music-1521122.jpeg

ATTENZIONE

Questo sito fa uso esclusivamente di cookie tecnici, ma alcune applicazioni possono prevedere cookie di terze parti.

Proseguendo nella navigazioni acconsenti all'utilizzo di cookie. I dati forniti in questo form saranno tenuti segreti dal titolare del sito e non inviati per nessun motivo a terze parti, anche agli stessi componenti della redazione, senza il consenso dell'interessato. I dati raccolti grazie a questo form non saranno ceduti a terzi nè verranno utilizzati per scopi diversi da quello esclusivo dichiarato dal sito. La redazione si riserva di non rispondere a messaggi di carattere commerciale o che non sono attinenti alla natura del sito. Cliccando sul pulsante "Invia" si autorizza automaticamente il sito musicainopera.com a trattare i dati personali come descritto in questo avviso. Questo secondo la norme vigenti in tema della tutela dei dati personali e della privacy. Per maggiori informazioni: Informativa sulla privacy e informativa cookie

Musica e Parole

 Parte centrale del nostro sito dove vengono pubblicati gli articoli e le interviste agli artisti, che vengono poi condivise sulla pagine del nostro gruppo Facebook, in modo da essere sempre disponibili per i nostri membri, sostenitori e appassionati del mondo della Lirica.

La Boheme alla Royal Opera House (recita del 14/10) - recensione di Kevin De Sabbata

2022-10-20 22:01

Kevin De Sabbata

Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

La Boheme alla Royal Opera House (recita del 14/10) - recensione di Kevin De Sabbata

La recensione del nostro inviato presso il Royal Opera House di Londra Kevin De Sabbata. Stasera disponibile live su internet. Buona lettura

 

 

 

 

 

 

 

LA BOHÈME

opera in quattro quadri di Giacomo Puccini

su libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa

il libretto è tratto dal romanzo Scènes de la Vie de Bohème di Henri Murger

Direttore: Kevin John Edusei

Regia: Richard Jones ripresa da Danielle Urbas

Scene e costumi: Stewart Laing

Personaggi e interpreti

Mimì Ailyn Pérez

Rodolfo Juan Diego Flórez

Marcello Andrey Zhilikhovsky

Musetta Danielle de Niese

Schaunard Ross Ramgobin

Colline Michael Mofidian

Benoît Jeremy White

Alcindoro Wyn Pencarreg

Parpignol Andrew Macnair

Sergente dei doganieri Thomas Barnard

Doganiere John Morrissey

Luci Mimi Jordan Sherin

Direttore dei movimenti scenici Sarah Fahie

Maestro del coro William Spaulding

 

Venerdì scorso è andata in scena, al Covent Garden di Londra, la prima rappresentazione della produzione 2022 della Bohème pucciniana proposta dalla Royal Opera House. Elemento principale di curiosità della recita, per gli appassionati di voci, era la presenza, fra il cast di altissimo livello, di Juan Diego Flórez nella parte di Rodolfo, ruolo piuttosto fuori dal suo repertorio e, dirà qualcuno, anche azzardato per la sua vocalità. Così, in questa occasione, il tenore era aspettato al varco ancora più del solito.

Il cantante peruviano mostrava anche in questo ruolo, che sosteneva per la seconda volta dopo il debutto a Zurigo nel 2020, tutta la sua classe. Di lui si apprezzava la grande maestria attoriale, l’intensità e la giusta intenzione in ogni passaggio, che regalavano un Rodolfo romantico e appassionato. Il fraseggio era elegantissimo, con bei colori e sublimi mezze voci (notevole in questo senso il duetto con Marcello ‘O Mimì tu più non torni’), efficace soprattutto nei declamati e nelle frasi scoperte o con leggero accompagnamento orchestrale. Dopo Carreras è difficile trovare un Rodolfo con questo livello di dettaglio e sensibilità. Tuttavia, anche l’alata arte della musica è (ahimè) soggetta alle leggi della fisica. Il timbro vocale di Flórez si sposa bene, in teoria, con il personaggio di Rodolfo, in quanto trasmette la natura giovanile e sognatrice del personaggio, che a volte rischia di andare un po' persa nelle esibizioni di tenorismo frequenti in questo tipo di repertorio. La voce, però, risultava veramente troppo leggera. In vari momenti Flòrez se la cavava grazie ad un indubbio mestiere e ad una direzione ben attenta a non coprirlo. Ma non appena l’orchestra cominciava a suonare un po’ si faticava a sentirlo. Nei concertati era spesso coperto dai colleghi e gli acuti mancavano di volume. Così, il do sulla ‘speranza’ non dava le consuete emozioni. In ‘Mimì è tanto malata’ il cuore dello spettatore non vibrava completamente con quello di Rodolfo, perché molte di quelle vibrazioni proprio non arrivavano all’orecchio. A Zurigo, la sua performance fu salutata dai critici come un trionfo. Io piuttosto direi, modestamente, che si è trattato di un esperimento a tratti anche emozionante, ma da non ripetere.

Tutto ciò è ancora più evidente se si considera che la parte di Mimì era sostenuta da una Ailyn Pérez con tutte le carte in regola, sia vocali che sceniche, per essere una splendida Mimì. La voce spiccava per il colore brunito, pastoso, omogeneo, con acuti grandi e sonori (soprattutto rispetto a quelli del partner). Il fraseggio era accurato e la dizione ben intellegibile. Unici aspetti perfettibili alcuni salti un po' faticosi all’inizio della serata e alcuni momenti in cui potrebbe essere stata più precisa e disciplinata per quanto riguarda il ritmo e il coordinamento con l’orchestra. Ma il punto di maggior forza stava sicuramente nella recitazione. Pérez era Mimì in ogni minimo gesto, nel modo di chinare il capo, nella posizione delle mani, nello sguardo timido, che trasmettevano tutta la virginale dolcezza del personaggio. La recitazione era sempre intensa, ma estremamente naturale, mai sopra le righe. In questo senso la sua ‘Sì, mi chiamano Mimì’ risultava di grande impatto emotivo.

Andrey Zhilikhovsky, nella parte di Marcello, cantava con generosità e slancio, potendo contare su una voce calda e potente, e su di una solida tecnica. Sempre sul pezzo dal punto di vista scenico era molto efficace come spalla di Rodolfo nel primo e soprattutto nel quarto quadro, in cui, perfettamente in linea con Flòrez, dava un’interpretazione sensibile e ricca di colori del duetto. Migliore in campo della serata, sia per la maiuscola prestazione vocale che per la dirompente presenza scenica, Danielle de Niese. Dotata di una voce sensuale, rotonda e ricca di sfumature, proponeva una Musetta di grande fascino, che andava al di là delle interpretazioni da soubrette che spesso si sentono, ammaliando con un timbro voluttuoso e vellutato. La dizione era sempre scolpita e il fraseggio gestito con grande classe e musicalità. La parte consentiva al soprano australiano di dar sfogo a tutto il suo temperamento e verve attoriale, anche a rischio di risultare un po' troppo sopra le righe in alcuni passaggi. In ogni caso, la sua scena del secondo quadro la mostrava in tutto il suo splendore come la grande attrice che è, regalando un momento estremamente godibile condito da varie risate da parte del pubblico.

Molto buone le parti di fianco. Ross Ramgobin, che interpretava Schaunard, sfoggiava una esuberante presenza scenica e un notevole talento comico, enfatizzando il carattere estroverso ed eccentrico del personaggio. Purtroppo l’emissione era a volte indietro, facendolo risultare spesso opaco nella zona acuta. Michael Mofidian, Colline, si faceva notare per la bella voce. La sua Vecchia zimarra risultava ben cantata, anche se mancante a tratti di pathos. Jeremy White, nella parte di Benoît, offriva un’interpretazione caratterizzata da grande cura per i dettagli ed i gesti, che ricordava un po' l’Italo Tajo degli anni ’80. Buono ed efficace Wyn Pencarreg nel ruolo di Alcindoro ed adeguati Wyn Pencarreg (Parpignol), Andrew Macnair (Sergente dei doganieri) e Thomas Barnard (un doganiere).

Kevin John Edusei, alla guida dell’Orchestra of the Royal Opera House, accompagnava bene i cantanti, forse anche a rischio di lasciarli fare un po' troppo. Ciò portava a dei rallentandi a volte troppo vistosi e a perder un po' di compattezza in alcuni momenti. In questo senso il tempo dell’aria di Musetta ‘Quando me’n vo’ ‘ risulta decisamente lento e si perdeva l’andatura del Valzer. Il direttore cercava il più possibile di valorizzare le voci, facendo sempre attenzione a non sovrastarle. Tuttavia, il rovescio della medaglia era che l’orchestra dava spesso l’impressione di suonare con il freno a mano tirato. Al netto di alcuni momenti suggestivi (si vedano ad esempio gli interventi degli archi nel duetto del terzo quadro), il suono orchestrale spesso mancava di quella magia e drammaticità che ci si aspetta in una Bohème. In questo senso, il finale risultava meno travolgente che in altre edizioni. Molto buona la prova del Royal Opera Chorus, solido, compatto e sempre efficace.

L’allestimento era quello del 2017, diretto da Richard Jones, con le scene e i costumi di Stewart Laing, ripreso regolarmente in questi anni (e a ragione) dalla Royal Opera House. Questa produzione è un esempio di come si possa essere moderni ed esteticamente innovativi con eleganza e rimanendo fedeli all’ambientazione originale. Le scene sobrie, in alcuni casi quasi dal design scandinavo (si veda l’appartamento di Rodolfo e Marcello nel primo e quarto quadro) restituiscono comunque tutta l’atmosfera della Parigi fin de siècle, anzi la esaltano. Deliziose le scene del secondo quadro che si apre con degli eleganti arcades che ricordano molto quelli della vicina Piccadilly Street, contenuti in tre grandi box semoventi che poi lasciano spazio, nella seconda parte, al caffè Momus. Non si capisce però il senso dei cambi a vista dopo il primo e terzo quadro, che costringevano il pubblico a starsene per vari minuti ad osservare i tecnici del teatro in un imbarazzato silenzio. Molto eleganti anche le luci di Jordan Sherin, caratterizzate dalla prevalenza del bianco, ma senza mai risultare fredde, anzi esaltando l’atmosfera ovattata e suggestiva dell’inverno parigino. La regia, curata per questa ripresa da Danielle Urbas, con i movimenti scenici di Sarah Fahie, si segnalava per il grande lavoro con i cantanti-attori, così raro al giorno d’oggi. Ogni movimento, ogni gesto, ogni espressione apparivano attentamente pensati e calcolati. Particolarmente notevole era, in questo senso, la scena dell’incontro fra Rodolfo e Mimì, in cui tutte le fasi del veloce innamoramento dei due protagonisti erano rese in modo naturale e plausibile. Molto efficace anche la scena al caffè Momus, anche se forse non c’era bisogno di rischiare la caduta di stile con Musetta che si toglie le mutande da sotto la gonna per sventolarle in direzione di Marcello. Comunque, alla fine successo e applausi per tutti. Per chi fosse a Londra, lo spettacolo sarà visibile in varie date fino al 17 Novembre.

La recensione si riferisce alla prima del 14-10-2022

Kevin De Sabbata (17-10-2022)

 

(foto by Catherine Ashmore)

2803ashm_1782-la-bohème-production-image-©-roh.-photo-catherine-ashmore-scaled-1.jpeg

ll video ufficiale di presentazione della Boheme del ROH

blogmusica-e-parole

Alcina di Handel al Covent Garden di Londra - recensione di Kevin De Sabbata
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Alcina di Handel al Covent Garden di Londra - recensione di Kevin De Sabbata

Kevin De Sabbata

2022-11-28 03:35

Il nostro inviato da Londra Kevin De Sabbata ci parla della bella Alcina che ha visto trionfatrice una straordinaria Oropesa nel ruolo della protagonista

Note Domenicali n° 13 (27/11) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, note domenicali,

Note Domenicali n° 13 (27/11) - "Anna Netrebko" di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-11-27 23:35

In questa puntata di Note Domenicali Gianluca Macovez ci parla del soprano Anna Netrebko. Buona lettura e come sempre buon ascolto

Otello di Verdi a Triesta (recita del 13/11) - recensione di Gianluca Macovez
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Otello di Verdi a Triesta (recita del 13/11) - recensione di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-11-16 02:33

Gianluca Macovez ci ha fornito la sua recensione relativa alla recita del 13/11 con il primo cast dell'Otello al Verdi di Trieste

Note Domenicali n° 12 (13/11) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, lirica,

Note Domenicali n° 12 (13/11) - "Autografi ed empatia"

Gianluca Macovez

2022-11-14 03:31

In Note Domenicali Gianluca Macovez questa settimana ci parla della disponibilità degli artisti a rilasciare autografi e fotografie ricordo. Buona lettura

Simone Piazzola debutta al San Francisco Opera con Germont ne
News, Musicologia generale, Interviste, Curiosità, opera, lirica,

Simone Piazzola debutta al San Francisco Opera con Germont ne "La Traviata"

Admin

2022-11-08 17:53

Simone Piazzola debutta l'11/11 prossimo al San Francisco Opera in uno dei ruoli da lui più interpretati, quello di Germont ne “La Traviata” di Verdi

Otello di Verdi a Trieste (recita del 5/11) - recensione di Gianluca Macovez
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Otello di Verdi a Trieste (recita del 5/11) - recensione di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-11-08 17:25

La recensione di Otello (secondo cast) di Gianluca Macovez in scena al Verdi di Trieste. Buona lettura

200 articoli di Musicainopera!
News, Curiosità, storia,

200 articoli di Musicainopera!

Admin

2022-11-06 02:49

200 ARTICOLI DI MUSICA  - traguardo storico per il nostro sito che celebriamo con questo articolo

JONI il nuovo album musicale di Rossana Casale - di Elena Torre
News, Musicologia generale, Interviste, Curiosità, musica, comunicato stampa,

JONI il nuovo album musicale di Rossana Casale - di Elena Torre

Elena Torre

2022-11-05 19:31

Uscito il 4 novembre scorso JONI il nuovo album di Rossana Casale, un omaggio in Jazz di grande interesse

Note Domenicali n°11 (30/10) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, biografia,

Note Domenicali n°11 (30/10) - "Due straordinarie personalità: Lucia Valentini Terrani e Marlene Dietrich" d

Gianluca Macovez

2022-10-30 23:13

Un parallelismo affascinante tra due donne di spettacolo straordinarie, Gianluca Macovez ce ne parla in questa puntata di Note Domenicali

Fedora al Teatro alla Scala (recensione recita del 21/10) - di Loredana Atzei
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Fedora al Teatro alla Scala (recensione recita del 21/10) - di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2022-10-27 17:56

La nostra inviata Loredana Atzei al Teatro alla Scala di Milano è tornata per assistere ad un altra recita di Fedora. Nell'articolo il resoconto della serata

Otello a Trieste: una lunga storia d'amore - di Gianluca Macovez
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, musicologia, opera,

Otello a Trieste: una lunga storia d'amore - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-10-27 17:22

Un articolo di Gianluca Macovez dedicato ai precedenti dell'Otello verdiano al Teatro Verdi di Trieste

Operetta a Tarcento -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, Recensioni, recensione,

Operetta a Tarcento - "Cronache musicali italiane" - recensione di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-10-26 00:48

La recensione dello spettacolo di operetta a cui ha assistito il nostro inviato Gianluca Macovez a Tarcento (Udine). Buona lettura

Note Domenicali n° 10 (23/10) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera,

Note Domenicali n° 10 (23/10) - "A Ghena Dimitrova" di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-10-24 03:32

Un omaggio di Gianluca Macovez al grande soprano bulgaro Ghena Dimitrova. Buona lettura

La Boheme alla Royal Opera House (recita del 14/10) - recensione di Kevin De Sabbata
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

La Boheme alla Royal Opera House (recita del 14/10) - recensione di Kevin De Sabbata

Kevin De Sabbata

2022-10-20 22:01

La recensione del nostro inviato presso il Royal Opera House di Londra Kevin De Sabbata. Stasera disponibile live su internet. Buona lettura

Fedora al Teatro alla Scala di Milano - di Loredana Atzei
News, Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Fedora al Teatro alla Scala di Milano - di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2022-10-19 03:09

La recensione di Fedora della nostra corrispondente Loredana Atzei dal Teatro alla Scala di Milano. Buona lettura

Note Domenicali n° 9 (16/10) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera,

Note Domenicali n° 9 (16/10) - "A Magda Olivero" di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-10-16 21:46

Un omaggio al grande soprano Magda Olivero di Gianluca Macovez nelle sue Note Domenicali

Successo a Catania per il Concerto di musica sacra di Bellini e Pacini
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, Recensioni, concerto, recensione,

Successo a Catania per il Concerto di musica sacra di Bellini e Pacini

Admin

2022-10-13 03:41

Si è svolto a Catania un bellissimo concerto di musica sacra di Bellini e Pacini. Successo di pubblico e ottimi consensi

Il Firmamento Lirico Toscano - Omaggio al basso Franco Calabrese
Musicologia generale, Storia della Lirica, Interviste artisti, Curiosità, opera, intervista,

Il Firmamento Lirico Toscano - Omaggio al basso Franco Calabrese

Admin

2022-10-11 01:55

Per il Firmamento Lirico Toscano un omaggio al grande basso Franco Calabrese, celebre interprete caratterista spesso presente in cast storici alla Scala e in TV

Intervista al soprano Clara Polito - di Loredana Atzei
News, Musicologia generale, Interviste, Interviste artisti, Curiosità, opera, intervista,

Intervista al soprano Clara Polito - di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2022-10-10 02:28

Una bella intervista di Loredana Atzei al soprano Clara Polito, una artista di grande talento

Note Domenicali n°8 (09/10) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera,

Note Domenicali n°8 (09/10) - "Macbeth - Ladies &...Gentlemen" di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-10-10 00:19

In questa puntata di Note Domenicali Gianluca Macovez si occupa del Macbeth di Giuseppe Verdi e in particolare di due grandi interpreti femminili

Ecco di seguito gli articoli pubblicati nel nostro blog Musica e Parole. Spuntando i vari anni e mesi potrete aprire il menù da cui poter accedere a tutte le risorse disponibili nella sezione. Sulla pagina Archivio storico inoltre troverete questa sezione più alcune altre risorse e link ai contenuti del sito

I 10 articoli più letti

Come creare un sito web con Flazio