music-1521122.jpeg

ATTENZIONE

Questo sito fa uso esclusivamente di cookie tecnici, ma alcune applicazioni possono prevedere cookie di terze parti.

Proseguendo nella navigazioni acconsenti all'utilizzo di cookie. I dati forniti in questo form saranno tenuti segreti dal titolare del sito e non inviati per nessun motivo a terze parti, anche agli stessi componenti della redazione, senza il consenso dell'interessato. I dati raccolti grazie a questo form non saranno ceduti a terzi nè verranno utilizzati per scopi diversi da quello esclusivo dichiarato dal sito. La redazione si riserva di non rispondere a messaggi di carattere commerciale o che non sono attinenti alla natura del sito. Cliccando sul pulsante "Invia" si autorizza automaticamente il sito musicainopera.com a trattare i dati personali come descritto in questo avviso. Questo secondo la norme vigenti in tema della tutela dei dati personali e della privacy. Per maggiori informazioni: Informativa sulla privacy e informativa cookie

Music and Words

 Here are the articles published in our blog Musica e Parole. By ticking the various years and months you can open the menu from which you can access all the resources available in the section. On the Historical Archive page you will also find this section plus some other resources and links to the site's contents

Un Macbeth da antologia al Teatro Verdi di Trieste

2023-02-01 16:59

Gianluca Macovez

News, Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Un Macbeth da antologia al Teatro Verdi di Trieste

La recensione del Macbeth al Verdi di Trieste del nostro inviato Gianluca Macovez. Buona lettura

 

 

 

 

 

 

 

Dopo ‘Otello’ un nuovo titolo di Verdi ispirato a Shakespeare va in scena a Trieste: ‘Macbeth’, nello storico allestimento firmato per le scene, ricostruite da Benito Leonori, da Josef Svoboda, per i costumi da Nanà Cecchi e la regia da Henning Brockhaus.

Uno spettacolo già andato in scena al Verdi dieci anni, ma che era da tempo atteso, perché originariamente previsto nella stagione cancellata a causa della pandemia.

Le aspettative non sono state deluse: abbiamo assistito ad una grande pagina del teatro, sempre preziosa e più attuale, anche grazie all’enorme lavoro di prove seguito in persona da Svoboda, che riesce a far indossare a quasi tutti gli interpreti la parte come fosse un guanto.

Entriamo da subito in un mondo onirico, fra qualche sogno e tanti incubi, che prende forma e cambia continuamente a vista, grazie ad una soluzione scenica flessibile ed suggestiva, che si adatta al racconto, colorata da delle proiezioni mai scontate, con effetti eleganti e mai stucchevoli, specchi che portano in scena il teatro.

All’aprire del sipario siamo trasportati in un altrove che sappiamo essere in noi, una narrazione interiore affascinante, crudele e sconvolgente.

La lady è il vero motore dell’opera.

Si abbandonano tutte le letture finora ascoltate e viste e ci troviamo davanti ad una donna che impazzisce per il piacere del potere.

Fuori di senno ben prima del sonnambulismo, in una lettura inedita e coraggiosissima della pagina verdiana, che è perfettamente aderente alla partitura.

Un lavoro sulla parola attento, cinico persino, che ha portato a rilevare sfumature trascurate, accenti dimenticati.

Un simile lavoro chiede un team afiatato e Brockhau poteva contare su alleati preziosi.

Nanà Cecchi è grande artiste e losi è visto, ancora una volta, nei costumi, un po’ abito, un po’ scultura, a cavallo fra Shakespeare e Kurosawa, che collocano l’azione fuori dal tempo, fuori dallo spazio.

Valentina Escobar lavora alle coreografie coinvolgendo sei ballerine, due acrobate aeree, ma anche tutto il coro, che, soprattutto nella componente femminile, riesce ed evocare immagini infernali mai scontate e di grande coinvolgimento.

Certamente l’impegno richiesto a tutti è stato enorme e non solo per le tante prove, o per la vicinanza delle repliche, che ha portato la prima compagnia ad esibirsi di fatto tre volte in cinque giorni.

Paolo Longo ha diretto il coro, che con il supporto de I Piccoli Cantori della Città di Trieste diretti da Cristina Semerano ha vissuto un ruolo da coprotagonista: oltre a cantare con la consueta bravura, ha ballato, mimato, interpretato offrendo una magnifica prova attoriale.

Il Maestro Fabrizio Maria Carminati ha guidato con sicurezza un’ orchestra che conosce, riuscendo a calibrare bene i volumi, a supportare le voci ed ha offerto una lettura misurata che ha permesso di mettere in risalto parole ed interpretazione. In un tempo di bacchette autoreferenziali non è dato da poco.

Gli interpreti sono stati tutti, pur con i necessari distinguo, all’altezza della situazione.

Riuscite le apparizioni di Isabella Bisacchi. Maria Vittoria Capaldo, Sofia Cela, Crisanthi Narain, Damiano Locatelli e Giuliano Pellizzon, questi ultimi due impegnati anche in altri ruoli ben risolti. Sicura in scena e vocalmente la Dama di Cinzia Chiarini. Funzionale il Medico interpretato da Francesco Musinu. Gianluca Sorrentino era Malcolm, che si muoveva bene in scena ed assolveva il ruolo con correttezza.

Banco era Dario Russo. Il basso ha una voce generosa, con fiati possenti, solidi acuti sicuri.

Ha costruito un personaggio credibile e funzionale alla trama, che lo vuole subalterno narrativamente ma molto presente drammaturgicamente.

Antonio Poli è stato un vero lusso come Macduff.

Il tenore è fra gli interpreti più interessanti della sua generazione, dotato di una voce dal timbro accattivante, una brillante baldanza vocale che gli consente di tratteggiare un personaggio intriso di verità: un giovane uomo arrabbiato con la vita, che cerca sostegno per vendicare i torti subiti.

Non offre la ricorrente lettura malinconica, il canto suggestivo e carico di rimpianti di tanti suoi colleghi, ma piuttosto regala i suoi sicuri acuti e la tavolozza di intense sfumature ad un racconto intenso e coinvolgente che prende la platea.

Giovanni Meoni è Macbeth. Il baritono canta la parte con correttezza, mettendo in evidenza un bel timbro, una tecnica sicura , buoni fiati.

L’interpretazione è meno coinvolgente: pare quasi ieratico, sembra scavare meno le parole, quasi generico nell’interpretazione, persino nella grande pagina ‘ Pietà, rispetto, amore’.

Importante dire che questa potrebbe anche essere una scelta attoriale: interpretare un Macbeth succube, uomo arrendevole schiacciato dalla moglie avida.

Certamente grandissima protagonista della serata una Silvia Della Benetta straordinariamente in parte.

Il soprano può contare su una tecnica solida, che le ha permesso di sfoggiare, dopo trent’anni di carriera, un centro solido, acuti sicuri, appropriate agilità e di superare le difficoltà, sicuramente ampliate dalle recite ravvicinate, di cui è irta la parte.

Di grande impatto il lavoro sulla parola, sui toni, sulle sfumature, sul senso di ogni accento, che ha dato forma ad una Lady posseduta dal desiderio di potere, vittima di una crescente follia, che trasformerà il sonnambulismo in delirio.

Il controllo è assoluto: la musica guida ogni movimento, qualsiasi espressione, perfino i respiri. Davanti a noi si materializzano in uno stesso corpo :una donna meravigliata, una regina compiaciuta, una tigre che si aggira nella notte , una bimba in cerca di giochi perduti, una strega, una assassina. Tutte credibili, tutte autentiche per il tempo in cui le vediamo agire.

Portata sulla scena da un manipolo di streghe sembra sempre più desiderosa di successo, posseduta dal piacere del potere, che riesce a declinare in una strabiliante tavolozza di sfumature, che fanno prendere forma, di volta in volta, alla bambina inappagata che evidentemente abita da sempre dentro di lei; alla donna sensuale che fa intuire le forme del suo corpo allo sposo che vuole sedurre per continuare la scalata sociale; alla moglie determinata, che canta con un timbro metallico che sembra di ferro appena forgiato.

Alla fine una scena del sonnambulismo nella quale forse mancherà la componente del sogno, ma sicuramente è ben presente quella dell’incubo, ampliato dalla scelta di farle concludere la parte finale dell’aria fuori scena, penalizzando forse la resa sonora, ma consegnando all’immortalità degli incubi la regina della malvagità

Una prova dalla enorme personalità, che fa rientrare la Dalla Benetta nel novero delle Lady più interessanti ed originali di oggi.

Alla fine, il teatro, affollatissimo, ha tributo un successo trionfale a tutti gli interpreti, con particolare entusiasmo per la coppia di protagonisti.

 

Trieste, Teatro Giuseppe Verdi, stagione d’opera e balletto 2022

“MACBETH”
Melodramma in quattro parti su libretto di Francesco Maria Piave da Shakespeare

Musica di GIUSEPPE VERDI

Personaggi e interpreti

Macbeth Giovanni Meoni

Lady Macbeth Silvia Dalla Benetta

Macduff Antonio Poli

Banco Dario Russo

Dama di Lady Macbeth Cinzia Chiarini

Malcolm Gianluca Sorrentino

Medico Francesco Musinu

Domestico di Macbeth/Apparizione Damiano Locatelli

Sicario/Apparizione Giuliano Pellizon

Araldo Francesco Paccorini

Apparizioni Isabella Bisacchi, Maria Vittoria Capaldo, Sofia Cella, Crisanthi Narain

Con la partecipazione del Coro I Piccoli Cantori della Città di Trieste diretti dal M° Cristina Semeraro

Orchestra Coro e Tecnici della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste
Maestro concertatore e direttore Fabrizio Maria Carminati

Maestro del coro Paolo Longo
Con la partecipazione de I Piccoli Cantori della Città di Trieste
diretti da Cristina Semeraro
Regia  Henning Brockhaus

Scene Josef Svoboda, Ricostruzione dell’allestimento scenico Benito Leonori

Costumi Nanà Cecchi

Coreografie Valentina Escobar

ALLESTIMENTO IN COPRODUZIONE TRA FONDAZIONE PERGOLESI SPONTINI DI JESI E FONDAZIONE TEATRO LIRICO GIUSEPPE VERDI DI TRIESTE

Trieste, Teatro Giuseppe Verdi, 29 gennaio 2023

mac-5.jpeg
mac-6.jpeg
blogmusica-e-parole

News, Interviste, Interviste artisti, opera, intervista,

"Interviste del Loggione" 2023 - Intervista a Franco Silvestri, presidente di ARIACS

Admin

2023-05-29 20:38

Pubblichiamo il video dell'intervista a Franco Silvestri presidente di ARIACS andata in diretta streaming sul nostro gruppo

Turandot al Teatro Verdi di Trieste - Recensione di Gianluca Macovez
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Turandot al Teatro Verdi di Trieste - Recensione di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2023-05-29 20:21

Recensione di Turandot di Giacomo Puccini in scena al Verdi di Trieste dal 12 maggio al 21 maggio 2023

Norma al Teatro Carlo Felice di Genova - Recensione di Fulvio Venturi
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Norma al Teatro Carlo Felice di Genova - Recensione di Fulvio Venturi

Fulvio Venturi

2023-05-12 22:56

Recensione di Fulvio Venturi della Norma andata in scena al Teatro Carlo Felice di Genova con la regia di Stefania Bonfadelli

Successo della Lucia di Lammermoor al Teatro alla Scala - Recensione di Gianluca Macovez
Musicologia generale, Recensioni, opera, recensione,

Successo della Lucia di Lammermoor al Teatro alla Scala - Recensione di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2023-05-12 22:30

Recensione del nostro corrispondente Gianluca Macovez della Lucia scaligera che è stata anche trasmessa in differita TV su RAI5

Le Interviste del Loggione - Intervista a Daniela Barcellona - di Gianluca Macovez
News, Musicologia generale, Interviste, Interviste artisti, Curiosità, opera, intervista,

Le Interviste del Loggione - Intervista a Daniela Barcellona - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2023-04-23 03:41

L'intervista di Gianluca Macovez alla grande Daniela Barcellona, in questi giorni impegnata a Trieste nell'Orfeo ed Euridice di Gluck

Sabato 22 aprile consegna del Premio Opsicella 2023 a Bruno De Simone e Alessandra Rossi
News, Curiosità, opera,

Sabato 22 aprile consegna del Premio Opsicella 2023 a Bruno De Simone e Alessandra Rossi

Admin

2023-04-22 22:06

Cerimonia di premiazione del prestigioso riconoscimento in cui oggi stati premiati tra gli altri il baritono Bruno De Simone e il soprano Alessandra Rossi

Orfeo ed Euridice di Gluck al Teatro Verdi di Trieste - Recensione di Gianluca Macovez
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Orfeo ed Euridice di Gluck al Teatro Verdi di Trieste - Recensione di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2023-04-22 02:40

Recensione di ‘Orfeo ed Euridice’ di Christoph Willibald Gluck in scena al Teatro Verdi di Trieste dal 14 al 23 aprile 2023

Ascolti per la Settima Santa - anno 2023
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, opera,

Ascolti per la Settima Santa - anno 2023

Admin

2023-04-03 00:29

La tradizionale proposta di brani da ascoltare durante la Settimana Santa. Buona Pasqua a tutti!

Proposte coraggiose al Verdi di Trieste:
News, Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Proposte coraggiose al Verdi di Trieste: "Il Bullo in Maschera" e "Romeo & Juliet" - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2023-04-02 23:41

La recensione dei due spettacoli andati in scena in questi giorni al Teatro Verdi di Trieste

Presentata la produzione teatrale della sartoria Quindi della Cooperativa Nanina di Lucca
News, Interviste artisti, Curiosità, opera, news,

Presentata la produzione teatrale della sartoria Quindi della Cooperativa Nanina di Lucca

Admin

2023-03-30 17:02

Presentata la produzione della sartoria Quindi a Lucca alla presenza di personalità del mondo del teatro e della società civile. Un progetto ecososteniibile

Intervista all'artista Giulio Pedaci - di Loredana Atzei
News, Interviste, Interviste artisti, Curiosità, opera, intervista,

Intervista all'artista Giulio Pedaci - di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2023-03-26 04:02

Intervista di Loredana Atzei all'artista Giulio Pedaci che esporrà a Bologna le sue opere il 29 marzo prossimo

Successo per l'Akhnaten di Glass presso la English National Opera al London Coliseum - Recensione di Kevin De Sabbata
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni,

Successo per l'Akhnaten di Glass presso la English National Opera al London Coliseum - Recensione di Kevin De

Kevin De Sabbata

2023-03-23 16:07

Recensione di Kevin De Sabbata dell'Akhnaten di Glass in scena in questi giorni a Londra. Buona lettura

Al via il 24 marzo la Stagione dell'Ente Concerto Marialisa De Carolis di Sassari
News, Musicologia generale, Curiosità, opera, comunicato stampa,

Al via il 24 marzo la Stagione dell'Ente Concerto Marialisa De Carolis di Sassari

Admin

2023-03-22 12:37

Al via il 24 marzo la stagione dell'Ente Concerto Marialisa De Carolis di Sassari. Direzione artistica del M° Alberto Gazale

Curiosità, Teatro, Recensioni, teatro, recensione,

"Stanno sparando sulla nostra canzone" un pasticcio dai toni noir - recensione di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2023-03-20 00:29

Recensione di Gianluca Macovez dell’ultimo spettacolo di Veronica Pivetti riuscito solo in parte

The Rake's Progress di Stravinskij a Firenze - Recensione di Fulvio Venturi
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

The Rake's Progress di Stravinskij a Firenze - Recensione di Fulvio Venturi

Fulvio Venturi

2023-03-17 18:24

La recensione di Fulvio Venturi del The Rake's Progress in scena a Firenze. Recita del 14 marzo

News, Interviste, Interviste artisti, Curiosità, Recensioni, intervista,

"Al Capone" conquista Parigi - Intervista a Roberto Alagna - a cura di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2023-03-17 17:54

Approfondimento di Loredana Atzei dedicato al musical Al Capone, evento musicale di successo che vede come interprete principale il tenore Roberto Alagna

Successo per La Serva Padrona di Pergolesi al Teatro Mazzacorati - Recensione e interviste agli artisti di Loredana Atzei
Musicologia generale, Interviste artisti, Curiosità, Recensioni, intervista, recensione,

Successo per La Serva Padrona di Pergolesi al Teatro Mazzacorati - Recensione e interviste agli artisti di Lor

Loredana Atzei

2023-03-13 19:37

La recensione e le interviste di Loredana Atzei agli interpreti della Serva Padrona di Pergolesi andata in scena con successo al Teatro Mazzacorati di Bologna

I Capuleti e i Montecchi al Verdi di Trieste: un recupero tra metateatro e voci preziose - Recensione di Gianluca Macovez
News, Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

I Capuleti e i Montecchi al Verdi di Trieste: un recupero tra metateatro e voci preziose - Recensione di Gianl

Gianluca Macovez

2023-03-09 13:00

Recensione di ‘I Capuleti e i Montecchi’ di Vincenzo Bellini in scena al Teatro Verdi di Trieste dal 24 febbraio al 5 marzo 2023

News, Musicologia generale, Recensioni, opera, recensione,

"Tosca" al Teatro Carlo Felice di Genova - Recita con Oksana Dyka - Recensione di Fulvio Venturi

Fulvio Venturi

2023-03-07 22:30

Una “Tosca” solida al Carlo Felice di Genova con Oksana Dyka chiamata a sostituire Maria José Siri. Apprezzati Riccardo Massi e Amartuvshin Enkhbat

Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

"Il Tamerlano" in scena al Teatro del Giglio di Lucca - Recensione di Fulvio Venturi

Fulvio Venturi

2023-02-19 23:32

"Il Tamerlano" diretto da Dantone, con la regia di Stefano Monti, arriva come ultima tappa al Teatro del Giglio di Lucca. Recensione di Fulvio Venturi

Here are the articles published in our blog Musica e Parole. By ticking the various years and months you can open the menu from which you can access all the resources available in the section. On the Historical Archive page you will also find this section plus some other resources and links to the site's contents

The 10 most read articles

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder