music-1521122.jpeg

ATTENZIONE

Questo sito fa uso esclusivamente di cookie tecnici, ma alcune applicazioni possono prevedere cookie di terze parti.

Proseguendo nella navigazioni acconsenti all'utilizzo di cookie. I dati forniti in questo form saranno tenuti segreti dal titolare del sito e non inviati per nessun motivo a terze parti, anche agli stessi componenti della redazione, senza il consenso dell'interessato. I dati raccolti grazie a questo form non saranno ceduti a terzi nè verranno utilizzati per scopi diversi da quello esclusivo dichiarato dal sito. La redazione si riserva di non rispondere a messaggi di carattere commerciale o che non sono attinenti alla natura del sito. Cliccando sul pulsante "Invia" si autorizza automaticamente il sito musicainopera.com a trattare i dati personali come descritto in questo avviso. Questo secondo la norme vigenti in tema della tutela dei dati personali e della privacy. Per maggiori informazioni: Informativa sulla privacy e informativa cookie

Musica e Parole

 Parte centrale del nostro sito dove vengono pubblicati gli articoli e le interviste agli artisti, che vengono poi condivise sulla pagine del nostro gruppo Facebook, in modo da essere sempre disponibili per i nostri membri, sostenitori e appassionati del mondo della Lirica.

Alcina di Handel al Covent Garden di Londra - recensione di Kevin De Sabbata

2022-11-28 02:35

Kevin De Sabbata

Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Alcina di Handel al Covent Garden di Londra - recensione di Kevin De Sabbata

Il nostro inviato da Londra Kevin De Sabbata ci parla della bella Alcina che ha visto trionfatrice una straordinaria Oropesa nel ruolo della protagonista

 

 

 

 

 

 

 

 

ALCINA

Opera in tre atti di George Frideric Handel

su libretto di Antonio Marchi

tratto dall’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto

Direttore: Christian Curnyn

Regia: Richard Jones

Scene e costumi: Antony McDonald

 

Personaggi e interpreti

Alcina Lisette Oropesa

Ruggiero Emily D’Angelo

Morgana Mary Bevan

Bradamante Varduhi Abrahamyan

Oronte Rupert Charlesworth

Melisso/Atlante Josè Coca Loza

Oberto Balakai M Bayoh

 

Luci Lucy Carter

Coreografia Sarah Fahie

 

Si sta concludendo in questi giorni al Covent Garden di Londra, la serie di repliche della nuova produzione dell’Alcina di Handel che, dopo quasi trent’anni, riporta l’opera sul palcoscenico su cui ebbe la sua prima rappresentazione nel 1735.

Anche in questa occasione, la vicenda viene riletta in chiave moderna. Tuttavia, stavolta, il regista Richard Jones e lo scenografo e costumista Antony McDonald, gestiscono la trasposizione con una certa intelligenza, rimanendo coerenti almeno con lo spirito e la logica originali. Alcina, più donna che maga, diventa una di quelle dive patinate che reclamizzano i vari J’adore e Chanel No. 5 e trascina i vari cavalieri e altri malcapitati (qui dei puritani Amish) fuori dalla retta via all’insegna di Amore, Grazia, Dovere e Cortesia su cui Melisso/Atlante, qui trasformato in pastore protestante, cerca di condurli. Comunque, la messinscena trasmette lo stesso un certo senso del fantastico, grazie alla lussureggiante verzura che appare periodicamente in scena e agli ex-amanti di Alcina trasformati effettivamente in esseri dal corpo umano e dalla testa di animale, simili a quelli che si trovano nei quadri di Hyeronimus Bosch. Non mancano però le cadute di stile, come il balletto con mossette da balli di gruppo, decisamente fuori stile, sulle note di ‘Tornami a vagheggiar’. In questo senso, i movimenti scenici curati da Sarah Fahie sembrano spesso fare a pugni con il contesto e la sublime musica di Handel. Le luci di Lucy Carter conferiscono un’atmosfera calda all’insieme, anche se mancavano un po' di varietà, rimanendo sugli stessi toni tendenti al bianco per quasi tutte le quattro ore dello spettacolo. Nel complesso, comunque, l’approccio registico permette di rendere in maniera efficace il senso della storia, che ha al suo centro la riflessione sulla debolezza della volontà di fronte al potere della bellezza e alla dolce tentazione di fuggire dalla cruda realtà per rifugiarsi in mondi fantastici; tentazioni che da un lato ci mettono nei guai, ma a cui non possiamo rinunciare, pena lo sradicare dalla vita umana quel fascino un po' pericoloso che la rende tale.

Passando alla parte musicale, la produzione si caratterizza per l’alta qualità della parte vocale, con prestazioni di alto livello su cui svetta quella della protagonista, Lisette Oropesa. La voce, dal timbro complesso e affascinante, brillante ma al contempo colorato di sfumature scure e sensuali, è particolarmente adatta a rendere il carattere di Alcina, da un lato irresistibile ammaliatrice e dall’altro donna fragile in balia dei sentimenti. L’interpretazione è un crescendo d’intensità, da ‘Dì, cor mio’ e ‘ Sì, son quella‘, eseguite con temperamento ed un fraseggio elegante, fino alla potente interpretazione di ‘Ah! Mio cor, schernito sei’, in cui Oropesa rende attraverso ogni nota, parola e gesto la drammaticità della realizzazione della propria debolezza da parte del personaggio. La voce corre meravigliosamente per la sala, l’emissione è fluida ed elastica, con acuti sfavillanti. La grande padronanza tecnica le permettono di gestire con notevole libertà e naturalezza anche i passaggi più impervi come le due arie del III atto ‘Ma quando tornerai’ e ‘Mi restano le lagrime’.

Emily D’Angelo, nella parte di Ruggiero, possiede una voce dal bel colore brunito e dal timbro omogeneo, sostenuta da una tecnica solida, con agilità sicure. Il mezzosoprano italo-canadese riesce a trasmettere in maniera molto credibile il carattere maschile del personaggio, cosa non facile ma cruciale nei ruoli en travesti in generale e in questo ruolo in particolare. Le qualità vocali ed interpretative di D’Angelo risaltano soprattutto nelle due arie del II atto ‘Mi lusinga il dolce affetto’ e ‘Mio bel tesoro’, cantate con perizia, intensità ed un sapiente uso dei colori. L’esecuzione di ‘Verdi prati’ è di grande suggestione. Il ruolo di Bradamante è sostenuto da Varduhi Abrahamyan, la quale può contare su una voce rotonda, dal colore uniforme su tutta la gamma e su un’emissione libera e fluida. Il mezzosoprano franco-armeno domina molto bene le asperità della parte, molto virtuosistica, con agilità rutilanti e ben cesellate. Particolarmente notevole in questo senso è la sua esecuzione di ‘Vorrei vendicarmi’, nel II atto.

Decisamente non all’altezza degli altri, Mary Bevan, nel ruolo di Morgana. Purtroppo l’emissione arretrata e artificiosa le impedisce di cantare con la necessaria naturalezza, portando spesso ad acuti forzati e anche a qualche problema d’intonazione. La dizione è impastata e presso che inintelligibile e c’è una tendenza, di cui è in parte responsabile anche la regia, all’esagerare sotto il piano della recitazione e della gestualità. Così ‘Tornami a vagheggiar’ manca dell’esuberanza vocale necessaria e ‘Credete al mio dolore’ non emoziona come dovrebbe. Molto buona, invece, la prova di Rupert Charlesworth (Oronte). Di lui sono da apprezzare la voce dal colore molto bello, le grandi doti attoriali e la dizione scolpita (anche se a volte si sente una leggera inflessione inglese), evidenti soprattutto nei recitativi. Nella sua esecuzione di ‘Semplicetto! A donna credi?’ c’è ancora qualcosa da migliorare (ad esempio, gli acuti tendono ad essere cantati un po' troppo di forza). Dall’altro lato ‘Un momento di contento’ è ben cantata. Bene anche Josè Coca Loza nella parte di Melisso/Atlante, cantata tecnicamente bene e con misura.

Si è molto discusso del dodicenne Balakai M Bayoh (Oberto), oggetto, alla prima, della sonora contestazione da parte di uno spettatore. A questo proposito, la tendenza è stata quella di concentrarsi più sullo spiacevole episodio e sul sospettato movente raziale (visto il colore della pelle del ragazzo) anziché sull’aspetto musicale e vocale. Se ci si concentra su questo (che è quello che conta), l’interpretazione in questione è effettivamente caratterizzata da luci e ombre. In realtà, il giovane cantante possiede una bel timbro vocale, canta con musicalità ed offre alcuni passaggi ben eseguiti. Tuttavia, la voce appare spesso non ben posizionata, scivolando all’indietro e risultando spesso opaca e debole. Si può senz’altro discutere (e con ottimi argomenti) dell’opportunità di continuare ad affidare parti di questa difficoltà ad adolescenti. Tuttavia, in questo caso c’è anche da tenere presente un altro aspetto che ha a che fare con l’approccio all’insegnamento del canto in voga nelle scuole e cantorie delle cattedrali inglesi in cui questi ragazzi vengono formati. Tali istituzioni svolgono un compito meritorio nell’avviare al canto eserciti di ragazzini che ricevono un’educazione musicale che in molti altri paesi (Italia compresa) non potrebbero sperare. Tuttavia, la tecnica vocale che vi si insegna è spesso basata su un’emissione più arretrata e meno proiettata, oltre che su una respirazione più alta rispetto a quanto consigliano i sani dettami della tecnica del canto italiano. Ciò da luogo a delle vocalità adatte alle cappelle dei college di Cambridge ma non ai grandi teatri, come si nota anche in molti artisti adulti ed affermati provenienti da quella tradizione tecnica, a ulteriore riprova dell’importanza di preservare e promuovere la nostra tecnica del canto lirico, così spesso trascurata anche in patria.

Venendo alla parte orchestrale, il direttore Christian Curnyn, alla testa dell’orchestra della Royal Opera House, propone una direzione disciplinata e attenta, accompagnando bene i cantanti senza mai coprirli. Tuttavia, il suono orchestrale non trasmette spesso tutta la magia e il pathos che caratterizzano la partitura handeliana, con tempi spesso piuttosto compassati. Nonostante ciò, vi sono alcuni momenti suggestivi, come il dolcissimo accompagnamento su ‘Verdi Prati’. Alla fine applausi e successo per tutti.

 

La recensione si riferisce alla rappresentazione del 22-11-2022

Kevin De Sabbata

(24-11-2022)

 

Photo credits: Marc Brenner

316751199_659838368933764_5871179136672748656_n.jpeg
317195006_869771327798532_2298045068074216463_n.jpeg

In questo video il soprano Lisette Oropesa parla del ruolo di Alcina e dei suoi impegni artistici futuri. Sul finire del video alcuni momenti dalle prove di sala di Alcina.

Infine vi proponiamo due immagini storiche di Alcina, il frontespizio dello spartito a stampa e una illustrazione della metà dell'800

317255117_3390687217874581_126831313988717898_n.jpeg
316567624_854382105598176_6425289946850938321_n.jpeg
blogmusica-e-parole

Helvetia Lyrica, una missione: preservare il patrimonio lirico
News, Storia della Lirica, Curiosità, Recensioni, opera, news,

Helvetia Lyrica, una missione: preservare il patrimonio lirico

Antonio Indaco

2024-06-21 01:00

Nasce l'associazione Helvetia Lyrica per la preservazione del patrimonio lirico. Ce ne parla in nostro corrispondente Antonio Indaco

Al via il 30 giugno l'8^ edizione del Chianni Opera Festival con
News, Musicologia generale, Curiosità, opera, lirica, news,

Al via il 30 giugno l'8^ edizione del Chianni Opera Festival con "La Traviata"

Admin

2024-06-17 01:27

Anche quest'anno si rinnova la magia di suoni e colori nel bel borgo medievale toscano. Il primo appuntamento sarà il 30 giugno con La Traviata

Inaugurata alla Fondazione Cerratelli la mostra di costumi
News, Storia della Lirica, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Inaugurata alla Fondazione Cerratelli la mostra di costumi "100 volte Puccini"

Admin

2024-05-19 19:36

Inaugurata la mostra di costumi "100 volte Puccini" a Villa Roncioni, sede della Fondazione Cerratelli

L'Italiana in Algeri al Teatro Lirico di Cagliari - Recensione di Loredana Atzei
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione, rossini,

L'Italiana in Algeri al Teatro Lirico di Cagliari - Recensione di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2024-05-16 22:39

La recensione dell'Italiana in Algeri andata in scena al Teatro Lirico di Cagliari, recita del 12 maggio. di Loredana Atzei

Viva Verdi! Un Requiem dalla bellezza eterna - di Antonio R. Indaco
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, lirica, recensione,

Viva Verdi! Un Requiem dalla bellezza eterna - di Antonio R. Indaco

Antonio Indaco

2024-05-11 01:05

Grande serata Ginevra con il Requiem verdiano. Recensione di Antonio Indaco

News, Musicologia generale, Interviste, Interviste artisti, opera, intervista,

"Le Interviste del Loggione" 2024 - Serie Pucciniana - Intervista a Vivien Hewitt, regista

Admin

2024-04-26 23:13

Le interviste del Loggione 2024 - Intervista al Vivien Hewitt, regista

News, Musicologia generale, Storia della Lirica, Interviste, Interviste artisti, opera, intervista, puccini,

"Le Interviste del Loggione" 2024 - Serie Pucciniana - Intervista ad Emiliano Sarti, musicologo

Admin

2024-04-19 23:34

Intervista al musicologo Emiliano Sarti per la nuova serie detta "Pucciniana" delle Interviste del Loggione

Don Giovanni - spettacolo in prosa irriverente in scena allo spazio Balabìott di Pisa
News, Curiosità, Teatro, news, teatro, prosa,

Don Giovanni - spettacolo in prosa irriverente in scena allo spazio Balabìott di Pisa

Admin

2024-04-12 03:41

Sabato 13 e domenica 14 in scena allo spazio Balabìott di Pisa la rilettura in prosa di Don Giovanni di Annalisa Pardi

Musicologia generale, Interviste artisti, Curiosità, opera, intervista,

"Le Interviste del Loggione" 2024 - Intervista al M° Panico e al M° Samale - Serie "Musica contemporanea"

Admin

2024-04-11 23:32

L'intervista al M° Mariano Panico e al M° Nicola Samale per Le Interviste del Loggione 2024

Danielle De Niese, dal Barocco a Broadway - Recensione di Kevin De Sabbata
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Danielle De Niese, dal Barocco a Broadway - Recensione di Kevin De Sabbata

Kevin De Sabbata

2024-04-03 23:46

La recensione di Kevin De Sabbata del bel concerto di Danielle De Niese alla Symphony Hall. Buona lettura

Nabucco al Verdi di Trieste - Recensione di Gianluca Macovez
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Nabucco al Verdi di Trieste - Recensione di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2024-03-29 02:08

La recensione del Nabucco in scena al Teatro Verdi di Trieste. A cura di Gianluca Macovez

Ascolti per la Settimana Santa di Pasqua - Anno 2024
News, Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, news, Curiosità,

Ascolti per la Settimana Santa di Pasqua - Anno 2024

Admin

2024-03-27 03:16

Il consueto articolo pasquale per farvi gli auguri in musica, Buona Pasqua a tutti!

Al soprano Donata D'Annunzio Lombardi il
News, Curiosità, opera, premio,

Al soprano Donata D'Annunzio Lombardi il "Premio Donna è Lirica" 2024. Stasera la premiazione

Admin

2024-03-23 17:43

.    Edizione speciale del Premio Donna È 2024 a Casciana Terme; quest’anno l’ Associazione Idee in Movimento (tutta al femminile) compie 20 anni.Un p

Il soprano Danielle de Niese questa settimana in concerto a Birmingham - di Kevin De Sabbata
News, Curiosità, opera, news,

Il soprano Danielle de Niese questa settimana in concerto a Birmingham - di Kevin De Sabbata

Kevin De Sabbata

2024-03-20 01:58

Il nostro corrispondente dall'Inghilterra Kevin De Sabbata ci invita ad assistere a un importante concerto del soprano Danielle de Niese vicino a Londra

Al via le iscrizioni per il 21° Concorso internazionale
News, Curiosità, opera, lirica, concorso,

Al via le iscrizioni per il 21° Concorso internazionale "Luigi Zanuccoli"

Admin

2024-03-18 12:13

Da alcuni giorni è possibile iscriversi al 21° concorso internazionale L. Zanuccoli. Presidente di giuria il baritono Bruno De Simone

Gli ottant'anni di Sir Karl Jenkins - Articolo di Kevin De Sabbata
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, musica, musicologia,

Gli ottant'anni di Sir Karl Jenkins - Articolo di Kevin De Sabbata

Kevin De Sabbata

2024-03-16 18:51

Omaggio del nostro collaboratore Kevin De Sabbata a uno dei più grandi compositori del nostro tempo

Un'applauditissima
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Un'applauditissima "Ariadne auf Naxos" al Verdi di Trieste - Recensione di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2024-03-03 01:31

Successo della Arianna a Nasso di Strauss presso il Teatro Verdi di Trieste - recensione di Gianluca Macovez

Première dell'opera Justice di Hèctor Para al Grand Théâtre di Ginevra - Recensione di Antonio Indaco
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Première dell'opera Justice di Hèctor Para al Grand Théâtre di Ginevra - Recensione di Antonio Indaco

Antonio Indaco

2024-02-09 23:02

La recensione del nostro corrispondente Antonio Indaco della prima rappresentazione assoluta dell'opera Justice di Para a Ginevra

Anna Bolena a Trieste: un incontro di grandi voci - Recensione di Gianluca Macovez
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Anna Bolena a Trieste: un incontro di grandi voci - Recensione di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2024-02-02 02:46

La recensione di Gianluca Macovez dell'Anna Bolena al Verdi di Trieste

Il Barbiere di Siviglia a Tempio Pausania - Recensione di Loredana Atzei
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Il Barbiere di Siviglia a Tempio Pausania - Recensione di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2023-12-28 12:50

La nostra corrispondente Loredana Atzei ci parla del successo ottenuto dalla ripresa di Barbiere di Siviglia andata in scena al Teatro di Tempio Pausania

Ecco di seguito gli articoli pubblicati nel nostro blog Musica e Parole. Spuntando i vari anni e mesi potrete aprire il menù da cui poter accedere a tutte le risorse disponibili nella sezione. Sulla pagina Archivio storico inoltre troverete questa sezione più alcune altre risorse e link ai contenuti del sito

I 10 articoli più letti

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder