music-1521122.jpeg

ATTENZIONE

Questo sito fa uso esclusivamente di cookie tecnici, ma alcune applicazioni possono prevedere cookie di terze parti.

Proseguendo nella navigazioni acconsenti all'utilizzo di cookie. I dati forniti in questo form saranno tenuti segreti dal titolare del sito e non inviati per nessun motivo a terze parti, anche agli stessi componenti della redazione, senza il consenso dell'interessato. I dati raccolti grazie a questo form non saranno ceduti a terzi nè verranno utilizzati per scopi diversi da quello esclusivo dichiarato dal sito. La redazione si riserva di non rispondere a messaggi di carattere commerciale o che non sono attinenti alla natura del sito. Cliccando sul pulsante "Invia" si autorizza automaticamente il sito musicainopera.com a trattare i dati personali come descritto in questo avviso. Questo secondo la norme vigenti in tema della tutela dei dati personali e della privacy. Per maggiori informazioni: Informativa sulla privacy e informativa cookie

Musica e Parole

 Parte centrale del nostro sito dove vengono pubblicati gli articoli e le interviste agli artisti, che vengono poi condivise sulla pagine del nostro gruppo Facebook, in modo da essere sempre disponibili per i nostri membri, sostenitori e appassionati del mondo della Lirica.

Una Boheme di fine anno al Filarmonico di Verona - recensione della recita del 31/12/22 di Loredana Atzei

2023-01-04 21:11

Loredana Atzei

Musicologia generale, Curiosità, Recensioni,

Una Boheme di fine anno al Filarmonico di Verona - recensione della recita del 31/12/22 di Loredana Atzei

Il capolavoro di Puccini ha salutato con successo il 2022 al Filarmonico di Verona. Recensione di Loredana Atzei. Buona lettura

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Teatro filarmonico di Verona chiude il 2022 in bellezza con La Bohème di Puccini e un grande successo di pubblico, come testimoniano gli oltre sei minuti di applausi alla fine della recita.

 

La regia di Stefano Trespidi che traspone la storia nella Parigi della Rivoluzione studentesca del ’68 di per se solleva qualche iniziale perplessità salvo poi rivelarsi come un’operazione abbastanza innocua, a tratti distraente e un po’ forzata, ma nulla per cui scandalizzarsi.

Anche se un po’ della poesia della Bohème in questa versione inevitabilmente si perde.

 

I personaggi vivono e si comportano per quello che sono: dei giovani amici pieni di speranze che cercano di dare vita ai propri sogni sopravvivendo con molta leggerezza ad una condizione di indigenza che è spesso una condizione patologica che accompagna gli artisti di ogni tempo.

 

Le scene di Juan Guillermo Nova sono ben realizzate e la distribuzione delle masse in scena è realizzata con stile, secondo i canoni estetici della fine degli anni 60. Contribuisce alla realizzazione ottimale il disegno luci curato da Paolo Mazzon.

 

Fiore all’occhiello di questa recita è l’ orchestra del Filarmonico di Verona diretta con un’eccezionale sensibilità lirica dal M° Andrea Battistoni che riesce ad ottenere un’unione totale tra palco e orchestrali. Attacchi perfetti e una grande ricchezza di sfumature nell’interpretare la partitura. Una direzione capace di dare il giusto senso ad ogni nota ed essere un faro per i cantanti in scena.

 

Il primo atto si apre in una fredda soffitta che Marcello e Rodolfo hanno trasformato in una tipografia clandestina in cui si stampano manifesti rivoluzionari. I costumi di Silvia Bonetti sono aderenti al periodo. Camicie sgargianti. Pantaloni di velluto. Toni tra il marrone e il verde.

 

Rodolfo è il tenore Jonathan Tetelman al suo debutto nel ruolo nel teatro Veronese. Giovane, bella presenza, si muove bene. La voce è morbida e grande soprattutto negli acuti che sfodera a profusione in un grande sfoggio vocale che il pubblico ha ampiamente dimostrato di apprezzare.

Nell’ esecuzione dell’aria più famosa, “Che gelida manina…” sceglie di eseguire la frase nel modo meno abusato ossia pronunciando “La dolce speranza…”. L’accompagnamento della parola non è perfetto ma l’acuto che ne segue è notevole così come è notevole l’applauso del pubblico.

Dipinge quindi un Rodolfo stentoreo negli acuti, meno nei centri e un po’ avaro in mezze voci, che comunque si esibisce in un pianissimo alla conclusione di “Ci lasceremo alla stagion dei fior…” a dimostrazione che c’è un ampio margine di miglioramento nella maturazione interpretativa del personaggio.

 

Il suo compagno di stanza e di avventure è il Marcello del baritono Alessandro Luongo bravo sia come attore che come interprete vocale. Voce ampia ed espressiva e una gestualità sempre curata.

I due si lamentano del freddo, scherzano insieme, giocano inserendo le pagine del racconto di Rodolfo all’interno di bottiglie vuote che accendono a mo’ di molotov. Oggetto alquanto di moda ai tempi.

 

Ai due presto si uniscono altri due amici. Colline e Schaunard rispettivamente Francesco Leone e Jan Antem. Spigliati e divertiti sulla scena, ottimi a livello vocale, annichiliti dal dolore nell’ultimo atto dove danno prova della profondità dei loro sentimenti e si prodigano entrambi per aiutare Mimì. Francesco Leone si esibisce in una “Vecchia zimarra…” dolente ma non priva di una sottilissima vena tristemente ironica. L’applauso del pubblico è caloroso.

 

All’arrivo del padrone di casa, giunto a chiedere il pagamento dell’affitto, la tipografia si trasforma in una stamperia d’arte. Benoit è qui interpretato in modo efficace da Nicolò Donini con la giusta dose di comicità ma senza mai diventare caricaturale.

 

La protagonista femminile è invece interpretata da Irina Lungu. Una Mimì vocalmente ricca che alterna civetteria a disperazione, amore per Rodolfo e paura di perderlo, giovanile voglia di vivere e tragica consapevolezza di fronte alla morte. Emozionante nell’aria “Si, mi chiamano Mimì…” che raggiunge il culmine con “Ma quando viene lo sgelo…” in cui, insieme all’orchestra che offre un accompagnamento esemplare, manda il pubblico in visibilio.

 

Il secondo quadro si svolge da Momus, il locale in cui gli amici si ritrovano. E si trova proprio di fronte ad una Piazza che diventa l’occasione per una manifestazione.

Obiettivamente una delle scene più forzate dell’intera operazione. Perché non c’è modo di rendere credibili i bambini che manifestano in piazza dopo l’arrivo di Parpignol.

L’effetto discordante tra ciò che indica il libretto e ciò che si vede sulla scena è davvero troppo grande.

 

Gli amici si ritrovano finalmente a mangiare seduti ad una tavola apparecchiata con mille prelibatezze quando arriva Musetta accompagnata da Alcindoro, un Consigliere di Stato ricco e alquanto generoso interpretato da Roberto Accurso con raffinata eleganza.

Pare chiaro che la regia abbia scelto di rinunciare alle consuete rappresentazioni macchiettistiche di alcuni personaggi per concentrarsi invece in un sobrio realismo.

Daria Rybak interpreta una Musetta volitiva e capricciosa con una recitazione senza eccessi. Vocalmente corretta e piacevole. Applaudita abbondantemente nel valzer “Quando men vò…” tuttavia da un punto di vista recitativo ciò che acquista in classe lo perde in brio. E forse nel cambio lo spettacolo non ci guadagna anche se il personaggio risulta inquadrato bene nel contesto.

Interessante la scelta di vestirla con un eccentrico completo viola elettrico costituito di giacca e pantaloni. A quei tempi per una donna indossare i pantaloni era di per se un atto rivoluzionario e una dichiarazione d’intenti. Era inoltre il periodo della predicazione dell’amore libero. E chi più di Musetta può avvicinarsi a quella filosofia di vita.

 

Bravi tutti gli interpreti di contorno Antonio Garés nei panni di Parpignol, Jacopo Bianchini che interpreta il Sergente dei Doganieri, Francesco Azzolini e Giovanni Gregnanin nel ruolo rispettivamente di un doganiere e un venditore.

 

Il terzo atto vede Marcello impegnato a dipingere graffiti, l’arte murale per eccellenza del periodo con slogan che, tradotti, hanno poi fatto il giro del mondo. Da “Vietato vietare!” a “L’immaginazione al potere.” E via dicendo.

L’ambientazione è quella di una zona periferica, popolare, con palazzoni grigi e il rottame di una Renault 4 rossa dietro la quale Mimì si nasconde per ascoltare il dialogo tra Marcello e Rodolfo.

 

Nonostante quindi una recitazione credibile e un canto convincente rimane il retrogusto di un’operazione registica che ha un valore estetico solo superficiale ma che forse è il modo del regista di definire quei tempi.

Una rivoluzione che si è fermata solo all’estetica.

Ci restituisce il quadro di una gioventù che non è stata capace di realizzare quelle utopie che professava, se non a livello esteriore.

Questa in fondo è la cosa che stride di più con la storia che conosciamo.

Perchè Rodolfo, Marcello, Colline e Schaunard sono sognatori è vero, ma non rivoluzionari.

La Bohéme è una storia di intima quotidianità, di goliardia tra amici e di amori “eterni” che svaniscono al primo sole. Non ci sono grandi gesti eroici ne ribellioni al sistema.

 

E se proprio si vuole fare un paragone con l’attualità la Bohème somiglia molto di più ad una puntata di “Friends” piuttosto che al film “The dreamers” di Bernardo Bertolucci.

E del film “The dreamers” viene riprodotta anche la scena più iconica. Quella che vede i tre protagonisti nudi nella vasca. Ed ecco quindi che nel quarto quadro la povera e fredda soffitta viene sostituita da un lussuoso attico dotato di una Jacuzzi in cui Marcello e Rodolfo si intrattengono, in un menage a troi, con una ragazza di passaggio.

 

La trasformazione della soffitta ad attico di lusso indica che gli artisti hanno ceduto il passo ai compromessi borghesi e anticipa quella che è la fine dei sogni giovanili.

E questo di fatto rende meno significativa la morte di Mimì perché dovrebbe essere con la sua morte, e non prima, che il gruppo di amici si affaccia alla vita reale chiudendo definitivamente la porta a quella stagione di sogni e chimere che la gioventù porta con se.

 

Ma in fondo per citare un altro slogan famoso “I sogni muoiono all’alba.”

Siamo dunque nel ’68 Francese e il regista ci annuncia che la rivoluzione è durata molto poco.

Addirittura meno della storia tra Rodolfo e Mimì.

di Loredana Atzei

 

Credits photo: ennevifoto per la fondazione Arena

laboheme_311222_ennevifoto_296.jpeg
laboheme_311222_ennevifoto_375.jpeg
laboheme_311222_ennevifoto_415.jpeg
laboheme_311222_ennevifoto_568.jpeg
laboheme_311222_ennevifoto_622.jpeg
laboheme_311222_ennevifoto_647.jpeg
laboheme_311222_ennevifoto_697.jpeg
laboheme_311222_ennevifoto_700.jpeg
laboheme_311222_ennevifoto_768.jpeg
blogmusica-e-parole

Silvia Dalla Benetta: una Lady del teatro dell’opera - Intervista di Gianluca Macovez
News, Interviste, Interviste artisti, Curiosità, opera, intervista,

Silvia Dalla Benetta: una Lady del teatro dell’opera - Intervista di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2023-01-27 03:50

Intervista del nostro inviato Gianluca Macovez al soprano Silvia Dalla Benetta. Buona lettura

The Vocal Coach Massimo Iannone land in USA: Masterclass & lecture-concert open to all
News, Musicologia generale, Curiosità, opera, news,

The Vocal Coach Massimo Iannone land in USA: Masterclass & lecture-concert open to all

Admin

2023-01-23 16:53

The italian vocal coach M° Masssimo Iannone land to Orlando in USA for an important masterclass

Il Vocal Coach Massimo Iannone approda negli USA: Masterclass e lezione-concerto aperta a tutti
News, Musicologia generale, Curiosità, opera, news,

Il Vocal Coach Massimo Iannone approda negli USA: Masterclass e lezione-concerto aperta a tutti

Admin

2023-01-23 16:05

Apprezzatissimo sul web e presso molte istituzioni musicali italiane ed estere il M° Masssimo Iannone ha annunciato la prossima Masterclass ad Orlando negli USA

La magia delle parole nella poesia friulana di Pier Paolo Pasolini - Recensione di Gianluca Macovez
Curiosità, Teatro, Recensioni,

La magia delle parole nella poesia friulana di Pier Paolo Pasolini - Recensione di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2023-01-19 02:38

Recensione di Gianluca Macovez dello spettacolo Rosada!, tournee nei teatri dell Ert - Ente teatrale regionale del Friuli Venezia Giulia

Successo per l'Otello di Verdi al Teatro di Udine. Recensione di Kevin De Sabbata
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Successo per l'Otello di Verdi al Teatro di Udine. Recensione di Kevin De Sabbata

Kevin De Sabbata

2023-01-18 18:58

Successo per l'Otello di Verdi al Teatro Nuovo Giovanni di Udine. Recensione di Kevin De Sabbata

A Udine sabato 14 è di scena l'Otello di Verdi
News, Musicologia generale, news, comunicato stampa,

A Udine sabato 14 è di scena l'Otello di Verdi

Admin

2023-01-11 19:21

Il capolavoro verdiano sarà al Teatro Nuovo Giovanni da Udine sabato 14 gennaio con inizio alle ore 20.00

Una Boheme di fine anno al Filarmonico di Verona - recensione della recita del 31/12/22 di Loredana Atzei
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni,

Una Boheme di fine anno al Filarmonico di Verona - recensione della recita del 31/12/22 di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2023-01-04 21:11

Il capolavoro di Puccini ha salutato con successo il 2022 al Filarmonico di Verona. Recensione di Loredana Atzei. Buona lettura

Tantissimi auguri di buone feste... in Musica (anno 2022)
News, Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, news,

Tantissimi auguri di buone feste... in Musica (anno 2022)

Admin

2022-12-20 01:55

il consueto articolo di auguri degli amministratori e moderatori del gruppo Facebook "L'Opera Lirica dal Loggione & Musica in Opera"

News, Curiosità, Teatro, news,

"Officina Teatro, piccoli artigiani all'Opera" sbarca a Pisa al Teatro Verdi

Admin

2022-12-20 01:44

Un bellissimo progetto formativo rivolto ai ragazzi ideato dal team di Ecoteatro ha preso vita al Teatro Verdi di Pisa

Il nuovo EP
News, Musicologia generale, Curiosità, news,

Il nuovo EP "Caricias" di Talita McGrace per Plunia Records

Admin

2022-12-19 20:50

Il brano di esordio di Talita McGrace inciso per la casa discografica Plunia Records disponibile sulle principali piattaforme digitali.

Tosca alla ROH di Londra (recita del 12/12) - recensione di Kevin De Sabbata
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Tosca alla ROH di Londra (recita del 12/12) - recensione di Kevin De Sabbata

Kevin De Sabbata

2022-12-17 23:51

La recensione di Tosca del nostro inviato Kevin De Sabbata presso la Royal Opera House di Londra. La recensione si riferisce alla recita del 12 dicembre u.s.

Convince la Boheme al Verdi di Trieste - Recensione di Gianluca Macovez
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni,

Convince la Boheme al Verdi di Trieste - Recensione di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-12-17 21:02

La recensione di Gianluca Macovez della Boheme in scena al Teatro Verdi di Trieste. Buona lettura

Domani 16 dicembre Concerto
News, Musicologia generale, Curiosità, news,

Domani 16 dicembre Concerto "Frida and friends 4 vEyes" in streaming

Elena Torre

2022-12-15 20:50

Frida and friends 4 vEyes venerdì 16 dicembre in diretta streaming un’iniziativa di Frida Bollani Magoni

Successo per il concerto spettacolo
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Successo per il concerto spettacolo "Le Stelle dell'Opera" al 6° Chianni Opera Festival - di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2022-12-14 16:16

Bellissimo pomeriggio in musica al Piccolo Teatro di Chianni in ricordo di Renata Tebaldi ed Ettore Bastianini

Intervista al tenore Scotto Di Luzio Rodolfo a Trieste - di Gianluca Macovez
News, Interviste, Interviste artisti, Curiosità, opera, intervista,

Intervista al tenore Scotto Di Luzio Rodolfo a Trieste - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-12-13 03:28

Una bella chiaccherata di Giancluca Macovez con una delle più interessanti voci di tenore della sua generazione. Buona lettura

Grande evento per il centenario della nascita della Tebaldi e di Bastianini al 6° Chianni Opera Festival
News, Storia della Lirica, Curiosità, opera, news,

Grande evento per il centenario della nascita della Tebaldi e di Bastianini al 6° Chianni Opera Festival

Admin

2022-12-04 03:26

L'importante evento si svolgerà presso il Piccolo Teatro di Chianni sabato 10 dicembre p.v. alle 17. Una occasione veramente molto speciale

Interviste artisti, Curiosità, Teatro, intervista, teatro,

"Le Interviste del Loggione" 2022 - Intervista ad Amanda Sandrelli - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-12-04 02:24

In scena nella Lisistrata Amanda Sandrelli è stata intervistata dal nostro corrispondente Gianluca Macovez per Le Interviste del Loggione. Buona lettura

Alcina di Handel al Covent Garden di Londra - recensione di Kevin De Sabbata
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Alcina di Handel al Covent Garden di Londra - recensione di Kevin De Sabbata

Kevin De Sabbata

2022-11-28 03:35

Il nostro inviato da Londra Kevin De Sabbata ci parla della bella Alcina che ha visto trionfatrice una straordinaria Oropesa nel ruolo della protagonista

Note Domenicali n° 13 (27/11) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, note domenicali,

Note Domenicali n° 13 (27/11) - "Anna Netrebko" di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-11-27 23:35

In questa puntata di Note Domenicali Gianluca Macovez ci parla del soprano Anna Netrebko. Buona lettura e come sempre buon ascolto

Otello di Verdi a Trieste (recita del 13/11) - recensione di Gianluca Macovez
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Otello di Verdi a Trieste (recita del 13/11) - recensione di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-11-16 02:33

Gianluca Macovez ci ha fornito la sua recensione relativa alla recita del 13/11 con il primo cast dell'Otello al Verdi di Trieste

Ecco di seguito gli articoli pubblicati nel nostro blog Musica e Parole. Spuntando i vari anni e mesi potrete aprire il menù da cui poter accedere a tutte le risorse disponibili nella sezione. Sulla pagina Archivio storico inoltre troverete questa sezione più alcune altre risorse e link ai contenuti del sito

I 10 articoli più letti

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder