music-1521122.jpeg

ATTENZIONE

Questo sito fa uso esclusivamente di cookie tecnici, ma alcune applicazioni possono prevedere cookie di terze parti.

Proseguendo nella navigazioni acconsenti all'utilizzo di cookie. I dati forniti in questo form saranno tenuti segreti dal titolare del sito e non inviati per nessun motivo a terze parti, anche agli stessi componenti della redazione, senza il consenso dell'interessato. I dati raccolti grazie a questo form non saranno ceduti a terzi nè verranno utilizzati per scopi diversi da quello esclusivo dichiarato dal sito. La redazione si riserva di non rispondere a messaggi di carattere commerciale o che non sono attinenti alla natura del sito. Cliccando sul pulsante "Invia" si autorizza automaticamente il sito musicainopera.com a trattare i dati personali come descritto in questo avviso. Questo secondo la norme vigenti in tema della tutela dei dati personali e della privacy. Per maggiori informazioni: Informativa sulla privacy e informativa cookie

Musica e Parole

 Parte centrale del nostro sito dove vengono pubblicati gli articoli e le interviste agli artisti, che vengono poi condivise sulla pagine del nostro gruppo Facebook, in modo da essere sempre disponibili per i nostri membri, sostenitori e appassionati del mondo della Lirica.

Note Domenicali n° 13 (27/11) - "Anna Netrebko" di Gianluca Macovez

2022-11-27 23:35

Gianluca Macovez

Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, note domenicali,

Note Domenicali n° 13 (27/11) - "Anna Netrebko" di Gianluca Macovez

In questa puntata di Note Domenicali Gianluca Macovez ci parla del soprano Anna Netrebko. Buona lettura e come sempre buon ascolto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ANNA

In un tempo avaro di dive vere, da qualche anno si è affacciata sulle scene mondiali, con la potenza di un uragano, Anna Netrebko.

Grande artista, prodotto discografico, nuova dea dei melomani?

Difficile da capire. Sicuramente figura di grande fascino.

Un tempo donna bellissima, adesso piacevole signora, che entra nel mezzo secolo con una figura solida ma ancora suadente. Forte di un sorriso accattivante, che centellina con calcolata avarizia, amante delle regie alternative, pronta a danzare in scena ed a sgambettare nei concerti, ha saputo confezionare un perfetto personaggio.

Intelligentissima è riuscita a governare un ingrassamento temporaneo per allontanarsi dai paragoni con la Callas.

Il soprano greco raggiunto un certo successo scolpì il fisico trasformando una ragazzotta sgraziata in una silfide. Con la stessa determinazione convertì i gusti pacchiani dei sobborghi newyorkesi in una raffinata classe, coltivata anche attraverso l’attenzione agli abiti, affidati alla mano raffinata di Biki, ai gioielli sofisticati, al trucco sapiente.

Il soprano russo, invece, accolse i chili che si accumulavano con acuta lungimiranza, ampliandoli con scelte estetiche agghiaccianti. Ma dietro i colori impazziti ed i decori vistosi, accanto alle foto in cui sembrava grufolare, assieme al massiccio ed ancor più vistoso consorte, ciclopici intingoli e foreste di patate fritte, c’era la scelta di distanziarsi dalla vera diva del melodramma del Novecento, da quella Callas che fa ancora tremare le ugole delle sue epigone.

Tanto l’una era eterea e distante dal mondo dei comuni mortali, tanto l’altra si vestiva come se avesse dovuto partecipare ad un raduno di rapper arricchiti, con addosso loghi ed orpelli in abbondanza e scegliendo modellini che avrebbero reso, al confronto, monacali le vesti di Moira Orfei.

Un magnifico messaggio non verbale di rifiuto a cadere nella trappola dei confronti e dei paragoni.

In tante hanno fatto il contrario, cercando di giocare la carta delle similitudini e delle analogie.

Il risultato una vera ecatombe. Anche di voci che sarebbero state preziose.

Certo è che le similitudini sul repertorio delle due primedonne sono evidenti.

Lucia, Anna Bolena, Sonnambula, Traviata, fino alle recenti Turandot e Macbeth sono fra i ruoli chiave di entrambe.

L’ho ascoltata tante volte in televisione e confesso che ne sono rimasto ammaliato.

Una sirena, ma anche una Circe, che ti prende con una voce di sfrontata bellezza, un canto sapiente, note purissime, filati preziosi.

Cosi sembra attraverso il tubo catodico.

Dal vivo l’ho ascoltata in occasione del Macbeth alla Scala.

Uno spettacolo visto qualche giorno prima nella diretta in mondovisione, di un certo fascino e decisamente non scontato. La prima non incontrò plausi unanimi, ma secondo me il soprano né uscì con onore.

Ero certo che l’ascolto dal vivo sarebbe stato, però, ben altra cosa.

Oltretutto faccio parte di quella cerchia di persone che quando vanno a teatro cercano sempre qualche cosa che li entusiasmi, li appassioni, li trasporti altrove e li renda parteci di un momento speciale. Basta poco. Una sfumatura, il profumo di un momento di verità, l’intensità del racconto drammatico, anche solo una manciata di note che ti facciano specchiare in quel momento narrativo.

Pagare per essere scontenti a priori non fa parte delle mie perversioni.

Quindi partiamo con i migliori propositi.

Un posto infelice, dalla visibilità ridotta, ma vicino al palcoscenico avrebbe dovuto assicurare un ascolto privilegiato.

La diva, dopo le critiche del 7 dicembre aveva tutti gli stimoli per sgomberare il campo da qualsiasi osservazione .

In teatro, si respira una aria un po’ strana, come se si fosse ad un raduno di fan, perdutamente innamorati, alla fine temo più del personaggio che della cantante.

Quando la signora Netrebko entra in scena, effettivamente trasuda carisma da ogni dove.

Afferra il ruolo con una autorevolezza regale.

Si muove come Imelda Marcos, riesce ad essere credibile nell’incredibile abbigliamento che descrive in maniera appropriata il carattere di una donna che ha il bisogno assoluto di apparire, alla continua ricerca di approvazione e consensi.

Pacchiana, come solo chi ha una miseria interiore figlia di soprusi e ferite dell’anima può avere, sprezzante nello sguardo, altera nell’espressione, cammina con passo deciso da una parte all’altra della scena, ostentando tacchi mirabolanti e caviglie eleganti.

Hai davanti un personaggio compiuto. Condivisibile o me meno, ma certamente costruito con attenzione e con la determinazione di dribblare ogni paragone dal punto di vista scenico.

Certo la partitura è quella e questo strepitoso incrocio fra un airone ed un pappagallo non passa indenne alla cabaletta che già fu un ostacolo al debutto milanese.

Nessun errore clamoroso, ma nulla che giustifichi i brava che si sprecano, gli applausi concitati.

Di fatto la voce fa fatica ad arrivare.

Lady Macbeth dovrebbe avere, a mio parere, un canto di lava e di acciaio.

La prima per descrivere le immonde brame di potere che ribollono dentro quella donna cui la vita offre la possibilità di una scalata sociale rapida ed inimmaginabile fino a qualche giorno prima.

L’occasione che non vuole perdere, senza rendersi conto che tanta bramosia prima la ubriacherà, poi la ucciderà.

Nell’oscurità dei toni gonfiati ribolle l’orrore ossessivo che la anima ed alla fine quella forzatura dei suoni, evidente, appare come la parte più intensa dell’interpretazione. Certamente una simile scelta mette a repentaglio la voce, ma è fantastico pensare che la Netrebko per ottenere l’effetto che vuole vocalmente si faccia Lady di se stessa mettendo in gioco il suo futuro di cantante.

Un momento di teatro nel teatro che lascia il segno.

D’acciaio devono essere gli acuti, lame taglienti che descrivono la volontà di costringere Macbeth ad accettare il suo piano , senza discussione o possibilità di marce indietro.

Con quelle note ella proclama il dogmatismo delle sue intenzioni, inizia la strada verso la follia.

Ricordo mitiche signore del palcoscenico che tramortivano il consorte con l’arroganza di acuti che erano veri tsunami. A tanta forza il fondamentalmente debole Macbeth non poteva che soccombere.

Quelle note quella sera alla Scala non c’erano: qui la Lady era autoritaria, più che autorevole ed invece che costringere il consorte, sembra che pianifichi con lui una strategia nefanda.

Alla fine di questa prima grande aria, pensi che la signora fosse tesa, che si sia trattenuta per paura dei tanti cecchini pronti a colpire al primo cedimento, che si debba scaldare.

Ma in realtà le cose non vanno meglio con il proseguire dello spettacolo.

Anche la applauditissima aria del sonnambulismo, sicuramente il migliore momento della serata, non riesce a turbarmi.

Il problema non è la nota finale che all’inizio sembra rompersi, anzi, grande merito saper gestire con tanta maniera una situazione incresciosa.

Non è un problema di presenza scenica, perché il soprano è veramente una meravigliosa attrice, capace di ballare fra i mimi, di oscillare su un cornicione, di correre in giro per il palcoscenico cantando.

Il fatto è che nonostante tutto questo non mi ha stregato. Né da sana di mente, né impazzita.

La sua voce non ha saputo portarmi altrove, ho ascoltato una brava cantante, con una voce che corre meno del previsto nello spazio del teatro, con un volume decisamente normale e con acuti non sempre solidi e quasi mai imponenti.

Una come tante.

Certamente non una grande Lady. A me sembra neanche una vera Lady.

Una consapevolezza nuova, che veramente mi lascia stupito, è che il suono della signora Netrebko è sicuramente straordinariamente telegenico.

Molto migliore registrato che in teatro.

Un caso decisamente raro.

Esattamente il contrario di quello che accadeva alla straordinaria Dimitrova, la cui voce oceanica risultava immeritatamente appiattita dalla registrazione, che riportava una interpretazione leggendaria dal vivo dentro i canoni della normalità in video.

Forse la chiave del successo mondiale di questa regina dell’opera, più che del palcoscenico è questo: uno straordinario appeal, la capacità di muoversi sul palcoscenico con una disponibilità ed una professionalità rare, uno strumento vocale perfetto per i nuovi strumenti di comunicazione.

Certamente non un mito, per quel che mi riguarda, del palcoscenico.

Forse, però, una regina di un nuovo mondo dell’opera, meno virtuoso e più virtuale.

di G. Macovez

 

ASCOLTI

‘Una macchia è qui tutt’ora’ dal Macbeth interpretata alla Royal Opera House

La signora Netrebko, nel 2014, all’Accademia di Santa Cecilia, interpreta in concerto l’aria ‘Or tutti sorgete’

 

Anna Netrebko ha sempre osato molto in scena. Eccola, nel 2005 a Salisburgo, intensa Violetta in un allestimento scarno e di grande intensità ,accanto a Rolando Villanzon

 

Dallo stesso allestimento in ‘Sempre libera’ 

 

blogmusica-e-parole

Silvia Dalla Benetta: una Lady del teatro dell’opera - Intervista di Gianluca Macovez
News, Interviste, Interviste artisti, Curiosità, opera, intervista,

Silvia Dalla Benetta: una Lady del teatro dell’opera - Intervista di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2023-01-27 03:50

Intervista del nostro inviato Gianluca Macovez al soprano Silvia Dalla Benetta. Buona lettura

The Vocal Coach Massimo Iannone land in USA: Masterclass & lecture-concert open to all
News, Musicologia generale, Curiosità, opera, news,

The Vocal Coach Massimo Iannone land in USA: Masterclass & lecture-concert open to all

Admin

2023-01-23 16:53

The italian vocal coach M° Masssimo Iannone land to Orlando in USA for an important masterclass

Il Vocal Coach Massimo Iannone approda negli USA: Masterclass e lezione-concerto aperta a tutti
News, Musicologia generale, Curiosità, opera, news,

Il Vocal Coach Massimo Iannone approda negli USA: Masterclass e lezione-concerto aperta a tutti

Admin

2023-01-23 16:05

Apprezzatissimo sul web e presso molte istituzioni musicali italiane ed estere il M° Masssimo Iannone ha annunciato la prossima Masterclass ad Orlando negli USA

La magia delle parole nella poesia friulana di Pier Paolo Pasolini - Recensione di Gianluca Macovez
Curiosità, Teatro, Recensioni,

La magia delle parole nella poesia friulana di Pier Paolo Pasolini - Recensione di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2023-01-19 02:38

Recensione di Gianluca Macovez dello spettacolo Rosada!, tournee nei teatri dell Ert - Ente teatrale regionale del Friuli Venezia Giulia

Successo per l'Otello di Verdi al Teatro di Udine. Recensione di Kevin De Sabbata
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Successo per l'Otello di Verdi al Teatro di Udine. Recensione di Kevin De Sabbata

Kevin De Sabbata

2023-01-18 18:58

Successo per l'Otello di Verdi al Teatro Nuovo Giovanni di Udine. Recensione di Kevin De Sabbata

A Udine sabato 14 è di scena l'Otello di Verdi
News, Musicologia generale, news, comunicato stampa,

A Udine sabato 14 è di scena l'Otello di Verdi

Admin

2023-01-11 19:21

Il capolavoro verdiano sarà al Teatro Nuovo Giovanni da Udine sabato 14 gennaio con inizio alle ore 20.00

Una Boheme di fine anno al Filarmonico di Verona - recensione della recita del 31/12/22 di Loredana Atzei
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni,

Una Boheme di fine anno al Filarmonico di Verona - recensione della recita del 31/12/22 di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2023-01-04 21:11

Il capolavoro di Puccini ha salutato con successo il 2022 al Filarmonico di Verona. Recensione di Loredana Atzei. Buona lettura

Tantissimi auguri di buone feste... in Musica (anno 2022)
News, Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, news,

Tantissimi auguri di buone feste... in Musica (anno 2022)

Admin

2022-12-20 01:55

il consueto articolo di auguri degli amministratori e moderatori del gruppo Facebook "L'Opera Lirica dal Loggione & Musica in Opera"

News, Curiosità, Teatro, news,

"Officina Teatro, piccoli artigiani all'Opera" sbarca a Pisa al Teatro Verdi

Admin

2022-12-20 01:44

Un bellissimo progetto formativo rivolto ai ragazzi ideato dal team di Ecoteatro ha preso vita al Teatro Verdi di Pisa

Il nuovo EP
News, Musicologia generale, Curiosità, news,

Il nuovo EP "Caricias" di Talita McGrace per Plunia Records

Admin

2022-12-19 20:50

Il brano di esordio di Talita McGrace inciso per la casa discografica Plunia Records disponibile sulle principali piattaforme digitali.

Tosca alla ROH di Londra (recita del 12/12) - recensione di Kevin De Sabbata
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Tosca alla ROH di Londra (recita del 12/12) - recensione di Kevin De Sabbata

Kevin De Sabbata

2022-12-17 23:51

La recensione di Tosca del nostro inviato Kevin De Sabbata presso la Royal Opera House di Londra. La recensione si riferisce alla recita del 12 dicembre u.s.

Convince la Boheme al Verdi di Trieste - Recensione di Gianluca Macovez
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni,

Convince la Boheme al Verdi di Trieste - Recensione di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-12-17 21:02

La recensione di Gianluca Macovez della Boheme in scena al Teatro Verdi di Trieste. Buona lettura

Domani 16 dicembre Concerto
News, Musicologia generale, Curiosità, news,

Domani 16 dicembre Concerto "Frida and friends 4 vEyes" in streaming

Elena Torre

2022-12-15 20:50

Frida and friends 4 vEyes venerdì 16 dicembre in diretta streaming un’iniziativa di Frida Bollani Magoni

Successo per il concerto spettacolo
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Successo per il concerto spettacolo "Le Stelle dell'Opera" al 6° Chianni Opera Festival - di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2022-12-14 16:16

Bellissimo pomeriggio in musica al Piccolo Teatro di Chianni in ricordo di Renata Tebaldi ed Ettore Bastianini

Intervista al tenore Scotto Di Luzio Rodolfo a Trieste - di Gianluca Macovez
News, Interviste, Interviste artisti, Curiosità, opera, intervista,

Intervista al tenore Scotto Di Luzio Rodolfo a Trieste - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-12-13 03:28

Una bella chiaccherata di Giancluca Macovez con una delle più interessanti voci di tenore della sua generazione. Buona lettura

Grande evento per il centenario della nascita della Tebaldi e di Bastianini al 6° Chianni Opera Festival
News, Storia della Lirica, Curiosità, opera, news,

Grande evento per il centenario della nascita della Tebaldi e di Bastianini al 6° Chianni Opera Festival

Admin

2022-12-04 03:26

L'importante evento si svolgerà presso il Piccolo Teatro di Chianni sabato 10 dicembre p.v. alle 17. Una occasione veramente molto speciale

Interviste artisti, Curiosità, Teatro, intervista, teatro,

"Le Interviste del Loggione" 2022 - Intervista ad Amanda Sandrelli - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-12-04 02:24

In scena nella Lisistrata Amanda Sandrelli è stata intervistata dal nostro corrispondente Gianluca Macovez per Le Interviste del Loggione. Buona lettura

Alcina di Handel al Covent Garden di Londra - recensione di Kevin De Sabbata
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Alcina di Handel al Covent Garden di Londra - recensione di Kevin De Sabbata

Kevin De Sabbata

2022-11-28 03:35

Il nostro inviato da Londra Kevin De Sabbata ci parla della bella Alcina che ha visto trionfatrice una straordinaria Oropesa nel ruolo della protagonista

Note Domenicali n° 13 (27/11) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, note domenicali,

Note Domenicali n° 13 (27/11) - "Anna Netrebko" di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-11-27 23:35

In questa puntata di Note Domenicali Gianluca Macovez ci parla del soprano Anna Netrebko. Buona lettura e come sempre buon ascolto

Otello di Verdi a Trieste (recita del 13/11) - recensione di Gianluca Macovez
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Otello di Verdi a Trieste (recita del 13/11) - recensione di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-11-16 02:33

Gianluca Macovez ci ha fornito la sua recensione relativa alla recita del 13/11 con il primo cast dell'Otello al Verdi di Trieste

Ecco di seguito gli articoli pubblicati nel nostro blog Musica e Parole. Spuntando i vari anni e mesi potrete aprire il menù da cui poter accedere a tutte le risorse disponibili nella sezione. Sulla pagina Archivio storico inoltre troverete questa sezione più alcune altre risorse e link ai contenuti del sito

I 10 articoli più letti

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder