per due voci) assemblati da Helmut Deutsch in blocchi di sei-otto brani dello stesso autore, legati fra loro da una mini-trama o da un filo conduttore tematico. I due cantanti drammatizzavano il testo dei vari lieder anche con l’aiuto di piccoli movimenti scenici, alternandosi nel canto ma rimanendo sempre entrambi presenti sul palco, di modo che anche quello dei due che non cantava partecipava all’azione. L’operazione funzionava grazie alle grandi doti attoriali dei due interpreti e alla loro grande intelligenza e presenza sceniche. La dizione era sempre chiarissima, con attenzione e cura per ogni parola. Così, per esempio, i tre lieder che compongono Tragödie (dalle Romanzen und Balladen, Op. 64) di Schumann, risultavano quasi una mini-opera. Il duetto Vergerbliches Städchen (dalle Fünf Romanzen und Lieder, Op. 84 di Brahms) diventava un grande pezzo di teatro. Kaufmann e Damrau rendevano a pieno lo spirito scherzoso e pepato del pezzo, con lui che, con l’aria del ragazzo goffo e arso dall’amore, implorava “Mein Schatz… Ich komm’ aus Lieb zu dir, ach Mach Mir auf die Tür… So kalt ist die Nacht… Dass mir das Herz erfriert “ (“Mio Tesoro… vengo per amor tuo, aprimi la porta… la notte è così fredda… che il mio cuore congela”) e lei che con elegante malizia lo stuzzicava “Mein’ Tür ist verschlossen, Ich lass’ dich nicht ein… Löschet dein’ Lieb’… Geh’ heim zu Bett, zur Ruh” (“La mia porta è chiusa, non ti lascio entrare… se il tuo amore se ne va… va a casa a letto a dormire”). Molto piacevole anche Unter’m Fenster (dai Vier Duetten, Op. 34 di Schumann) concessa alla fine come bis.


Dal punto di vista della prestazione vocale, entrambi i cantanti offrivano un’esecuzione maiuscola e questo nonostante il contesto non ottimale. Infatti, l’enorme sala del Barbican, che a volte ricorda quasi un palazzetto dello sport per le dimensioni, ha un’acustica più adatta alle sinfonie di Shostakovich che a musica intimamente cameristica come quella in programma per questo concerto. Inoltre, apparentemente per ragioni legate al Covid-19, il programma di sala era disponibile in forma cartacea solo alla stampa, mentre per gli altri poteva essere consultato online, cosa che ne limitava la fruizione soprattutto alla parte meno giovane dell’uditorio non molto avvezza ad iPhones et similia. Ciò costringeva Kaufmann ad intervenire già all’inizio del concerto per spiegare il programma al pubblico; intervento che forse qualche problema lo ha creato perché nei primi minuti del concerto il tenore è apparso meno a fuoco che nei brani successivi. Comunque, non pare gli sia dispiaciuto avere l’opportunità di interagire con il pubblico e di fare qualche battuta, lui rigoroso Tedesco, verso i più ‘flessibili’ Inglesi, che hanno dismesso le maggiori restrizioni anti-Covid settimane prima degli altri paesi Europei (“ci hanno detto che per via di un certo virus che pensavamo in questo Paese fosse stato abolito per volontà popolare, non hanno potuto stampare il programma di sala”). Del resto, anche Damrau contribuisce all’atmosfera distesa della serata esclamando “We are all back!” (“Siamo tornati tutti!”) appena entrata in scena. Comunque, i due cantanti esprimevano una performance degna della loro fama. 


Diana Damrau proponeva un’interpretazione di grande temperamento, teatrale, che enfatizzava, a seconda del brano, gli elementi drammatici (si veda l’esecuzione di Von ewiger Liebe, dai Vier Lieder, Op. 43 di Brahms) o umoristici (ad esempio in Therese, dai Sechs Lieder, Op. 86 dello stesso Brahms), anche grazie alla assoluta padronanza della tecnica. Il soprano tedesco sfoggiava un’emissione fluida, pura, alta, che le permetteva di giocare con i colori, passando con grande facilità ed elasticità da filati eterei a forti debordanti e riuscendo così a rendere al meglio le sfumature di ogni singola frase. La voce suonava sempre limpida, omogenea, avanti, di un bel colore chiaro, ben proiettata, correndo per la grande sala, che invece, per via dell’emissione più indietro, richiedeva qualche sforzo in più a Kaufmann. Il fraseggio risultava molto elegante, con un meraviglioso legato, che faceva risaltare la linea vocale. Particolarmente emozionanti erano i pianissimi quasi al limite della percettibilità, ma perfettamente udibili da ogni parte della sala, su “In deinem Lied ein leiser Widerhall” ( “Un dolce eco nel tuo canto” in Nachtigall dalle Sechs Lieder, Op. 97 di Brahms) e su “Ein Jüngling hatte ein Mädchen lieb; sie flohen heimlich von Hause fort ” (“Un giovane amava una ragazza; insieme fuggiron di casa” in Es fiel ein Reif in der Frühlingsnacht, da Tragödie, Op. 64 di Schumann). Particolarmente efficaci i lieder più lirici (ad es. Es Träumte mir, dagli Acht Lieder und Gesänge, Op. 57, Geheimnis, dai Fünf Gesänge, Op. 71 e Meine Liebe ist grün, dai Neun Lieder und Gesänge, Op. 63, tutti di Brahms ), interpretati con profonda e sublime dolcezza.


Sulla voce di Jonas Kaufmann molto è stato scritto e anche io, da convinto sostenitore del canto ‘all’italiana’, ho, per ragioni estetiche, delle riserve su alcune sue interpretazioni verdiane, pucciniane e veriste, pur riconoscendone la grandezza. Nel repertorio liederistico, però, la sua voce appariva funzionare senza sé e senza ma. Prima di tutto, il timbro è assolutamente splendido, con tonalità difficili da trovare in altre, anche bellissime, voci tenorili. Inoltre, tutti gli aspetti della sua vocalità, inclusi quelli meno ortodossi, contribuivano a dare vita ai chiaroscuri e alle atmosfere lunari tipiche del lied tedesco. In altre interpretazioni, come quelle di Gedda, Prey o della stessa Damrau, l’inquietudine e la sehnsucht (nostalgia) sembrano quasi sublimarsi e risolversi in una dimensione metafisica e apollinea. Questo la voce di Kaufmann non lo lascia accadere; anche nei lied più sereni c’è sempre un’ombra, una tenebra, la traccia del conflitto fra uomo e natura, fra Io e non-Io, che conferiscono alle sue interpretazioni un quid misterioso e affascinante. In questo senso, particolarmente efficace appariva l’esecuzione dei lieder più drammatici e impetuosi come Stille Tränen (dagli Zwölf Gedichte, Op. 35), Ach wende diesen Blick, Lehn deine Wang’ an meine Wang’ (dai Vier Gesänge, Op. 142), entrambi di Schumann, e An Die Tauben (dai Lieder und Gesänge, Op, 63) di Brahms. Ad ogni modo, nonostante, come sappiamo, l’emissione privilegi la cavità, la voce aveva grande smalto, con acuti squillanti. L’interpretazione era appassionata, ma sempre rispettosa dei dettami e del gusto propri del repertorio liederistico, la parola era scolpita nel bronzo. Soltanto il modo di gestire alcuni passaggi nella zona medio-alta del registro, con note lasciate aperte, indietro e spesso sbiancate, soprattutto nei salti di quinta o di sesta, risultva a volte sgradevole (si vedano Windmung da Myrthen Op. 25 e Geständnis dalle Spanisches Liederspiel, Op. 74, entrambi di Schumann). Tuttavia questa emissione strana generava anche momenti di grande effetto, come il pianissimo su “Ferne, ferne, ferne sang ein Nachtigall” (“Ma lontano, lontano, lontano canta un usignolo” in Waldenseinsamkeit dai Sechs Lieder, Op. 85 di Brahms) o su “So wundersüß, so wunderlieblich ist in der Welt kein andrer Hall” (“Nessun altro suono sulla terra è sì meravigliosamente dolce e amabile”, in Wir wandelten, dai Vier Lieder, Op. 96 sempre di Brahms).
Nonostante l’assenza di pezzi per solo pianoforte, di solito inseriti nei recitals per far prendere fiato ai cantanti, Helmut Deutsch mostrava tutta la sua abilità e statura non solo di accompagnatore, ma di pianista di pieno diritto, oltre alla sua profonda conoscenza del linguaggio liederistico. L’accompagnamento si adattava ai cantanti come un abito su misura, seguendoli con naturalezza nelle variazione dinamiche, letteralmente recitando assieme a loro. Il pianoforte non prevaricava mai le voci, ma l’articolazione elegante e il suono rotondo erano ben apprezzabili ad ogni passaggio. Particolarmente notevoli l’accompagnamento appassionato e il suono quasi tardo romantico in Verzagen (dai Fünf Gesänge, Op. 72 di Brahms), il senso di espansione e di vuoto trasmesso dagli accordi del pianoforte in Anklänge (dai Sechs Gesänge, Op. 7 sempre di Brahms) e l’atmosfera incantata creata dal tappeto armonico in Ihre Stimme (dai Sechs Lieder, Op. 96 di Schumann). Alla fine, meritatissime ovazioni per tutti da una sala gremita in ogni ordine di posto.
di Kevin De Sabbata

 

Foto credits: Mark Allan/Barbican

 

 

GALLERIA (cliccare sopra per allargare le immagini)

kaufmann-damrau-barbican-290322-1384.jpegkaufmann-damrau-barbican-290322-0639.jpegkaufmann-damrau-barbican-290322-1413.jpegkaufmann-damrau-barbican-290322-1889.jpegkaufmann-damrau-barbican-290322-2097.jpegkaufmann-damrau-barbican-290322-2142.jpeg
kaufmann-damrau-barbican-290322-1459.jpeg
kaufmann-damrau-barbican-290322-1591.jpeg
kaufmann-damrau-barbican-290322-0212.jpeg
kaufmann-damrau-barbican-290322-2226.jpeg
blogmusica-e-parole

Note Domenicali n° 7 (02/10) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, note domenicali,

Note Domenicali n° 7 (02/10) - "A Cristina Deutekom, a. C.D. e p. C.D." di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-10-02 23:39

L'appuntamento di Note Domenicali di Gianluca Macovez di questa settimana è dedicato alla figura del soprano Cristina Deutekom

La rara Messa di Pacini in memoria di Vincenzo Bellini a Catania il 1 ottobre 2022
News, Musicologia generale, Curiosità, opera, news,

La rara Messa di Pacini in memoria di Vincenzo Bellini a Catania il 1 ottobre 2022

Admin

2022-10-01 03:23

Domani sabato 1 ottobre a Catania verrà eseguita la rara Messa da Requiem che Giovanni Pacini scrisse per la traslazione della salma di Bellini

Anteprima del nuovo disco di arie d'opera del tenore Amadi Lagha
News, Musicologia generale, Interviste, Curiosità, opera,

Anteprima del nuovo disco di arie d'opera del tenore Amadi Lagha

Admin

2022-09-28 20:42

Dal 3 ottobre disponibile sul web l'aria "Nessun dorma" come anteprima del nuovo disco del tenore Amadi Lagha

Intervista al soprano Francesca Pedaci - di Loredana Atzei
News, Musicologia generale, Storia della Lirica, Interviste, Interviste artisti, Curiosità, opera, lirica, intervista,

Intervista al soprano Francesca Pedaci - di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2022-09-27 02:56

Una bella intervista di Loredana Atzei in cui il soprano e insegnante di successo Francesca Pedaci si racconta ai lettori di Musicainiopera

Note Domenicali n° 6 (25/09) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, lirica,

Note Domenicali n° 6 (25/09) - "Un soffio è la mia voce... anche meno" di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-09-25 23:30

Gianluca Macovez in questa puntata di Note Domenicali ci parla di aspetti legati alle carriere di alcuni grandi cantanti

Presentazione della Stagione di Lirica e Balletto 22-23 della Fondazione Teatro Verdi di Trieste
News, Storia della Lirica, Curiosità, opera, lirica,

Presentazione della Stagione di Lirica e Balletto 22-23 della Fondazione Teatro Verdi di Trieste

Gianluca Macovez

2022-09-22 00:11

La presentazione della Stagione di Lirica e Balletto 2022 2023 della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste

Note Domenicali n°5 (18/09) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, Teatro, opera, lirica, teatro,

Note Domenicali n°5 (18/09) - "Animali del palcoscenico, ossia i campioni di personalità" di Gianluca Macove

Gianluca Macovez

2022-09-18 02:31

In Note Domenicali questa settimana Gianluca Macovez si occupa di figure emblematiche del Teatro e della Lirica, parlando del loro innato straordinario carisma

Prorogate fino al 25 settembre le iscrizioni al 10° Premio Internazionale di canto lirico Fausto Ricci di Viterbo
News, Curiosità, opera, concorso,

Prorogate fino al 25 settembre le iscrizioni al 10° Premio Internazionale di canto lirico Fausto Ricci di Vit

Admin

2022-09-17 03:18

Raina Kabaivanska annunciata Presidente di Giuria alla 10ª Edizione del Concorso lirico Fausto Ricci di Viterbo (Teatro dell'Unione dal 10 al 16 ottobre 2022)

L'attore Federico Barsanti ospite questa sera al Festival “A veglia” di Manciano (Gr)
News, Curiosità, Teatro, teatro, comunicato stampa,

L'attore Federico Barsanti ospite questa sera al Festival “A veglia” di Manciano (Gr)

Admin

2022-09-17 03:09

L’attore versiliese Federico Barsanti sarà ospite stasera alle ore 21,30 con lo spettacolo Signora Porzia della XVI edizione del Festival "A Veglia" di Manciano

Note Domenicali n°4 (11/09) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, ricordi,

Note Domenicali n°4 (11/09) - "L'Urlo edificatore, una bella Gioconda areniana" - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-09-11 03:33

L'appuntamento domenicale con le memorie di Gianluca Macovez ci porta alla scoperta di Hana Janku e Cornell Mac Neil, ricordando una bella Gioconda areniana

Note Domenicali n°3 (04/09) - Alziamo le mani, il mio incontro con Del Monaco - di Gianluca Macovez
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità,

Note Domenicali n°3 (04/09) - Alziamo le mani, il mio incontro con Del Monaco - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-09-04 14:08

Il terzo appuntamento con Note Domenicali, la rubrica di successo di Gianluca Macovez dedicata ai suoi ricordi teatrali

Musicologia generale, Storia della Lirica, Interviste artisti, Curiosità, opera, intervista,

"Le interviste del Loggione" - Intervista al soprano Carmen Lavani - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-08-31 18:01

La bellissima intervista di Gianluca Macovez al soprano Carmen Lavani per "Le Interviste del Loggione". Buona lettura

Recensione su La Creazione di Haydn ad Amsterdam - di Kevin De Sabbata
News, Musicologia generale, Recensioni,

Recensione su La Creazione di Haydn ad Amsterdam - di Kevin De Sabbata

Kevin De Sabbata

2022-08-30 19:52

La recensione del nostro collaboratore Kevin De Sabbata da Amsterdam . Buona lettura

Note domenicali n° 2 (28-08)
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, verdi,

Note domenicali n° 2 (28-08) "Nabucco all'Arena, un esordio da coprotagonista" - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-08-28 00:01

Il racconto curioso e divertente di una serata all'Arena dalla penna di Gianluca Macovez per il secondo appuntamento con la rubrica Note Domenicali

Debutta al 36° Todi Festival lo spettacolo
News, Curiosità, Teatro, teatro,

Debutta al 36° Todi Festival lo spettacolo "Il corpo della donna come campo di battaglia" - di Elena Torre

Elena Torre

2022-08-25 13:35

Debutta al Festival di Todi lo spettacolo "Il corpo della donna come campo di battaglia" con Maria Bargilli e Annalisa Canfora, regia di Alessio Pizzech

Note Domenicali n°1 (21-08) - La Carmen all'Arena nel 1970 e un ricordo di Franco Corelli - di G. Macovez
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, musicologia, opera,

Note Domenicali n°1 (21-08) - La Carmen all'Arena nel 1970 e un ricordo di Franco Corelli - di G. Macovez

Gianluca Macovez

2022-08-21 03:12

La prima puntata della nuova rubrica di Gianluca Macovez è dedicata al ricordo di una straordinaria Carmen del 1970 all'Arena e al grande tenore Franco Corelli

Intervista al regista Salvo Piro e al direttore artistico del Luglio Musicale Trapanese Walter Roccaro - di Loredana Atzei
News, Interviste, Interviste artisti, Curiosità, opera, intervista,

Intervista al regista Salvo Piro e al direttore artistico del Luglio Musicale Trapanese Walter Roccaro - di Lo

Loredana Atzei

2022-08-19 20:02

Una doppia intervista che la nostra inviata a Trapani Loredana Atzei ha potuto effettuare in occasione della Traviata andata in scena pochi giorni fa

Tosca, una preziosa analisi di Guido Paduano (ritrovata in archivio)
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, musicologia, opera, puccini,

Tosca, una preziosa analisi di Guido Paduano (ritrovata in archivio)

Admin

2022-08-13 02:11

Delle riflessioni su Tosca di Guido Paduano raccolte in un articolo non più disponibile su internet ma che ho recuperato fortunosamente nel mio archivio

Carmen all'Arena di Verona (recita del 31/07/22) - di Loredana Atzei
News, Musicologia generale, Curiosità, opera, recensione,

Carmen all'Arena di Verona (recita del 31/07/22) - di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2022-08-03 00:23

La nostra inviata Loredana Atzei è tornata a vedere all'Arena la Carmen il 31 luglio scorso. Questa la sua recensione

Pagine mascagnane - invito all'ascolto
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, lirica,

Pagine mascagnane - invito all'ascolto

Admin

2022-08-02 20:24

Un omaggio a Pietro Mascagni nella ricorrenza della sua morte

Ecco di seguito gli articoli pubblicati nel nostro blog Musica e Parole. Spuntando i vari anni e mesi potrete aprire il menù da cui poter accedere a tutte le risorse disponibili nella sezione. Sulla pagina Archivio storico inoltre troverete questa sezione più alcune altre risorse e link ai contenuti del sito

I 10 articoli più letti

Come creare un sito web con Flazio