music-1521122.jpeg

ATTENZIONE

Questo sito fa uso esclusivamente di cookie tecnici, ma alcune applicazioni possono prevedere cookie di terze parti.

Proseguendo nella navigazioni acconsenti all'utilizzo di cookie. I dati forniti in questo form saranno tenuti segreti dal titolare del sito e non inviati per nessun motivo a terze parti, anche agli stessi componenti della redazione, senza il consenso dell'interessato. I dati raccolti grazie a questo form non saranno ceduti a terzi nè verranno utilizzati per scopi diversi da quello esclusivo dichiarato dal sito. La redazione si riserva di non rispondere a messaggi di carattere commerciale o che non sono attinenti alla natura del sito. Cliccando sul pulsante "Invia" si autorizza automaticamente il sito musicainopera.com a trattare i dati personali come descritto in questo avviso. Questo secondo la norme vigenti in tema della tutela dei dati personali e della privacy. Per maggiori informazioni: Informativa sulla privacy e informativa cookie

Musica e Parole

 Parte centrale del nostro sito dove vengono pubblicati gli articoli e le interviste agli artisti, che vengono poi condivise sulla pagine del nostro gruppo Facebook, in modo da essere sempre disponibili per i nostri membri, sostenitori e appassionati del mondo della Lirica.

Intervista a Stefano Vizioli

2019-10-05 12:01

Admin

News, Interviste, Interviste artisti, musica, opera, intervista,

Intervista a Stefano Vizioli

Una piacevole conversazione con Stefano Vizioli, uno dei più brillanti registi italiani, a cura del musicologo Alessandro Ceccarini. Vizioli, direttore artistic

news87-1581349608.pngnews88-1581349608.png

Ho il piacere quest’oggi di incontrare il M° Stefano Vizioli, importante regista italiano e direttore artistico del Teatro Verdi di Pisa. Una conversazione franca, piacevole, che ha generato questa intervista esclusiva per il sito Musicainopera.
Pisa, 23/09/2019

-Carissimo maestro quando è nato il suo amore per il teatro lirico,come è progredito e quali frutti ha dato? 
Credodi aver avuto 4 anni quando, assistendo in televisione ad una Bohèmedi Zeffirelli dissi a mia madre di voler "fare l’opera", lospettacolo in cui gli attori cantano invece di parlare. Mi resipresto conto da subito che oltre alla passione poteva essere unaprofessione.Miamadre mi disse "Benissimo! Ma se se vuoi fare l’opera devi primastudiare la musica" e mi mise a studiare pianoforte. Mio padreera amante dell’opera e mia madre si dilettava (seriamente!) asuonare a 4 mani con una nostra vicina di casa, ricordo che Beethovenera il più gettonato, lei e la sua amica eseguivano al piano le 9sinfonie con una certa disinvoltura. I miei non avevano a che faredirettamente con il mondo della musica ma in qualche modo ne facevanoparte. E poi ho degli avi cantanti, il trisnonno Francesco Reduzzifaceva alto comprimariato e ha cantato nella prima di Stiffeliodiretto da Verdi a Trieste.Credoche lavorare nella lirica partendo dalla conoscenza tecnica dellospartito mi sia sempre stato di aiuto, nell’81 mi sono diplomato inpianoforte al Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli, e benpresto capii che il palcoscenico stesso poteva considerarsi unostrumento. Non basta dire "Quanto mi piace l’opera: lafaccio!"... è come dire "Quanto mi piace Liszt: losuono!" Se non hai dieci dita che funzionano Liszt non losuoni, se non conosci le regole del palcoscenico non "lo suoni".Homesso l’iniziale studio del pianoforte al servizio del palcoscenicocoprendo vari mestieri, dopo il diploma ho iniziato con la gavetta,esperienze importanti che mai rinnegherò, che sono statefondamentali per conoscere "lo strumento palcoscenico". Iniziaial Festival Barga, fui utilizzato come maestro collaboratore, maestrodi palcoscenico e maestro luci, suonai le campane nel Rigoletto (13colpi anziché 12 a causa dell’emozione, che dopo il 7° colpo mifece perdere il conto!), in Bohème come comparsa ho portato lacassetta della spesa a Schaunard, da li una serie di esperienze anchecome assistente e aiuto regista che mi hanno portato in giro perl’Italia e all’estero, arricchendomi umanamente e artisticamente evenendo a contatto con artisti come Kraus e la Trojanos, Pretre eBartoletti, Ludwig e Freni, che ovviamente avvicinavo con timorereverenziale essendo lo schiavo del regista di turno, ma rubando conarte e a tempo il più possibile. 

- Ilpalcoscenico del teatro è quindi uno strumento. La cura di ciò cheavviene sul palcoscenico è del regista e degli artisti che lopopolano. Come far capire l’importanza della preparazione, qualistrumenti, quali le cose da sapere per preparare bene uno spettacoloteatrale di opera lirica? Nelle masterclass si affrontano spesso  varie tematiche, come far capire alle giovani leve l’importanza del lavoropersonale? 
Lamaster è un’esperienza "educazionale", quando sono docente mettosempre in conto di dover dare un ripasso generale delle nozioni dibase, parlare di concetti difficili con parole semplici, in modo dafar progredire piano piano i ragazzi, senza metterli in difficoltàsubito con tecnicismi, e cercare come posso di intuire le loropersonali capacità. Altropaio di maniche invece quando mi trovo ad affrontare le prove per unospettacolo dove firmo la regia. Ho fatto regie in tutto il mondo e,ahimè, mi è capitato di trovare a tutte le latitudini alcunicantanti impreparati alla riunione di compagnia. Vista la situazioneodierna del teatro lirico, in cui l’offerta di elementi è di granlunga superiore alla disponibilità di occasioni lavorative, è moltograve arrivare impreparati, come trovo immorale studiare la partedurante le prove, bloccando o ostacolando il lavoro del regista deldirettore e degli altri colleghi che arrivano invece preparatissimida subito.Leprove di uno spettacolo sono la fine di un lavoro, non l’inizio,bisogna arrivare preparati musicalmente dal primo giorno per poterinsieme approfondire i personaggi, entrare nei segreti del testo edella partitura, infondere personalità alle note e alle frasiscritte dal compositore per tradurle decentemente in gesti,movimento, insomma: fare arte, non imboccare con il tastino le noteche non si sono studiate, quello lo fai a casa e non fai perderetempo ai colleghi. Questo non riguarda solo i cantanti ma tutte lecategorie, in primis quella dei registi.

-Come educare al teatro? Come si scelgono i titoli di una stagionelirica, e in particolare quali sono stati i criteri di scelta deititoli della prossima stagione del Teatro Verdi di Pisa? 
Ognivolta che devo creare una stagione mi chiedo: "Voglio offrireal pubblico un teatro rassicurante dove gli spettatori si siedonoaspettandosi di ritrovare un vecchio amico sul palcoscenico, oppureuna proposta che pone delle domande, muove dubbi, quesiti e sfide?"Facciomie le parole di Cicerone "docere delectare movere", far siche il teatro sia il luogo del conoscere e non solo del riconoscere,e credo questo proprio sia uno dei doveri di una direzione artistica.Sonoalla prima esperienza in ambito dirigenziale, ho svolto sempre la miaprofessione di regista free lance avendo sempre degli obbiettivi "atermine", in ogni scrittura o tournée. Il direttore artisticoinvece deve avere una visione temporale e prospettica più ampia e alunga gittata, assicurarsi cantanti anni prima per non perderli,cogliere le occasioni di preziose collaborazioni per coproduzioni,sapere le date di possibili anniversari, e creare alchemicamente unmenù che soddisfi un po’ tutti i palati. Come direttore artisticoritorno a "fare la gavetta" e imparo meccanismi e dinamiche chemi erano sconosciute, una bella palestra di cui sono grato a Pisa perl’opportunità concessami. Inuna città fertile di cultura come Pisa è importante interfacciareil teatro con l’università e con le tante associazioni culturali,aprire le prove alla città, poter offrire esperienze anche aigiovani e realizzare progetti con le scuole. Vado spesso le mattinenelle scuole di Pisa e dintorni a raccontare i titoli delle opere chei ragazzini verranno a vedere, ma vado anche in centri polivalentiper anziani, incontro la città nelle sue molteplici realtà. E’ meraviglioso e di grande soddisfazione vedere come i bambini restinoaffascinati a teatro e scoprano anche nuovi mestieri di cuiignoravano l’esistenza. 

- Oltrea opere di repertorio molto famose come Tosca ci sono a Pisa incartellone alcuni titoli più ricercati. Alcune persone non hannocognizione del repertorio, dell’umana sconfinata produzione di opereliriche, può risultare l’esecuzione di un’opera un vezzo o una cosatroppo noiosa magari a causa della sua lunghezza? 
Ilconcetto di noia spesso è dato dalla qualità di uno spettacolo, unRigoletto sciatto e fatto male con cantanti che deambulano senzasapere cosa fare è noiosissimo. La routine è la morte del teatro esi badi bene che tengo molto alla differenza fra routine e"tradizione", sono due concetti assai diversi ma dal labileconfine.Certonon si misura con l’orologio il valore di un titolo o di unospettacolo, ma forse per il male che affligge i nostri tempi, lafretta, si tende apparentemente a preferire ciò che durameno. Quest’anno faremo Guglielmo Tell: nonostante l’enormeattesa e desiderio da parte della città di riascoltare questoindiscusso capolavoro, ho udito qualche sparuta voce recriminaresulla lungaggine di questo spartito e paventarne la noia. Il miodovere è di far cambiare idea e proporre insospettate piacevoliopportunità. Devoinoltre spezzare una lancia per i registi che propongono riletture unpo’ alternative: se si rispetta lo spartito e quelle dinamiche cherendono immortali la freschezza di un testo attraverso i secoli conuna rilettura intelligente e attenta, non si pecca di lesa maestà.Il teatro non è routine, e noi stessi non siamo più quel pubblicodi 200 anni fa, e comunque è meglio sgomentarsi che sbadigliare. Laricerca dello scandalo tanto per farsi pubblicità non lo accetto, masono favorevole a proposte meno prevedibili e rassicuranti, cheabbiano coerenza e restino fedeli al senso più profondo di unapartitura. Penso all’attualità di libretti come L’incoronazione diPoppea, dove sono contenuti nella trama tematiche quali il potereconseguito attraverso il sesso, la spregiudicatezza, l’umiliazionedel bene a favore del male, la violenza fisica e morale e il ricattopsicologico, il clientelismo e il nepotismo.. potrebbe invece che nel’600 essere ambientata senza problemi nei giorni nostri, tantomoderne sono le dinamiche e le tortuosità narrative e psicologichedi quell’immortale bibbia di teatro. 

-Maestro ci parli un po’ dei titoli della prossima stagione 
Lastagione apre con un titolo poco conosciuto ma molto affascinante,L’Empio punito di Melani, la prima opera dedicata al mito di DonGiovanni. E’ questo un po’ il mio marchio di fabbrica, aprire lastagione con un titolo ricercato, attirare curiosità di massmedia ecritica nazionale e internazionale che si sposta a Pisa a vedere coseche non vedono altrove.Poicome fil rouge in una sorta di dittico ideale, presentiamo il DonGiovanni di Mozart / Da Ponte nella nuova lettura di Cristina Pezzolie con la direttrice d’orchestra Erina Yashima, due donne al timoneper un soggetto machista e in fondo misogino come questo.Afebbraio Il capolavoro massimo di Rossini: il Guglielmo Tell, operaamata dai pisani e a me richiesta da oltre due anni. Altro titoloassente dal Verdi da un po’ di tempo è l’Ernani di Verdi. Avremoinoltre una coproduzione di Tosca a novembre subito dopol’inaugurazione barocca.Ritornaa chiusura di stagione la bella opera di Nino Rota su testo diEduardo De Filippo "Napoli milionaria" con lapartecipazione dei vincitori di OperaStudio, il fiore all’occhiellotoscano che da ormai più i vent’anni può considerarsi autenticafucina di giovani talenti della lirica. 

-Cosa manca al teatro dei nostri giorni? 
Lerisorse sono sempre di meno e la richiesta di qualità da parte delpubblico sempre crescente. Le due cose dovrebbero andare di paripasso. Spero vivamente che si riesca a costruire un teatro dove sipossa produrre di più in autonomia anche se è imprescindibile ormaila politica giustissima delle coproduzioni. A Pisa sono aumentati gliabbonamenti, c’è un’ attenzione alle nostre stagioni da partedella critica nazionale ed internazionale e il pubblico riempie lasala tanto per Tosca quanto per Voix Humaine, il pubblico pisano èattento, curioso e un po’ sospettoso all’inizio, ma anche prontoad accogliere le sfide ed entusiasmarsi quando le proposte sono menoscontate e prevedibili, ricordo una per tutte il trionfo delrossiniano Mosè in Egitto dell’anno scorso. Sono fiducioso siriesca a trovare sempre nuovi stimoli e risorse per andare incontro aquesto entusiasmo che deve essere un vanto per tutti i pisani e ifruitori del Teatro Verdi di Pisa. Su questo anche gli sponsorprivati dovrebbero avere un maggior senso di appartenenza eun’attenzione a quel simbolo di cultura, civiltà ed etica che ilteatro rappresenta.
Graziemaestro Vizioli per questa amichevole intensa chiacchierata, sperovivamente da pisano che la sua opera possa continuare ed esserericonosciuto il suo impegno come direttore artistico e uomo che amaprofondamente il teatro lirico. AlessandroCeccarini

news87-1581349608.pngnews88-1581349608.png
blogmusica-e-parole

Note Domenicali n° 7 (02/10) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, note domenicali,

Note Domenicali n° 7 (02/10) - "A Cristina Deutekom, a. C.D. e p. C.D." di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-10-02 23:39

L'appuntamento di Note Domenicali di Gianluca Macovez di questa settimana è dedicato alla figura del soprano Cristina Deutekom

La rara Messa di Pacini in memoria di Vincenzo Bellini a Catania il 1 ottobre 2022
News, Musicologia generale, Curiosità, opera, news,

La rara Messa di Pacini in memoria di Vincenzo Bellini a Catania il 1 ottobre 2022

Admin

2022-10-01 03:23

Domani sabato 1 ottobre a Catania verrà eseguita la rara Messa da Requiem che Giovanni Pacini scrisse per la traslazione della salma di Bellini

Anteprima del nuovo disco di arie d'opera del tenore Amadi Lagha
News, Musicologia generale, Interviste, Curiosità, opera,

Anteprima del nuovo disco di arie d'opera del tenore Amadi Lagha

Admin

2022-09-28 20:42

Dal 3 ottobre disponibile sul web l'aria "Nessun dorma" come anteprima del nuovo disco del tenore Amadi Lagha

Intervista al soprano Francesca Pedaci - di Loredana Atzei
News, Musicologia generale, Storia della Lirica, Interviste, Interviste artisti, Curiosità, opera, lirica, intervista,

Intervista al soprano Francesca Pedaci - di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2022-09-27 02:56

Una bella intervista di Loredana Atzei in cui il soprano e insegnante di successo Francesca Pedaci si racconta ai lettori di Musicainiopera

Note Domenicali n° 6 (25/09) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, lirica,

Note Domenicali n° 6 (25/09) - "Un soffio è la mia voce... anche meno" di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-09-25 23:30

Gianluca Macovez in questa puntata di Note Domenicali ci parla di aspetti legati alle carriere di alcuni grandi cantanti

Presentazione della Stagione di Lirica e Balletto 22-23 della Fondazione Teatro Verdi di Trieste
News, Storia della Lirica, Curiosità, opera, lirica,

Presentazione della Stagione di Lirica e Balletto 22-23 della Fondazione Teatro Verdi di Trieste

Gianluca Macovez

2022-09-22 00:11

La presentazione della Stagione di Lirica e Balletto 2022 2023 della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste

Note Domenicali n°5 (18/09) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, Teatro, opera, lirica, teatro,

Note Domenicali n°5 (18/09) - "Animali del palcoscenico, ossia i campioni di personalità" di Gianluca Macove

Gianluca Macovez

2022-09-18 02:31

In Note Domenicali questa settimana Gianluca Macovez si occupa di figure emblematiche del Teatro e della Lirica, parlando del loro innato straordinario carisma

Prorogate fino al 25 settembre le iscrizioni al 10° Premio Internazionale di canto lirico Fausto Ricci di Viterbo
News, Curiosità, opera, concorso,

Prorogate fino al 25 settembre le iscrizioni al 10° Premio Internazionale di canto lirico Fausto Ricci di Vit

Admin

2022-09-17 03:18

Raina Kabaivanska annunciata Presidente di Giuria alla 10ª Edizione del Concorso lirico Fausto Ricci di Viterbo (Teatro dell'Unione dal 10 al 16 ottobre 2022)

L'attore Federico Barsanti ospite questa sera al Festival “A veglia” di Manciano (Gr)
News, Curiosità, Teatro, teatro, comunicato stampa,

L'attore Federico Barsanti ospite questa sera al Festival “A veglia” di Manciano (Gr)

Admin

2022-09-17 03:09

L’attore versiliese Federico Barsanti sarà ospite stasera alle ore 21,30 con lo spettacolo Signora Porzia della XVI edizione del Festival "A Veglia" di Manciano

Note Domenicali n°4 (11/09) -
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, ricordi,

Note Domenicali n°4 (11/09) - "L'Urlo edificatore, una bella Gioconda areniana" - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-09-11 03:33

L'appuntamento domenicale con le memorie di Gianluca Macovez ci porta alla scoperta di Hana Janku e Cornell Mac Neil, ricordando una bella Gioconda areniana

Note Domenicali n°3 (04/09) - Alziamo le mani, il mio incontro con Del Monaco - di Gianluca Macovez
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità,

Note Domenicali n°3 (04/09) - Alziamo le mani, il mio incontro con Del Monaco - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-09-04 14:08

Il terzo appuntamento con Note Domenicali, la rubrica di successo di Gianluca Macovez dedicata ai suoi ricordi teatrali

Musicologia generale, Storia della Lirica, Interviste artisti, Curiosità, opera, intervista,

"Le interviste del Loggione" - Intervista al soprano Carmen Lavani - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-08-31 18:01

La bellissima intervista di Gianluca Macovez al soprano Carmen Lavani per "Le Interviste del Loggione". Buona lettura

Recensione su La Creazione di Haydn ad Amsterdam - di Kevin De Sabbata
News, Musicologia generale, Recensioni,

Recensione su La Creazione di Haydn ad Amsterdam - di Kevin De Sabbata

Kevin De Sabbata

2022-08-30 19:52

La recensione del nostro collaboratore Kevin De Sabbata da Amsterdam . Buona lettura

Note domenicali n° 2 (28-08)
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, verdi,

Note domenicali n° 2 (28-08) "Nabucco all'Arena, un esordio da coprotagonista" - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2022-08-28 00:01

Il racconto curioso e divertente di una serata all'Arena dalla penna di Gianluca Macovez per il secondo appuntamento con la rubrica Note Domenicali

Debutta al 36° Todi Festival lo spettacolo
News, Curiosità, Teatro, teatro,

Debutta al 36° Todi Festival lo spettacolo "Il corpo della donna come campo di battaglia" - di Elena Torre

Elena Torre

2022-08-25 13:35

Debutta al Festival di Todi lo spettacolo "Il corpo della donna come campo di battaglia" con Maria Bargilli e Annalisa Canfora, regia di Alessio Pizzech

Note Domenicali n°1 (21-08) - La Carmen all'Arena nel 1970 e un ricordo di Franco Corelli - di G. Macovez
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, musicologia, opera,

Note Domenicali n°1 (21-08) - La Carmen all'Arena nel 1970 e un ricordo di Franco Corelli - di G. Macovez

Gianluca Macovez

2022-08-21 03:12

La prima puntata della nuova rubrica di Gianluca Macovez è dedicata al ricordo di una straordinaria Carmen del 1970 all'Arena e al grande tenore Franco Corelli

Intervista al regista Salvo Piro e al direttore artistico del Luglio Musicale Trapanese Walter Roccaro - di Loredana Atzei
News, Interviste, Interviste artisti, Curiosità, opera, intervista,

Intervista al regista Salvo Piro e al direttore artistico del Luglio Musicale Trapanese Walter Roccaro - di Lo

Loredana Atzei

2022-08-19 20:02

Una doppia intervista che la nostra inviata a Trapani Loredana Atzei ha potuto effettuare in occasione della Traviata andata in scena pochi giorni fa

Tosca, una preziosa analisi di Guido Paduano (ritrovata in archivio)
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, musicologia, opera, puccini,

Tosca, una preziosa analisi di Guido Paduano (ritrovata in archivio)

Admin

2022-08-13 02:11

Delle riflessioni su Tosca di Guido Paduano raccolte in un articolo non più disponibile su internet ma che ho recuperato fortunosamente nel mio archivio

Carmen all'Arena di Verona (recita del 31/07/22) - di Loredana Atzei
News, Musicologia generale, Curiosità, opera, recensione,

Carmen all'Arena di Verona (recita del 31/07/22) - di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2022-08-03 00:23

La nostra inviata Loredana Atzei è tornata a vedere all'Arena la Carmen il 31 luglio scorso. Questa la sua recensione

Pagine mascagnane - invito all'ascolto
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera, lirica,

Pagine mascagnane - invito all'ascolto

Admin

2022-08-02 20:24

Un omaggio a Pietro Mascagni nella ricorrenza della sua morte

Ecco di seguito gli articoli pubblicati nel nostro blog Musica e Parole. Spuntando i vari anni e mesi potrete aprire il menù da cui poter accedere a tutte le risorse disponibili nella sezione. Sulla pagina Archivio storico inoltre troverete questa sezione più alcune altre risorse e link ai contenuti del sito

I 10 articoli più letti

Come creare un sito web con Flazio