music-1521122.jpeg

ATTENZIONE

Questo sito fa uso esclusivamente di cookie tecnici, ma alcune applicazioni possono prevedere cookie di terze parti.

Proseguendo nella navigazioni acconsenti all'utilizzo di cookie. I dati forniti in questo form saranno tenuti segreti dal titolare del sito e non inviati per nessun motivo a terze parti, anche agli stessi componenti della redazione, senza il consenso dell'interessato. I dati raccolti grazie a questo form non saranno ceduti a terzi nè verranno utilizzati per scopi diversi da quello esclusivo dichiarato dal sito. La redazione si riserva di non rispondere a messaggi di carattere commerciale o che non sono attinenti alla natura del sito. Cliccando sul pulsante "Invia" si autorizza automaticamente il sito musicainopera.com a trattare i dati personali come descritto in questo avviso. Questo secondo la norme vigenti in tema della tutela dei dati personali e della privacy. Per maggiori informazioni: Informativa sulla privacy e informativa cookie

Musica e Parole

 Parte centrale del nostro sito dove vengono pubblicati gli articoli e le interviste agli artisti, che vengono poi condivise sulla pagine del nostro gruppo Facebook, in modo da essere sempre disponibili per i nostri membri, sostenitori e appassionati del mondo della Lirica.

Note Domenicali n°4 (11/09) - "L'Urlo edificatore, una bella Gioconda areniana" - di Gianluca Macovez

2022-09-11 04:33

Gianluca Macovez

Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, ricordi,

Note Domenicali n°4 (11/09) - "L'Urlo edificatore, una bella Gioconda areniana" - di Gianluca Macovez

L'appuntamento domenicale con le memorie di Gianluca Macovez ci porta alla scoperta di Hana Janku e Cornell Mac Neil, ricordando una bella Gioconda areniana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’URLO EDIFICATORE

 

Ascoltai Cornell Mac Neil due volte.In entrambi i casi in Arena.

L’esordio fu tragico, come ho già raccontato: era ‘Nabucco’ ed io, svegliato di soprassalto pensai bene di urlare a squarciagola che non stavo dormando.

Naturalmente mentivo, ma potrei segnare nel mio curricolo che ho duettato con il coro dell’Arena davanti ad un pubblico di diverse migliaia di appassionati.

Magari non scrivo che erano giustamente furiosi con me.

Ovviamente quando mi ritrovai, due anni dopo, nuovamente di fronte Mac Neil ero terrorizzato all’idea dell’abbiocco.

I miei genitori ancora di più.

Difficilmente avrebbero retto ad un’altra simile figura.

Già mi vedevo abbandonato sull’autostrada, dimenticato volutamente all’autogrll. Già quel terrore mi avrebbero tenuto vivacemente sveglio, ma siccome era meglio non correre rischi, i miei mi dissetarono a colpi di caffè durante tutto il pomeriggio assolato che precedette ‘La Gioconda’.

Quindi tutto andò liscio.

Ero sveglio per l’opera, per il dopo opera, per le trippe vicino all’arena.

Una scarica fra adrenalina e caffeina che se mi avessero fatto un test, forse arrestavano mamma e papà perché avevano il figlio tossico.

Quello spettacolo fu magnifico, magistralmente diretto da Francesco Molinari Pradelli.

Le scene di Giulio Coltellacci erano sontuose senza essere esagerate, la regia era chiara, funzionale.

A me sembrarono troppo affollati i momenti di danza, ma certo uno spazio come l’arena ha bisogno di scene collettive, piuttosto che di raffinati assolo.

Protagonista una intensa Hana Janku, che rividi poco dopo nello stesso ruolo a Trieste, capace di superare senza difficoltà le prove ostiche che la partitura prevedeva per lei.

La signora era un soprano possente, con uno stile interpretativo personale ed interessante. La sua Gioconda era una donna moderna, capace di scegliere di essere protagonista della propria vita, che si suicida per essere libera.

‘Cielo e Mar’ cantata da Bergonzi risultava quasi un’opera dentro l’opera, tanto il tenore riuscì a costruire una atmosfera onirica, metafisica, che il pubblico celebrò con un boato alla fine dell’ultima nota.

Ma ‘La Gioconda’ è opera violenta.

Nella trama. Ma anche nella partitura.

Soprattutto Barnaba è uno degli infami per eccellenza.

Non è raffinato come Jago e non è viscido come Scarpia.

E’ quello che oggi definiremmo il progenitore di tutti i bulli, compiaciuto della sua cattiveria, ingioiellato dalla bastardaggine.

L’opera ruota attorno alla sua cattiveria, ma il rischio di essere sovrastati è grande, soprattutto quando la primadonna snocciola acuti a raffica ed il tenore è un raffinato poeta nel porgere le note.

Ma se Barnaba non riesce a dare la sua zampata, lo spettacolo frana dal punto di vista narrativo e drammatico.

Come poteva, per quanto grande potesse essere, quel baritono americano apprezzato ma non mitizzato lasciare un ricordo indimenticabile?

Lo fece in un modo clamoroso.

Sicuramente i puristi lo avranno definito gigione, d’effetto, non scritto, inelegante.

Ma indimenticabile: arrivati alla conclusione dell’opera, la partitura prevede che Barnaba emetta un grido di rabbia, seguono diverse battute per orchestra e si conclude lo spettacolo.

Il baritono a quel punto ha già cantato moltissimo ed ha camminato chilometri in quel palcoscenico.

Era notte fonda.

Il racconto musicale era esaltato da una gigantesca luna che ci faceva sentire nella laguna veneta.

Gioconda beve il veleno, si accascia ed arriva Barnaba.

La abbraccia, convinto di poterla possedere ed a quel punto capisce che la donna ha scelto il suicidio.

Mac Neil, a quel punto si alzò, levò un acuto potentissimo e tenne la nota mentre correndo attraversava l’intero, gigantesco palcoscenico dell’anfiteatro veronese, pronto a sparire alla vista, ed all’udito, solo alla conclusione della musica.

Naturalmente una simile performance fece eccitare il pubblico in modo esagerato, rendendo incancellabile l’evento.

Gli applausi divennero boato, urlo, fanatismo, acclamazione per tutti gli interpreti, consegnando quello spettacolo, per chi c’era, alla storia.

La conclusione è spontanea: meglio una edizione corretta ma rapidamente rimossa dai ricordi od una versione emozionante ma meno rigorosa?

Personalmente non ho dubbi: rigorosamente emozionante, nel senso che vanno rispettate le volontà del compositore, bisogna evitare eccessi e ricerca all’effetto, si devono salvaguardare pesi e ruoli.

Con questa premessa, avendo un cantante intelligente e sensibile, che sa fin dove può forzare e soprattutto lo fa per un intento nobile, come quello di dare il giusto rilievo al personaggio e non all’interprete, allora ben venga la personalizzazione.

Poi giocano l’età del pubblico, ero un bambino; il luogo, ovvero in questo caso un teatro all’aperto con un pubblico estremamente variegato e dalla eterogenea formazione; il titolo, perché se su Ponchielli certi esperimenti possono riuscire, l’idea di forzare Mozart mi spaventa.

Però la sensazione che ho provato vedendo quel brutto arrogante di Barnaba quando scopre che non è padrone della vita degli altri, me la ricordo ancora con emozione ed è riaffiorata tante volte, quando sulla mia strada ho trovato tracotanti imbecilli troppo pieni di sé per capire che sarebbero stati, in qualche attimo, avvolti dalle tenebre della loro stessa pochezza.

di Gianluca Macovez

 

 

Documenti e ascolti

 

Cornell Mac Neil, baritono

mac-neil.jpeg

Cornell Mac Neil, nato nel 1922 e morto nel 2011, è stato un baritono di grande valore.

La sua carriera, iniziata a Broadway alla fine degli anni Quaranta e conclusasi nel 1987, si sviluppò soprattutto in America.

In particolare il rapporto con il Metropolitan fu lungo e ricco di successi: 642 recite nel corso di 26 stagioni, compresa la prima diretta televisiva da quel teatro, nel 1977, in ‘Rigoletto’.

Non altrettanto si può dire per la Scala, che lo ospitò solo due volte: nel 1959, nella seconda compagnia del ‘Don Carlo’ e l’anno seguente come Amonasro in ‘Aida’.

Decisamente poca cosa per una voce così interessante, potente ed estesa, in grado di esprimere il suo meglio nel repertorio italiano e per un interprete così efficace ed intenso, forse un po’ danneggiato dalla pronuncia non sempre inappuntabile, ma sempre comprensibile e mai scontato.

Appena più generosa fu l’Arena, che lo vide ‘Nabucco’ nel 1971, ‘Barnaba’ due anni dopo e, prossimo al ritiro dalla scene, Amonasro nel 1986.

Andò meglio a Roma, dove cantò ‘ Rigoletto’ nel 1959 a Caracalla, accanto alla Zeani; fu Don Carlo in un ‘Ernani’ con Del Monaco e Rossi Lemeni, nel 1961, con le scene di Benois; Duca di Luna lussuosissimo in ‘Trovatore’ nel 1963 con Franco Corelli protagonista; governatore del Perù in ‘Alzira’ nel 1967 ed infine nel 1971 in ‘I Puritani’ , in un cast che allineava Mirella Freni, Luciano Pavarotti, Paolo Washington.

Qualche comparsa nei cartelloni di Parma, dove nel 1964 ebbe uno scontro con il pubblico che lo portò in tribunale, Firenze, Palermo e Napoli e poco altro.

Nel 1969 divenne presidente della American Guild of Musical Artists.

E’ stato un interprete ideale per il ruolo di Scarpia , che portò in scena in tutto il mondo.

Solo al Met lo cantò novantadue volte, un vero record.

Memorabili anche le sue interpretazioni di Iago, di Rigoletto, di Renato in ‘Un Ballo in Maschera’, tanto per citare alcuni dei tantissimi personaggi che interpretò.

Copiosa la produzione discografica,in studio e dal vivo, aperta dalla registrazione de ‘ Il Console’, nel 1950, nel ruolo di John Sorel, che Giancarlo Menotti costruì proprio sulle caratteristiche del giovane Mac Neil.

Fortunatamente ricca anche la dotazione di filmati, che ci consentono di gustare le doti di questo magnetico interprete che fu vero ambasciatore dell’opera italiana in tutto il globo.

mc-neil-2.jpeg

Locandina di Rigoletto al Boston Opera House autografata

da Mac Neil

 

Hana Janku, soprano

janku.jpeg

Una vita breve, quella del soprano di Brno, che non le ha impedito di raccogliere successi internazionali in un repertorio decisamente impegnativo.

Esordì giovanissima: a diciannove anni faceva parte dell’organico del teatro della sua città e quasi subito nel suo repertorio fecero la comparsa quei ruoli che la resero famosa: Leonora (che più tardi canterà anche con Karajan), Turandot, Russalka.

Dall’allora Cecoslovacchia ai teatri tedeschi il passo fu breve e da lì, grazie ad una voce potente, con una evidente facilità all’acuto ed un suono personale, i principali teatri del mondo le offrirono di partecipare alle loro stagioni.

La solida tecnica le permise di affrontare ‘Turandot’ alla Scala a soli ventisette anni, ma anche di non spaventarsi ad affrontare le serate all’aperto in Arena, alternandosi a Birgit Nillson nel 1969.

A Verona la ascoltai in due occasioni: ‘Turandot’ imponente nel 1975 ed intensa ne ‘La Gioconda’ nel 1973, titolo nel quale già l’avevo vista a Trieste.

Spettacoli di grande valore nei quali riuscì ad offrire prove di grande intensità, che sicuramente il pubblico presente non ha dimenticato

 

Ascolti

Iniziamo la proposta degli ascolti in video con la registrazione de ‘La Gioconda’ di cui ho parlato. Siamo a Verona, il 4 agosto 1973 .

Il cast allinea:
la Gioconda: HANA JANKU
la Cieca: STELLA SILVA,
Enzo Grimaldo : CARLO BERGONZI,
Alvise Badoero: LUIGI RONI,

Laura Adorno : VIORICA CORTEZ,
Barnaba : CORNELL MacNEIL,
Zuàne : GIUSEPPE MORRESI,
Isèpo : OTTORINO BEGALI,
un Cantore : BRUNO GRELLA,
un Pilota : GIANNI BRUNELLI,
un Barnabotto : ALESSANDRO CASSIS
Orchestra e Coro Arena di Verona Maestro del coro : CORRADO MIRANDOLA

Maestro concertatore e direttore d'orchestra : FRANCESCO MOLINARI PRADELLI

 

Hana Janku nel 1975 interpreta ‘ In questa reggia’ all’Opera di Berlino, con una voce imponente, tagliente
come una lama, ma capace di colori interessanti, senza sbavature e forzature. Una principessa esemplare

 

 

Una edizione dal vivo di ‘Suicidio’. Siamo a Berlino, nel 1974. La direzione è di Franco Patanè. Il soprano che aveva saputo essere algida per ‘Turandot’, qui trova una tavolozza calda e suadente, riesce a giocare con le note più alte, per tuffarsi poi nell’atro della laguna. In una sequenza affascinante ed angosciosa, che ci fa accompagnare Gioconda verso il gesto estremo

 

Ed ecco adesso Mac Neil nell'aria di Barnaba, dal vivo, ‘Pescator affonda l'esca’ da ‘La Gioconda’ (edizione non specificata)

 

Ancora Mc Neil con Bergonzi, nel 1972, nel duetto ‘Enzo Grimaldo , principe di Santafior’

 

Infine propongo il video del Tabarro con Mac Neil, Serra, Moldeveanu dal Met, storica edizione del 1981

blogmusica-e-parole

Silvia Dalla Benetta: una Lady del teatro dell’opera - Intervista di Gianluca Macovez
News, Interviste, Interviste artisti, Curiosità, opera, intervista,

Silvia Dalla Benetta: una Lady del teatro dell’opera - Intervista di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2023-01-27 03:50

Intervista del nostro inviato Gianluca Macovez al soprano Silvia Dalla Benetta. Buona lettura

The Vocal Coach Massimo Iannone land in USA: Masterclass & lecture-concert open to all
News, Musicologia generale, Curiosità, opera, news,

The Vocal Coach Massimo Iannone land in USA: Masterclass & lecture-concert open to all

Admin

2023-01-23 16:53

The italian vocal coach M° Masssimo Iannone land to Orlando in USA for an important masterclass

Il Vocal Coach Massimo Iannone approda negli USA: Masterclass e lezione-concerto aperta a tutti
News, Musicologia generale, Curiosità, opera, news,

Il Vocal Coach Massimo Iannone approda negli USA: Masterclass e lezione-concerto aperta a tutti

Admin

2023-01-23 16:05

Apprezzatissimo sul web e presso molte istituzioni musicali italiane ed estere il M° Masssimo Iannone ha annunciato la prossima Masterclass ad Orlando negli USA

La magia delle parole nella poesia friulana di Pier Paolo Pasolini - Recensione di Gianluca Macovez
Curiosità, Teatro, Recensioni,

La magia delle parole nella poesia friulana di Pier Paolo Pasolini - Recensione di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2023-01-19 02:38

Recensione di Gianluca Macovez dello spettacolo Rosada!, tournee nei teatri dell Ert - Ente teatrale regionale del Friuli Venezia Giulia

Successo per l'Otello di Verdi al Teatro di Udine. Recensione di Kevin De Sabbata
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Successo per l'Otello di Verdi al Teatro di Udine. Recensione di Kevin De Sabbata

Kevin De Sabbata

2023-01-18 18:58

Successo per l'Otello di Verdi al Teatro Nuovo Giovanni di Udine. Recensione di Kevin De Sabbata

A Udine sabato 14 è di scena l'Otello di Verdi
News, Musicologia generale, news, comunicato stampa,

A Udine sabato 14 è di scena l'Otello di Verdi

Admin

2023-01-11 19:21

Il capolavoro verdiano sarà al Teatro Nuovo Giovanni da Udine sabato 14 gennaio con inizio alle ore 20.00

Una Boheme di fine anno al Filarmonico di Verona - recensione della recita del 31/12/22 di Loredana Atzei
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni,

Una Boheme di fine anno al Filarmonico di Verona - recensione della recita del 31/12/22 di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2023-01-04 21:11

Il capolavoro di Puccini ha salutato con successo il 2022 al Filarmonico di Verona. Recensione di Loredana Atzei. Buona lettura

Tantissimi auguri di buone feste... in Musica (anno 2022)
News, Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, news,

Tantissimi auguri di buone feste... in Musica (anno 2022)

Admin

2022-12-20 01:55

il consueto articolo di auguri degli amministratori e moderatori del gruppo Facebook "L'Opera Lirica dal Loggione & Musica in Opera"

News, Curiosità, Teatro, news,

"Officina Teatro, piccoli artigiani all'Opera" sbarca a Pisa al Teatro Verdi

Admin

2022-12-20 01:44

Un bellissimo progetto formativo rivolto ai ragazzi ideato dal team di Ecoteatro ha preso vita al Teatro Verdi di Pisa

Il nuovo EP
News, Musicologia generale, Curiosità, news,

Il nuovo EP "Caricias" di Talita McGrace per Plunia Records

Admin

2022-12-19 20:50

Il brano di esordio di Talita McGrace inciso per la casa discografica Plunia Records disponibile sulle principali piattaforme digitali.

Tosca alla ROH di Londra (recita del 12/12) - recensione di Kevin De Sabbata
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Tosca alla ROH di Londra (recita del 12/12) - recensione di Kevin De Sabbata

Kevin De Sabbata

2022-12-17 23:51

La recensione di Tosca del nostro inviato Kevin De Sabbata presso la Royal Opera House di Londra. La recensione si riferisce alla recita del 12 dicembre u.s.

Convince la Boheme al Verdi di Trieste - Recensione di Gianluca Macovez
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni,

Convince la Boheme al Verdi di Trieste - Recensione di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-12-17 21:02

La recensione di Gianluca Macovez della Boheme in scena al Teatro Verdi di Trieste. Buona lettura

Domani 16 dicembre Concerto
News, Musicologia generale, Curiosità, news,

Domani 16 dicembre Concerto "Frida and friends 4 vEyes" in streaming

Elena Torre

2022-12-15 20:50

Frida and friends 4 vEyes venerdì 16 dicembre in diretta streaming un’iniziativa di Frida Bollani Magoni

Successo per il concerto spettacolo
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Successo per il concerto spettacolo "Le Stelle dell'Opera" al 6° Chianni Opera Festival - di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2022-12-14 16:16

Bellissimo pomeriggio in musica al Piccolo Teatro di Chianni in ricordo di Renata Tebaldi ed Ettore Bastianini

Intervista al tenore Scotto Di Luzio Rodolfo a Trieste - di Gianluca Macovez
News, Interviste, Interviste artisti, Curiosità, opera, intervista,

Intervista al tenore Scotto Di Luzio Rodolfo a Trieste - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-12-13 03:28

Una bella chiaccherata di Giancluca Macovez con una delle più interessanti voci di tenore della sua generazione. Buona lettura

Grande evento per il centenario della nascita della Tebaldi e di Bastianini al 6° Chianni Opera Festival
News, Storia della Lirica, Curiosità, opera, news,

Grande evento per il centenario della nascita della Tebaldi e di Bastianini al 6° Chianni Opera Festival

Admin

2022-12-04 03:26

L'importante evento si svolgerà presso il Piccolo Teatro di Chianni sabato 10 dicembre p.v. alle 17. Una occasione veramente molto speciale

Interviste artisti, Curiosità, Teatro, intervista, teatro,

"Le Interviste del Loggione" 2022 - Intervista ad Amanda Sandrelli - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-12-04 02:24

In scena nella Lisistrata Amanda Sandrelli è stata intervistata dal nostro corrispondente Gianluca Macovez per Le Interviste del Loggione. Buona lettura

Alcina di Handel al Covent Garden di Londra - recensione di Kevin De Sabbata
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Alcina di Handel al Covent Garden di Londra - recensione di Kevin De Sabbata

Kevin De Sabbata

2022-11-28 03:35

Il nostro inviato da Londra Kevin De Sabbata ci parla della bella Alcina che ha visto trionfatrice una straordinaria Oropesa nel ruolo della protagonista

Note Domenicali n° 13 (27/11) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, note domenicali,

Note Domenicali n° 13 (27/11) - "Anna Netrebko" di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-11-27 23:35

In questa puntata di Note Domenicali Gianluca Macovez ci parla del soprano Anna Netrebko. Buona lettura e come sempre buon ascolto

Otello di Verdi a Trieste (recita del 13/11) - recensione di Gianluca Macovez
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Otello di Verdi a Trieste (recita del 13/11) - recensione di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-11-16 02:33

Gianluca Macovez ci ha fornito la sua recensione relativa alla recita del 13/11 con il primo cast dell'Otello al Verdi di Trieste

Ecco di seguito gli articoli pubblicati nel nostro blog Musica e Parole. Spuntando i vari anni e mesi potrete aprire il menù da cui poter accedere a tutte le risorse disponibili nella sezione. Sulla pagina Archivio storico inoltre troverete questa sezione più alcune altre risorse e link ai contenuti del sito

I 10 articoli più letti

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder